Pubblicità

I Volti e le Alleanze Sociali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 418 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli uomini e le donne preferiscono volti diversi quando sono in cerca di alleati sociali

cervello maschio femmina diversitàDopo essere stato dalla parte dei perdenti in una lotta, gli uomini cercano altri alleati con uno sguardo rude e dominante su di loro per garantirsi un appoggio in caso di lotte future. Le donne in situazioni simili però, preferiscono cercare conforto da parte di alleati i cui volti suggeriscono che possono fornire un sostegno emotivo.

C'è una radice evolutiva per le differenze su come uomini e donne cercano alleati ed è guidato dalla necessità di sopravvivenza sociale.

Questo è il risultato di una ricerca dei ricercatori britannici Christopher Watkins di Abertay University e Benedetto Jones dell'Università di Glasgow, nel giornale di Springer Behavioral Ecology and Sociobiology.

La formazione di alleanze si riferisce alla tendenza tra le persone di collaborare nel perseguimento di un obiettivo comune. Si tratta di un aspetto importante di intelligenza sociale tra gli esseri umani e altre specie.

Non si sa molto invece sui processi cognitivi che entrano in gioco quando le persone scelgono alleati all'interno dei diversi contesti sociali, e se 'informazioni minime', come ad esempio giudizi affrettati fatte su qualcuno in base a come il loro viso appare, vengono utilizzate nelle nostre valutazioni di alleati adatti.

Watkins e Jones hanno verificato come le persone associano specifici segnali facciali che rendono idoneo un alleato in specifiche esperienze sociali. Per scoprire se ci sono differenze di genere specifiche a questo, i ricercatori hanno analizzato le risposte di 246 giovani adulti che hanno completato un esperimento on-line.

Ai partecipanti è stato chiesto prima di visualizzare se stessi come vincenti o perdenti in una di queste due situazioni: una lotta fisica o la promozione ad un concorso con un rivale dello stesso sesso. Sono stati poi mostrati 20 coppie di volti maschili e femminili.

Queste fotografie sono state manipolate usando metodi grafici col computer in modo che ciascuna coppia sia costituita dalla versione maschile e femminile dello stesso individuo. Su ogni prova, i partecipanti dovevano scegliere chi poteva essere il migliore alleato guardando solamente le loro caratteristiche facciali.

Gli uomini in generale preferiscono uomini come alleati, in contrasto con le donne che non hanno fatto tale selezione, giudicando gli uomini come possibili alleati. Tuttavia, le donne femminili nell'aspetto sono state preferite come alleati sia da uomini che da donne.

Secondo Watkins e Jones, queste preferenze sociali generali possono avere una base evolutiva. Le alleanze con gli uomini dominanti potrebbero portare benefici agli uomini che devono competere contro gruppi rivali e migliorano il rango sociale del maschio che ha selezionato un alleato dominante.

"I nostri risultati suggeriscono che ci sono risposte sesso-specifiche alle caratteristiche del viso che sono flessibili e possono cambiare alla luce di una recente esperienza di confronto", dice Watkins.

Mentre le preferenze degli uomini per gli alleati dominanti dall'aspetto erano più forti dopo una perdita rispetto ad una vittoria in uno scontro violento con un altro maschio, le preferenze delle donne per alleati dominanti dall'aspetto erano più deboli dopo una perdita rispetto ad una vittoria in uno scontro violento con un'altra femmina.

"Questi risultati suggeriscono che la selezione intra-sessuale, in parte, ha plasmato l'evoluzione dell’intelligenza sociale negli esseri umani come rivelato dalla flessibilità nelle preferenze sociali per gli alleati," dire Watkins e Jones.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: collaborazione donne uomini alleanze sociali volti, sopravvivenza sociale esperienze sociali diversità,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

News Letters

0
condivisioni