Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L'ansia aumenta la motivazione e migliora la performance

on . Postato in News di psicologia | Letto 1278 volte

Per alcuni individui, una condizione di elevato stress può rivelarsi un vantaggio piuttosto che un problema. Secondo nuove ricerche, pubblicate sul Journal of Individual Differences, alcuni individui ansiosi possono utilizzare questa condizione per motivare se stessi.

ansia motivazione

In precedenza, grazie alla ricerca è stato scoperto che l’ansia può avere effetti negativi sulla concentrazione e sulla memoria. Tuttavia, questo nuovo studio suggerisce che il modo in cui i soggetti sperimentano e rispondono all’ansia influenza le loro prestazioni in ambito accademico e lavorativo.

L’autore dello studio, Juliane Strack, ha spiegato che all’interno della letteratura psicologica ci si è concentrati maggiormente sulla regolazione delle emozioni da un punto di vista edonico, termine che indica lo sforzo dei soggetti di essere felici.

Tuttavia, ci sono situazioni in cui molti sembrano essere più produttivi sotto stress, ovvero in situazioni che tendono ad evocare emozioni negative come l’ansia e la rabbia.

Pertanto, ciò ha portato gli autori ad esaminare il concetto di regolazione strumentale dell’emozione, ossia la tendenza a provare o mantenere delle emozioni che ci aiutano a raggiungere degli scopi, emozioni che possono essere negative come l’ansia. Inoltre, queste considerazioni hanno indotto i ricercatori ad esaminare anche quello che viene definito “eustress”, ovvero lo stress positivo.

Lo studio, suddiviso in tre parti, ha tentato di indagare la tendenza ad utilizzare l’ansia per motivare se stessi coinvolgendo 194 adulti, 159 studenti e 270 giornalisti. Coloro i quali mirano ad utilizzare l’ansia per motivarsi tendono a fare dichiarazioni come “Sentirmi ansioso per una scadenza mi aiuta a concludere in tempo il lavoro” e “Essere in ansia per i miei obiettivi mi aiuta a concentrarmi su di essi”.

Risultati

I ricercatori hanno scoperto che gli studenti con un livello maggiore di motivazione da ansia tendevano ad avere migliori risultati rispetto a quegli studenti con un minor grado di motivazione. Allo stesso modo, i giornalisti che presentavano una più alta motivazione da ansia riferivano una maggiore soddisfazione per il lavoro compiuto, rispetto ai giornalisti con un basso livello di motivazione.

Pubblicità

L’associazione tra ansia e risultati negativi sembra non valere per tutti gli individui. Usare l’ansia come fonte di motivazione potrebbe compensare gli effetti negativi che da essa ne derivano.  E’ importante che le persone imparino a comprendere il lato positivo delle emozioni negative, in particolare dell’ansia, dal momento che molti cercano di sopprimerla o evitarla. In questi studi è emerso come l’ansia possa, in realtà, determinare alti livelli di energia e di attenzione. In altre parole, usano l’ansia per auto – motivarsi, una condizione che viene descritta dagli autori attraverso il concetto di “motivazione da ansia”.

Lo studio ha presentato anche alcuni limiti. Come ha affermato Strack.” Dal momento che per gli studi sono stati utilizzati strumenti self – report, quelli futuri dovrebbero occuparsi di esplorare il concetto di motivazione da ansia attraverso la valutazione delle prestazioni, utilizzando indicatori oggettivi per la motivazione e per le prestazioni”. Per lo studio, inoltre, è stata utilizzata una metodologia trasversale che ha impedito ai ricercatori di fare inferenze sul legame causa – effetto.

Strack ha aggiunto: “Il concetto di motivazione da ansia è stato già indagato in altri studi, dai quali è emerso che gli individui si differenziano in base alla modo in cui usano l’ansia da motivazione: alcuni sfruttano l’energia che essa fornisce, altri usano il valore informativo dell’ansia ( le emozioni rappresentano un sistema di feedback che ci aiuta a monitorare i progressi nel raggiungimento della meta, ad esempio, l’ansia può segnalarci che il raggiungimento del nostro obiettivo è minacciato).  Inoltre, la motivazione da ansia può arrestare alcune conseguenze negative delle situazioni stressanti: in ambiti sperimentali abbiamo osservato che la motivazione da ansia può proteggere dall’esaurimento emotivo, oltre che aiutare i soggetti a considerare lo stress come una sfida positiva".

 

Tratto da: psypost

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

Tags: ansia stress motivazione

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Per saperne di più

La tecnica dell'EMDR

Desensibilizzazione e rielaborazione del ricordo traumatico La desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (Eye Movement Desensitization Reprocessing), meglio nota come EMDR,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters