Pubblicità

La personalità e l'umore influenzano le scelte individuali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 316 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I tratti di personalità e la salute mentale influenzano le valutazioni del controllo personale nella presa di decisione.

personalità ed umore

Lo studio è stato pubblicato in Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging.

I nostri sistemi cerebrali di ricompensa e di motivazione hanno mostrato una maggiore attività quando si ha più controllo personale nelle situazioni in cui riceviamo premi che abbiamo guadagnato - ma qusta attività è attenuata nelle persone con una personalità passiva o con sintomi depressivi. Le connessioni tra la personalità, la scelta e la depressione può aiutare i ricercatori a capire come proteggere le persone sane dallo sviluppo di questi disturbi.

"Questo studio, utilizza modelli computazionali sui comportamenti atti alla ricezione di premi e le immagini di risonanza magnetica funzionale (fMRI), per avere un vantaggio nella comprensione sulle scelte dei premi nel cervello di individui sani" ha spiegato Cameron Carter, MD, Editore di Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging. Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato uno scanner fMRI per misurare l'attività cerebrale di 122 partecipanti sani mentre giocavano al computer ad un test che elargiva premi.

"Noi eravamo interessati ad osservare come le persone valutavano le risposte ai premi basandoci sulle loro decisioni guidate dalle proprie personalità, confrontate con le risposte che davano al computer" ha spiegato la prima autrice dello studio Liana Romaniuk, PhD alla University of Edinburgh. "Abbiamo scoperto un'area importante per la motivazione e l'apprendimento tramite prova ed errori - lo striato ventrale- che era attivato selettivamente quando alle persone veniva detto che avrebbero dovuto prendere una decisione che si basava sulla propria personalità" ha spiegato la Romaniuk.

Pubblicità

Sebbene tutti i partecipanti allo studio erano considerati in salute, i ricercatori osservarono le relazioni tra le attività cerebrali e le personalità ed i sintomi di depressione. Le attivazioni dello striato ventrale erano ridotte in persone con qualche sintomo depressivo, questo dato può aiutarci a spiegare perchè le persone depresse perdano la motivazione.

"Siccome questi network cerebrali sono attivi differentemente alla presenza di sintomi depressivi, suggeriamo un futuro ruolo dell'imaging funzionale cerebrale nel comprendere le differenze individuali nella salute mentale e nell'informare su possibili interventi precoci o preventivi nei disturbi della personalità" ha spiegato il Dr. Carter.

La ricerca ha prodotto anche degli indizi su come la personalità possa causare depressione in persone suscettibili. "Le persone che erano più motivate mostravano risposte maggiori ai premi guadagnati nella regione corticali chiamata insula, mentre persone più passive mostravano l'opposto. L'insula è importante perchè sappiamo che la sua funzione è alterata in persone con depressione" ha concluso la Romaniuk.

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione personalità scelte fMRi umore news di psicologia presa di decisione premi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Mia madre e il mio fidanzato (…

  Maria Teresa, 22 Salve a tutti. Ho una relazione a distanza da 4 anni e con il mio fidanzato non ho mai avuto problemi. Mia madre però non ha mai a...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

News Letters

0
condivisioni