Pubblicità

L’ambiente può influenzare l’azione degli antidepressivi?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 723 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I ricercatori hanno scoperto che i topi inseriti in un ambiente più confortevole mostravano un aumento nell’espressione delle citochine pro-infiammatorie e un decremento dei geni anti-infiammatori, oltre a mostrare meno segni di depressione. All’opposto, quelli sottoposti a condizioni stressanti, mostrano effetti contrari, ossia una diminuzione delle citochine pro-infiammatorie e un aumento dell’espressione genica anti-infiammatoria, con maggiori segni di depressione.

antidepressiviGli antidepressivi SSRI, ossia gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, sono tra i farmaci maggiormente utilizzati nella pratica clinica per il trattamento della depressione.

Tuttavia, non sembra esserci alcun modo di sapere in anticipo se questi funzioneranno in maniera efficace; alla luce di ciò, un gruppo di ricercatori europei ha sviluppato una nuova teoria dell’azione di tali farmaci, testandola in topi stressati.

Secondo la ricercatrice Silvia Poggini dell’Istituto Superiore della Sanità di Roma, “non vi è dubbio che gli antidepressivi funzionino per molte persone, ma nel 30-50% delle persone depresse, tali farmaci non sembrano rivelarsi efficaci. Nessuno sa perché e questo lavoro potrebbe così spiegarne parte della ragione”.

I ricercatori hanno proposto che aumentando semplicemente i livelli di serotonina, mediante un SSRI, non si ha un recupero dalla depressione, ma si predispone il cervello verso una condizione in cui può avvenire il cambiamento.

Tuttavia, secondo i ricercatori, sono anche le condizioni ambientali, al momento del trattamento, a determinare un’efficacia migliore o peggiore.

Per verificare ciò, hanno esaminato un campione di topi sottoposti a fattori stressanti per due settimane, e successivamente hanno iniziato a somministrare la fluoxetina dividendo il gruppo: una parte (12 topi) continuava a vivere in condizioni stressanti, mentre l’altra era stata spostata in un ambiente più confortevole.

Infine sono stati misurati in tutti i roditori i livelli di citochine cerebrali correlate allo stress. Le citochine sono molecole proteiche fondamentali per la trasmissione cellulare nel sistema immunitario.

I ricercatori hanno scoperto che i topi inseriti in un ambiente più confortevole mostravano un aumento nell’espressione delle citochine pro-infiammatorie e un decremento dei geni anti-infiammatori, oltre a mostrare meno segni di depressione.

All’opposto, quelli sottoposti a condizioni stressanti, mostrano effetti contrari, ossia una diminuzione delle citochine pro-infiammatorie e un aumento dell’espressione genica anti-infiammatoria, con maggiori segni di depressione.

Questo indica quindi come l’ambiente sia determinante nella risposta agli antidepressivi. Secondo Silvia Poggini, questo lavoro indica che la semplice assunzione di antidepressivi SSRI non è sufficiente, e potrebbe essere necessario anche un ambiente confortevole.

Rispetto ai risultati raggiunti, il Dottor Laurence Lanfumey del Centre de Psychiatrie et Neuroscience Inserm, di Parigi, ha sottolineato come questo studio abbia presentato delle prove biologiche rispetto all’interazione tra un farmaco e l’ambiente, definendolo un bel modello per la combinazione di trattamenti comportamentali e farmacologici di cui necessitano alcuni disturbi come la depressione.

I ricercatori concludono sottolineando come il presente studio presenti una serie di limitazioni, in primis rispetto al fatto che non sono state indagate l’intera gamma di azioni degli SSRI; secondariamente è stato svolto su un modello animale, pertanto si rendono necessari studi epidemiologici e clinici per verificare ulteriormente la validità delle ipotesi.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: farmaco antidepressivi ambiente SSRI azione ed efficacia modello animale limitazioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sessualità (1560543734926)

Cinzia,56 Buonasera, c’è una cosa che mi assilla. ...

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni