Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L’impatto dello stress traumatico sullo sviluppo cerebrale

on . Postato in News di psicologia

Lo stress traumatico ha un impatto differente sul cervello in via di sviluppo di maschi e femmine.

stress traumatico

 

Uno studio condotto da ricercatori della Stanford University ha scoperto che nei giovani con sintomi da stress post traumatico sono presenti variazioni di volume e di superficie dell’insula tra maschi e femmine.

L’insula è un’area situata all’interno della corteccia cerebrale e svolge un ruolo chiave nei processi enterocettivi (quanta attenzione serve per le informazioni sensoriali all’interno del corpo), nella regolazione delle emozioni e nella consapevolezza di sé.

Non tutti gli individui che sperimentano un trauma sviluppano un Disturbo Post – Traumatico da Stress (DPTS). I soggetti che hanno una diagnosi di DPTS o sono stati sottoposti a fattori stressanti traumatici nella loro vita, possono sperimentare pensieri “intrusivi” associati all’evento traumatico.

I pensieri intrusivi sono considerati tali, proprio perché sono indesiderati e non graditi dalla persona che li sperimenta e possono includere ricordi ripetuti e angoscianti, sogni e flashback, accompagnati da reazioni psicologiche e fisiologiche prolungate ed intense, come se l’evento traumatico stesse ancora accadendo.

A sua volta, l’individuo esposto a traumi, che è predisposto allo sviluppo di DPTS, eviterà eventuali stimoli associati all’evento traumatico e sperimenteranno cambiamenti di pensiero e di umore e livelli elevati di arousal.

In passato, la ricerca nel campo delle neuroscienze ha scoperto che i cambiamenti che avvengono nell’insula in seguito a traumi, contribuiscono non solo allo sviluppo di DPTS, ma anche al suo mantenimento.

In un recente studio sul PTSD sono stati reclutati 59 giovani di età compresa tra 9 e 17 anni, ma solo la metà di questi ha sperimentato i sintomi del DPTS. I due gruppi presentavano caratteristiche simili relative all’età, al QI e sesso. Di 30 partecipanti (14 femmine e 16 maschi) che avevano subito un trauma, solo 5 presentavano un Disturbo post – traumatico, mentre i restanti erano stati sottoposti a più di due stress traumatici o ad un’esposizione cronica a traumi.

Utilizzando la Risonanza Magnetica Strutturale (SMRI), i ricercatori hanno monitorato il cervello dei partecipanti sani, messi a confronto con quelli che avevano sviluppato sintomi di DPTS. Sebbene non siano state riscontrate differenze strutturali nell’insula di maschi e femmine sani, vi erano, invece, notevoli differenze tra maschi e femmine nel gruppo traumatizzato. Nei ragazzi traumatizzati, l’insula presentava un volume e una superficie maggiore rispetto alle ragazze del gruppo di controllo. Questa scoperta suggerisce che il trauma non solo abbia un impatto sul cervello in via di sviluppo, ma che influenzi lo sviluppo di maschi e femmine in maniera differente.

Sappiamo che il volume dell’insula tende a diminuire con l’invecchiamento, e la riduzione del volume dell’insula nelle ragazze con DPTS suggerisce che quest’area invecchia precocemente in caso di stress traumatico. Grazie a una migliore comprensione delle differenze di sesso in un area del cervello coinvolta nell’elaborazione delle emozioni, potrebbe essere possibile sviluppare dei trattamenti sesso - sopecifici per il trauma e la disregolazione emotiva.

I risultati della ricerca hanno permesso anche di evidenziare il ruolo dell’interazione tra natura e cultura, quando si tratta di valutare problematiche mentali complesse come il DPTS. Per questo motivo, i professionisti della salute mentale, ma anche i pazienti stessi, dovrebbero sempre ricordare che uno stress ambientale si traduce in cambiamenti neurobiologici, e questi cambiamenti differiscono tra i sessi.

 

 

 

Tratto da: psychologytoday

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

 

Tags: Disturbo Post Traumatico da Stress

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di rimanere sola (14…

queenemy85, 33             Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare. ...

Pensieri fastidiosi (149511804…

Sara, 22              Buon pomeriggio! Mi chiamo sara e ho 22 anni vi scrivo per avere un parere esterno perche da ...

Minaccia di uccidersi ( 148516…

Actarus, 50         Buongiorno, ho 50 anni e sono sposato con una donna che mi ama da circa 20 anni, ed abbiamo due ragazze, una di 1...

Area Professionale

L'importanza del modello bio-p…

Nella gestione delle problematiche psicologiche e/o comportamentali, Il trattamento deve  ispirarsi al modello bio-psico-sociale e  affrontare tutti q...

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Le parole della Psicologia

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissio...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit ...

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters