Pubblicità

Il segreto per godersi le vacanze

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 568 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio effettuato dalla Erasmus University di Rotterdam ci aiuta a comprendere alcuni accorgimenti che possono aiutarci a migliorare il valore delle nostre vacanze

Il segreto per godersi le vacanzeJeroen Nawijn della Erasmus University di Rotterdam, ha spiegato che una volta fatte, le ferie, specie se sono brevi e intense, non ti aiutano a tornare in ufficio piu' felice del tuo collega che in vacanza non e' andato. E comunque anche gli effetti anti-stress di una lunga vacanza svaniscono in poche settimane dal ritorno in ufficio.Lo studio e' stato pubblicato sulla rivista Applied Research in Quality of Life.

Sono stati intervistati 1.530 adulti di cui 974 si erano concessi una vacanza durante il periodo dello studio.

E' emerso che la felicita' dei vacanzieri si impenna prima di partire, quando si pregustano le ferie nella loro organizzazione; poi invece al ritorno tra vacanzieri e coloro che sono rimasti in ufficio non vi e' differenza alcuna in termini di felicita'. Solo quando si torna da viaggi lunghi e rilassanti si e' leggermente piu' felici del collega che non e' partito, ma questa felicita' post-vacanza svanisce al massimo in otto settimane dal ritorno.

"L'effetto benefico - spiega il sociologo Carlo Pruneti, esperto di stress e responsabile della sezione di psicologia clinica dell'Università degli studi di Parma - dipende in gran parte da cosa una persona fa prima di partire: se ad esempio lavoriamo tantissimo tutto l'anno e poi all'improvviso stacchiamo, andare in ferie provoca una specie di trauma, sia a livello fisico che psicologico. Il nostro organismo ubbidisce alla legge dell'economia che lo porta a cercare il miglior livello di rendimento con il minor dispendio di energie. Ma non sempre funziona".

Pubblicità

Tecnicamente si parla di "stress postumo", ovvero di quella dose di stanchezza fisica e mentale che subentra quando andiamo in ferie, nel momento in cui nell'organismo si crea il cosiddetto "breakdown". "La rottura, l'interruzione improvvisa delle attività provoca un'enorme dose di stress - continua Pruneti - e la vacanza, a seconda di com'è organizzata e di quanto dura, può far più male che bene". Le più a rischio sarebbero quelle brevi: meglio due settimane che una, altrimenti si accumulano due interruzioni in pochi giorni.

Altra possibilità è quella di fare 3 o 4 mini vacanze l'anno, in modo da non creare nell'organismo una drastica interruzione di tutte le attività in un colpo solo. "Il benessere in vacanza - conclude l'esperto - nasce dal trovarsi nel posto giusto al momento giusto con le persone giuste."

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: stress vacanze

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

News Letters

0
condivisioni