Pubblicità

I giochi per cellulare possono essere utilizzati per rilevare i segni di un declino cognitivo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 571 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una nuova ricerca condotta dall'University of Kent mostra che i giochi popolari per telefoni cellulari potrebbero fornire un nuovo strumento per aiutare i medici a individuare i primi segni di declino cognitivo, alcuni dei quali potrebbero indicare l'insorgere di condizioni gravi come la demenza.

giochi cellulare declino cognitivo

Studiando il legame tra i gesti di "tocco", "scorrimento", "rotazione" durante il gioco e le prestestazioni cognitive degli utenti, la ricerca mostra che la velocità, la lunghezza e l'intensità di questi movimenti sono correlate alla funzione cerebrale. In particolare, l'esecuzione di questi gesti rivela informazioni chiave sulle capacità di ricerca visiva dei giocatori, flessibilità mentale e inibizione delle loro risposte. Tutti offrono indizi sulla salute generale del cervello degli individui.


I ricercatori dello studio, il Dr Jim Ang, Jittrapol Intarasirisawat e il Dr Christos Efsratiou della Kent's School of Engineering and Digital Arts, Luke William Feidham Dickens dell'University College di Londra e Rupert A. Page del Poole Hospital NHS Foundation Trust hanno presentato i loro risultati alla ACM International Joint Conference on Pervasive and Ubiquitous Computing (UbiComp).

La loro ricerca ha incluso 21 partecipanti sani, attraverso un test standard di valutazione cognitiva su carta, seguiti da sessioni di 10 minuti con i seguenti giochi: Tetris, Candy Crush Saga e Fruit Ninja, per due periodi separati, a due settimane di distanza. I tre giochi selezionati sono stati scelti perché sono facili da imparare, coinvolgenti per la maggior parte dei giocatori e coinvolgono varie interazioni usando più gesti.

Utilizzando i sensori integrati nei telefoni cellulari per raccogliere dati, il team ha mostrato in che modo gli utenti interagivano con i giochi e hanno illustrato un chiaro collegamento tra i gesti tattili dei soggetti, ovvero i "tocchi" e gli "scorrimenti", i loro "gesti di rotazione" e i loro livelli di prestazioni cognitive. Lo studio ha rivelato la capacità dei partecipanti di svolgere attività di ricerca visuo-spaziale e visiva, nonché di testare la loro memoria, flessibilità mentale e durata dell'attenzione.

Pubblicità


Il team di ricerca ha concluso che questi giochi per cellulare popolari e standardizzati possono fornire una misura efficace della funzione cerebrale per individuare i cambiamenti nelle capacità motorie che sono comunemente osservati in pazienti con malattia di Alzheimer, ictus, trauma cranico, schizofrenia e disturbo ossessivo compulsivo. La diagnosi precoce dei segni di declino cognitivo è fondamentale per un trattamento e una prevenzione efficaci, nonché per l'identificazione di individui a rischio di patologie cerebrali.

Inoltre, lo studio fornisce prove del potenziale utilizzo del gameplay mobile per rilevare cambiamenti nelle prestazioni cognitive tra gli atleti esposti a traumi cranici, come pugili, giocatori di rugby e calciatori. L'uso della tecnologia mobile non è solo più rapido del tradizionale formato cartaceo, ma semplifica l'esecuzione di test regolari e ripetitivi ed è più coinvolgente per le persone sottoposte a valutazione. I giochi possono anche essere facilmente modificati per testare specifiche abilità cognitive e porre maggiori richieste agli utenti.

Il dott. Ang, docente di sistemi multimediali/digitali, ha dichiarato: "Siamo molto incoraggiati dai risultati del nostro studio e da allora abbiamo raccolto dati da pazienti che hanno mostrato segni di danno cerebrale. Questa ulteriore analisi ha rafforzato le conclusioni della nostra ricerca originale. Ora stiamo lavorando per progettare un algoritmo in grado di eseguire il monitoraggio automatico delle prestazioni cognitive degli individui mentre giocano a questi giochi".




FONTE:

  • University of Kent. "Popular mobile games can be used to detect signs of cognitive decline." ScienceDaily. ScienceDaily, 12 September 2019.



Articolo a cura del dottor Andrea di Maio



Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: news di psicologia declino cognitivo giochi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni