Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L’ambiente può influenzare l’azione degli antidepressivi?

on . Postato in News di psicologia | Letto 360 volte

I ricercatori hanno scoperto che i topi inseriti in un ambiente più confortevole mostravano un aumento nell’espressione delle citochine pro-infiammatorie e un decremento dei geni anti-infiammatori, oltre a mostrare meno segni di depressione. All’opposto, quelli sottoposti a condizioni stressanti, mostrano effetti contrari, ossia una diminuzione delle citochine pro-infiammatorie e un aumento dell’espressione genica anti-infiammatoria, con maggiori segni di depressione.

antidepressiviGli antidepressivi SSRI, ossia gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, sono tra i farmaci maggiormente utilizzati nella pratica clinica per il trattamento della depressione.

Tuttavia, non sembra esserci alcun modo di sapere in anticipo se questi funzioneranno in maniera efficace; alla luce di ciò, un gruppo di ricercatori europei ha sviluppato una nuova teoria dell’azione di tali farmaci, testandola in topi stressati.

Secondo la ricercatrice Silvia Poggini dell’Istituto Superiore della Sanità di Roma, “non vi è dubbio che gli antidepressivi funzionino per molte persone, ma nel 30-50% delle persone depresse, tali farmaci non sembrano rivelarsi efficaci. Nessuno sa perché e questo lavoro potrebbe così spiegarne parte della ragione”.

I ricercatori hanno proposto che aumentando semplicemente i livelli di serotonina, mediante un SSRI, non si ha un recupero dalla depressione, ma si predispone il cervello verso una condizione in cui può avvenire il cambiamento.

Tuttavia, secondo i ricercatori, sono anche le condizioni ambientali, al momento del trattamento, a determinare un’efficacia migliore o peggiore.

Per verificare ciò, hanno esaminato un campione di topi sottoposti a fattori stressanti per due settimane, e successivamente hanno iniziato a somministrare la fluoxetina dividendo il gruppo: una parte (12 topi) continuava a vivere in condizioni stressanti, mentre l’altra era stata spostata in un ambiente più confortevole.

Infine sono stati misurati in tutti i roditori i livelli di citochine cerebrali correlate allo stress. Le citochine sono molecole proteiche fondamentali per la trasmissione cellulare nel sistema immunitario.

I ricercatori hanno scoperto che i topi inseriti in un ambiente più confortevole mostravano un aumento nell’espressione delle citochine pro-infiammatorie e un decremento dei geni anti-infiammatori, oltre a mostrare meno segni di depressione.

All’opposto, quelli sottoposti a condizioni stressanti, mostrano effetti contrari, ossia una diminuzione delle citochine pro-infiammatorie e un aumento dell’espressione genica anti-infiammatoria, con maggiori segni di depressione.

Questo indica quindi come l’ambiente sia determinante nella risposta agli antidepressivi. Secondo Silvia Poggini, questo lavoro indica che la semplice assunzione di antidepressivi SSRI non è sufficiente, e potrebbe essere necessario anche un ambiente confortevole.

Rispetto ai risultati raggiunti, il Dottor Laurence Lanfumey del Centre de Psychiatrie et Neuroscience Inserm, di Parigi, ha sottolineato come questo studio abbia presentato delle prove biologiche rispetto all’interazione tra un farmaco e l’ambiente, definendolo un bel modello per la combinazione di trattamenti comportamentali e farmacologici di cui necessitano alcuni disturbi come la depressione.

I ricercatori concludono sottolineando come il presente studio presenti una serie di limitazioni, in primis rispetto al fatto che non sono state indagate l’intera gamma di azioni degli SSRI; secondariamente è stato svolto su un modello animale, pertanto si rendono necessari studi epidemiologici e clinici per verificare ulteriormente la validità delle ipotesi.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: farmaco antidepressivi ambiente SSRI azione ed efficacia modello animale limitazioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

News Letters