Pubblicità

La personalità e l'umore influenzano le scelte individuali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 96 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I tratti di personalità e la salute mentale influenzano le valutazioni del controllo personale nella presa di decisione.

personalità ed umore

Lo studio è stato pubblicato in Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging.

I nostri sistemi cerebrali di ricompensa e di motivazione hanno mostrato una maggiore attività quando si ha più controllo personale nelle situazioni in cui riceviamo premi che abbiamo guadagnato - ma qusta attività è attenuata nelle persone con una personalità passiva o con sintomi depressivi. Le connessioni tra la personalità, la scelta e la depressione può aiutare i ricercatori a capire come proteggere le persone sane dallo sviluppo di questi disturbi.

"Questo studio, utilizza modelli computazionali sui comportamenti atti alla ricezione di premi e le immagini di risonanza magnetica funzionale (fMRI), per avere un vantaggio nella comprensione sulle scelte dei premi nel cervello di individui sani" ha spiegato Cameron Carter, MD, Editore di Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging. Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato uno scanner fMRI per misurare l'attività cerebrale di 122 partecipanti sani mentre giocavano al computer ad un test che elargiva premi.

"Noi eravamo interessati ad osservare come le persone valutavano le risposte ai premi basandoci sulle loro decisioni guidate dalle proprie personalità, confrontate con le risposte che davano al computer" ha spiegato la prima autrice dello studio Liana Romaniuk, PhD alla University of Edinburgh. "Abbiamo scoperto un'area importante per la motivazione e l'apprendimento tramite prova ed errori - lo striato ventrale- che era attivato selettivamente quando alle persone veniva detto che avrebbero dovuto prendere una decisione che si basava sulla propria personalità" ha spiegato la Romaniuk.

Pubblicità

Sebbene tutti i partecipanti allo studio erano considerati in salute, i ricercatori osservarono le relazioni tra le attività cerebrali e le personalità ed i sintomi di depressione. Le attivazioni dello striato ventrale erano ridotte in persone con qualche sintomo depressivo, questo dato può aiutarci a spiegare perchè le persone depresse perdano la motivazione.

"Siccome questi network cerebrali sono attivi differentemente alla presenza di sintomi depressivi, suggeriamo un futuro ruolo dell'imaging funzionale cerebrale nel comprendere le differenze individuali nella salute mentale e nell'informare su possibili interventi precoci o preventivi nei disturbi della personalità" ha spiegato il Dr. Carter.

La ricerca ha prodotto anche degli indizi su come la personalità possa causare depressione in persone suscettibili. "Le persone che erano più motivate mostravano risposte maggiori ai premi guadagnati nella regione corticali chiamata insula, mentre persone più passive mostravano l'opposto. L'insula è importante perchè sappiamo che la sua funzione è alterata in persone con depressione" ha concluso la Romaniuk.

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione personalità scelte fMRi umore news di psicologia presa di decisione premi

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters

0
condivisioni