Pubblicità

Perché le persone diventano più distratte con l'età?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1752 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Una rete cerebrale specifica, il locus coeruleus, che controlla la nostra capacità di concentrazione mentre si è sotto stress, sembra indebolirsi con l'età, interferendo con la nostra capacità di concentrazione

età distrazioneGli anziani sembrano più facilmente distratti da informazioni irrilevanti rispetto ai più giovani quando sperimentano stress o potenti emozioni - e una rete specifica nel cervello recentemente identificata come epicentro per l'Alzheimer e la demenza può essere la causa.

Uno studio condotto dall'USC ha scoperto che il deficit di attenzione degli anziani è associato al locus coeruleus, una piccola regione del tronco cerebrale che si connette a molte altre parti del cervello. Il locus coeruleus aiuta a focalizzare l'attività cerebrale durante i periodi di stress o eccitazione.

Pubblicità

La maggiore distrazione è un segno dell'invecchiamento cognitivo, ha detto l'autore senior Mara Mather, esperta di memoria e professore alla USC Leonard Davis School of Gerontology. Lo studio ha rilevato che gli anziani sono ancora più suscettibili alla distrazione sotto stress o all'eccitazione emotiva, indicando che la capacità del nucleo di intensificare la concentrazione si indebolisce nel tempo.

Cercare di completare un compito aumenta l'eccitazione emotiva, quindi quando gli adulti più giovani si sforzano, questo dovrebbe aumentare la loro capacità di ignorare le informazioni che distraggono", ha detto Mather, che è anche un professore con il Dornsife College of Letters, Arts and Sciences. "Ma per gli adulti più anziani, sforzarsi può far risaltare maggiormente sia quello su cui stanno cercando di concentrarsi, sia altre informazioni".

Ad esempio, se un adulto più anziano sta effettuando un test di memoria nell'ambulatorio del medico, potrebbe provare a mettere a fuoco ma sarà più facilmente distratto rispetto a un adulto più giovane da altri pensieri o rumori in sottofondo.

Lo studio è stato pubblicato il 7 maggio su Nature Human Behaviour.

Una precedente ricerca condotta da Mather, direttore del Laboratorio di Emotion and Cognition USC, ha evidenziato il locus coeruleus ei suoi ruoli nella cognizione e nella memoria. Attualmente, Mather si concentra sullo studio di come la funzione locus coeruleus cambia durante l'invecchiamento e il morbo di Alzheimer.

l locus coeruleus sembra essere uno dei primi siti di patologia tau, i grovigli che sono un segno distintivo del morbo di Alzheimer. Si stima che 5,7 milioni di americani abbiano il morbo di Alzheimer, che è la sesta causa di morte della nazione.

"I segni iniziali di questa patologia sono evidenti nel locus coeruleus nella maggior parte delle persone all'età di 30 anni", ha detto Mather. "Pertanto, è fondamentale capire meglio come cambia la funzione locus coeruleus quando invecchiamo."

Mather è tra più di 70 ricercatori dell'USC che concentrano le loro ricerche sulla prevenzione, il trattamento e la potenziale cura della malattia di Alzheimer. La malattia che cancella la memoria è una delle più grandi sfide per la salute del secolo, colpisce 1 su 3 anziani e costa $ 236 miliardi l'anno in servizi sanitari.

Il locus coeruleus si collega a molte parti del cervello e controlla il rilascio dell'ormone norepinefrina, che influenza l'attenzione, la memoria e la vigilanza. Normalmente, la norepinefrina aumenta il "guadagno" sull'attività neurale - i neuroni altamente attivi diventano più eccitati, mentre i neuroni meno attivi vengono soppressi.

I ricercatori hanno registrato attività di eccitazione fisiologica e locus coeruleus in 28 giovani adulti e 24 adulti più anziani utilizzando entrambe le scansioni del cervello e la misurazione della dilatazione della pupilla negli occhi dei partecipanti - un marker esteriore visibile per l'eccitazione emotiva e l'attività del locus coeruleus.

Durante le scansioni, ai partecipanti allo studio sono state mostrate coppie di fotografie - una di un edificio e l'altra di un oggetto. Le immagini sono state manipolate in modo che a volte l'edificio fosse chiaramente visibile ed evidenziato mentre l'oggetto era debole, e altre volte, viceversa. Per ogni coppia, i partecipanti dovevano indicare quale immagine era evidenziata.

Alcune prove sono iniziate con un tono che avvertiva i partecipanti che potrebbero ricevere una scossa elettrica alla fine del processo. Altre prove sono iniziate con un tono indicante che non ci sarebbe stato alcun shock. I partecipanti hanno mostrato una maggiore dilatazione della pupilla e il sudore durante le prove quando potevano ricevere uno shock, indicando un maggiore arousal fisiologico.

La "area del luogo" del paraippocampo del cervello diventa attiva quando una persona guarda immagini di luoghi.

Nei giovani adulti, l'aspettativa della scossa ha amplificato l'attività nell'area del luogo quando hanno guardato l'immagine chiara e evidenziata dell'edificio. L'attività è diminuita quando hanno visto un'immagine debole e non evidenziata. I percorsi nel loro cervello che collegano il locus coeruleus, l'area del luogo e la rete frontoparietale - regioni della corteccia cerebrale che aiutano a controllare su cosa prestare attenzione e cosa ignorare - sono stati ininterrotti. Ciò ha permesso loro di ignorare in modo più efficace le informazioni che non erano importanti.

Gli anziani, tuttavia, hanno mostrato una minore attività nella rete frontoparietale nell'anticipare uno shock. La loro rete sembrava non rispondere più efficacemente ai segnali del locus coeruleus. Hanno anche mostrato una maggiore attività nell'area del luogo quando si aspettava uno shock, indipendentemente dal fatto che l'immagine fosse evidenziata o meno. Pertanto, durante l'eccitazione emotiva, gli anziani mostravano più attività associate alle immagini, indipendentemente dal fatto che si distinguessero o meno, mentre gli adulti più giovani diventavano più selettivi sotto l'eccitazione, concentrandosi solo sulle immagini più salienti.

"Decifrare esattamente come questi cambiamenti nel cervello si verificano mentre invecchiamo potrebbe un giorno aiutarci a scoprire come proteggere il cervello dal declino cognitivo e dalla perdita di funzione", ha detto Mather.

Lo studio: Tae-Ho Lee, Steven G. Greening, Taiji Ueno, David Clewett, Allison Ponzio, Michiko Sakaki, Mara Mather. "Arousal increases neural gain via the locus coeruleus–noradrenaline system in younger adults but not in older adults". Nature Human Behaviour, 2018

 

Tratto da ScienceDaily

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: età news di psicologia distrazone locus coeruleus

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters

0
condivisioni