Pubblicità

I giochi per cellulare possono essere utilizzati per rilevare i segni di un declino cognitivo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 434 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una nuova ricerca condotta dall'University of Kent mostra che i giochi popolari per telefoni cellulari potrebbero fornire un nuovo strumento per aiutare i medici a individuare i primi segni di declino cognitivo, alcuni dei quali potrebbero indicare l'insorgere di condizioni gravi come la demenza.

giochi cellulare declino cognitivo

Studiando il legame tra i gesti di "tocco", "scorrimento", "rotazione" durante il gioco e le prestestazioni cognitive degli utenti, la ricerca mostra che la velocità, la lunghezza e l'intensità di questi movimenti sono correlate alla funzione cerebrale. In particolare, l'esecuzione di questi gesti rivela informazioni chiave sulle capacità di ricerca visiva dei giocatori, flessibilità mentale e inibizione delle loro risposte. Tutti offrono indizi sulla salute generale del cervello degli individui.


I ricercatori dello studio, il Dr Jim Ang, Jittrapol Intarasirisawat e il Dr Christos Efsratiou della Kent's School of Engineering and Digital Arts, Luke William Feidham Dickens dell'University College di Londra e Rupert A. Page del Poole Hospital NHS Foundation Trust hanno presentato i loro risultati alla ACM International Joint Conference on Pervasive and Ubiquitous Computing (UbiComp).

La loro ricerca ha incluso 21 partecipanti sani, attraverso un test standard di valutazione cognitiva su carta, seguiti da sessioni di 10 minuti con i seguenti giochi: Tetris, Candy Crush Saga e Fruit Ninja, per due periodi separati, a due settimane di distanza. I tre giochi selezionati sono stati scelti perché sono facili da imparare, coinvolgenti per la maggior parte dei giocatori e coinvolgono varie interazioni usando più gesti.

Utilizzando i sensori integrati nei telefoni cellulari per raccogliere dati, il team ha mostrato in che modo gli utenti interagivano con i giochi e hanno illustrato un chiaro collegamento tra i gesti tattili dei soggetti, ovvero i "tocchi" e gli "scorrimenti", i loro "gesti di rotazione" e i loro livelli di prestazioni cognitive. Lo studio ha rivelato la capacità dei partecipanti di svolgere attività di ricerca visuo-spaziale e visiva, nonché di testare la loro memoria, flessibilità mentale e durata dell'attenzione.

Pubblicità


Il team di ricerca ha concluso che questi giochi per cellulare popolari e standardizzati possono fornire una misura efficace della funzione cerebrale per individuare i cambiamenti nelle capacità motorie che sono comunemente osservati in pazienti con malattia di Alzheimer, ictus, trauma cranico, schizofrenia e disturbo ossessivo compulsivo. La diagnosi precoce dei segni di declino cognitivo è fondamentale per un trattamento e una prevenzione efficaci, nonché per l'identificazione di individui a rischio di patologie cerebrali.

Inoltre, lo studio fornisce prove del potenziale utilizzo del gameplay mobile per rilevare cambiamenti nelle prestazioni cognitive tra gli atleti esposti a traumi cranici, come pugili, giocatori di rugby e calciatori. L'uso della tecnologia mobile non è solo più rapido del tradizionale formato cartaceo, ma semplifica l'esecuzione di test regolari e ripetitivi ed è più coinvolgente per le persone sottoposte a valutazione. I giochi possono anche essere facilmente modificati per testare specifiche abilità cognitive e porre maggiori richieste agli utenti.

Il dott. Ang, docente di sistemi multimediali/digitali, ha dichiarato: "Siamo molto incoraggiati dai risultati del nostro studio e da allora abbiamo raccolto dati da pazienti che hanno mostrato segni di danno cerebrale. Questa ulteriore analisi ha rafforzato le conclusioni della nostra ricerca originale. Ora stiamo lavorando per progettare un algoritmo in grado di eseguire il monitoraggio automatico delle prestazioni cognitive degli individui mentre giocano a questi giochi".




FONTE:

  • University of Kent. "Popular mobile games can be used to detect signs of cognitive decline." ScienceDaily. ScienceDaily, 12 September 2019.



Articolo a cura del dottor Andrea di Maio



Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: news di psicologia declino cognitivo giochi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

News Letters

0
condivisioni