Pubblicità

Quando il sonno fa bene alla memoria

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1374 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Un nuovo studio ci illustra gli effetti benefici del sonno sulla nostra memoria ed in particolare sulle nostre capacità nel ricordare informazioni apprese in precedenza.

sonno memoriaGrazie ad una nuova ricerca è stato possibile ampliare le conoscenze attuali, verificate in precedenti studi, di come il sonno migliori le nostre capacità mnemoniche.

Come già scoperto in passato dagli studiosi, infatti, dormire profondamente ci aiuterebbe ad usare la nostra memoria nel modo più flessibile e adattabile possibile.

I ricercatori dell'Università di York hanno scoperto che il sonno è in grado di rafforzare sia le vecchie che le nuove versioni della stessa memoria, nella stessa misura, migliorando così l'efficienza della memoria stessa.

Alcuni scienziati hanno inoltre anche dichiarato che quando una memoria viene recuperata – ossia, quando ricordiamo qualcosa – essa viene aggiornata con nuove informazioni presenti al momento del ricordo.

Il cervello sembra non "sovrascrivere" la vecchia versione della memoria, ma invece genera ed archivia versioni multiple (nuove e vecchie) della stessa esperienza. Pertanto, il sonno ci aiuta a mantenere la versione "salvata" (saved) di una memoria e consente, al tempo stesso, anche la conservazione di una rappresentazione "salva come" (save as).

Pubblicità

È interessante notare che l'archiviazione di più versioni della stessa memoria può causare problemi simili a ciò che accade quando salviamo più versioni di un file su un computer e non è possibile rintracciare con precisione la differenza tra i file.

I risultati della ricerca, effettuata presso il laboratorio York’s Sleep, Language and Memory (SLAM),  sono stati pubblicati nella rivista Cortex.

Il Dr. Scott Cairney, ricercatore e capo del Dipartimento di Psicologia di York ha dichiarato: "Studi precedenti hanno dimostrato l'importanza del sonno per la memoria. La nostra ricerca fa un ulteriore passo avanti, rispetto queste ultime, dimostrando che il sonno è in grado di rafforzare le versioni vecchie e nuove di un'esperienza che ci aiuta ad usare adeguatamente i nostri ricordi”.

"In questo modo, il sonno ci  permette di usare la nostra memoria nel modo più efficiente possibile, permettendoci, inoltre, di aggiornare la nostra conoscenza del mondo e di adattare i nostri ricordi per le esperienze future."

Nel presente studio, due gruppi di soggetti hanno imparato la posizione di alcune parole su uno schermo di un computer. In una fase del test, ai partecipanti venivano presentate ad una ad una, ciascuna delle parole, precedentemente apprese, proiettandole al centro dello schermo e successivamente dovevano indicare, e dunque ricordare, la posizione nella quale erano state presentate precedentemente nello schermo.

Al primo dei due gruppi, successivamente la somministrazione del test, venne chiesto di dormire per circa 90 minuti mentre, al contrario, i partecipanti del secondo gruppo dovevano rimanere svegli sia prima che dopo la somministrazione del test e prima di ripeterlo nuovamente insieme al primo gruppo. In entrambi i gruppi, la posizione ricordata nella seconda somministrazione del test era più vicina a quella richiamata nel primo test rispetto alla posizione inizialmente appresa, e ciò era indice che era stato effettuato concretamente un “aggiornamento della memoria” e che era stato quindi creato un nuovo ricordo.

Tuttavia, quando venivano confrontate le risposte del gruppo che aveva dormito rispetto a quello che non lo aveva fatto, si notò che le posizioni delle parole richiamate in memoria dal primo gruppo erano più vicine sia alla “posizione aggiornata” (cioè ricordata in precedenza) che alla posizione originale, suggerendo che il sonno aveva rafforzato sia la nuova che la vecchia versione del ricordo in  memoria.

Il Professor Gareth Gaskell, ha osservato che il presente studio è stato in grado di rivelare come il sonno abbia un effetto protettivo sulla memoria e sia in grado di facilitare “l'aggiornamento adattativo dei ricordi”.

"Per quanto riguarda il gruppo che ha dormito dopo la prima somministrazione, abbiamo scoperto che il sonno ha rafforzato sia la memoria della posizione originale che la nuova posizione. In questo modo, siamo stati in grado di dimostrare che il sonno avvantaggia tutte le molteplici rappresentazioni della stessa esperienza nel nostro cervello" ha commentato Gaskell.

I ricercatori hanno, inoltre, sottolineato che sebbene questo processo ci aiuti, permettendo ai nostri ricordi di adattarsi ai cambiamenti nel mondo che ci circonda, esso possa anche ostacolarci incorporando informazioni errate nei nostri archivi di memoria.

Col passare del tempo, la nostra memoria potrà infatti, attingere sia alle versioni più accurate che a quelle maggiormente imprecise della stessa esperienza, causando così distorsioni nel modo in cui ricordiamo gli eventi precedenti.


Tratto da Psych Central

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: sonno dormire ricordi memoria news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra l’esperienza vissuta e l’atto del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni