Pubblicità

L'ansia aumenta la motivazione e migliora la performance

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2957 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Per alcuni individui, una condizione di elevato stress può rivelarsi un vantaggio piuttosto che un problema. Secondo nuove ricerche, pubblicate sul Journal of Individual Differences, alcuni individui ansiosi possono utilizzare questa condizione per motivare se stessi.

ansia motivazione

In precedenza, grazie alla ricerca è stato scoperto che l’ansia può avere effetti negativi sulla concentrazione e sulla memoria. Tuttavia, questo nuovo studio suggerisce che il modo in cui i soggetti sperimentano e rispondono all’ansia influenza le loro prestazioni in ambito accademico e lavorativo.

L’autore dello studio, Juliane Strack, ha spiegato che all’interno della letteratura psicologica ci si è concentrati maggiormente sulla regolazione delle emozioni da un punto di vista edonico, termine che indica lo sforzo dei soggetti di essere felici.

Tuttavia, ci sono situazioni in cui molti sembrano essere più produttivi sotto stress, ovvero in situazioni che tendono ad evocare emozioni negative come l’ansia e la rabbia.

Pertanto, ciò ha portato gli autori ad esaminare il concetto di regolazione strumentale dell’emozione, ossia la tendenza a provare o mantenere delle emozioni che ci aiutano a raggiungere degli scopi, emozioni che possono essere negative come l’ansia. Inoltre, queste considerazioni hanno indotto i ricercatori ad esaminare anche quello che viene definito “eustress”, ovvero lo stress positivo.

Lo studio, suddiviso in tre parti, ha tentato di indagare la tendenza ad utilizzare l’ansia per motivare se stessi coinvolgendo 194 adulti, 159 studenti e 270 giornalisti. Coloro i quali mirano ad utilizzare l’ansia per motivarsi tendono a fare dichiarazioni come “Sentirmi ansioso per una scadenza mi aiuta a concludere in tempo il lavoro” e “Essere in ansia per i miei obiettivi mi aiuta a concentrarmi su di essi”.

Risultati

I ricercatori hanno scoperto che gli studenti con un livello maggiore di motivazione da ansia tendevano ad avere migliori risultati rispetto a quegli studenti con un minor grado di motivazione. Allo stesso modo, i giornalisti che presentavano una più alta motivazione da ansia riferivano una maggiore soddisfazione per il lavoro compiuto, rispetto ai giornalisti con un basso livello di motivazione.

Pubblicità

L’associazione tra ansia e risultati negativi sembra non valere per tutti gli individui. Usare l’ansia come fonte di motivazione potrebbe compensare gli effetti negativi che da essa ne derivano.  E’ importante che le persone imparino a comprendere il lato positivo delle emozioni negative, in particolare dell’ansia, dal momento che molti cercano di sopprimerla o evitarla. In questi studi è emerso come l’ansia possa, in realtà, determinare alti livelli di energia e di attenzione. In altre parole, usano l’ansia per auto – motivarsi, una condizione che viene descritta dagli autori attraverso il concetto di “motivazione da ansia”.

Lo studio ha presentato anche alcuni limiti. Come ha affermato Strack.” Dal momento che per gli studi sono stati utilizzati strumenti self – report, quelli futuri dovrebbero occuparsi di esplorare il concetto di motivazione da ansia attraverso la valutazione delle prestazioni, utilizzando indicatori oggettivi per la motivazione e per le prestazioni”. Per lo studio, inoltre, è stata utilizzata una metodologia trasversale che ha impedito ai ricercatori di fare inferenze sul legame causa – effetto.

Strack ha aggiunto: “Il concetto di motivazione da ansia è stato già indagato in altri studi, dai quali è emerso che gli individui si differenziano in base alla modo in cui usano l’ansia da motivazione: alcuni sfruttano l’energia che essa fornisce, altri usano il valore informativo dell’ansia ( le emozioni rappresentano un sistema di feedback che ci aiuta a monitorare i progressi nel raggiungimento della meta, ad esempio, l’ansia può segnalarci che il raggiungimento del nostro obiettivo è minacciato).  Inoltre, la motivazione da ansia può arrestare alcune conseguenze negative delle situazioni stressanti: in ambiti sperimentali abbiamo osservato che la motivazione da ansia può proteggere dall’esaurimento emotivo, oltre che aiutare i soggetti a considerare lo stress come una sfida positiva".

 

Tratto da: psypost

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: ansia stress motivazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni