Pubblicità

Quanto velocemente ci formiamo una prima impressione?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1547 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio ha indagato su quanto velocemente le persone tendano a formularsi una prima impressione basandosi soltanto su un veloce sguardo rivolto al volto degli individui.

sguardo, prima impressioneQuando esaminiamo un volto di una persona per la prima volta, tendiamo a formulare rapidamente dei giudizi sul carattere di quest’ultima.

Un nuovo studio dei ricercatori dell'Università di York rivela quanto rapidamente negli individui tendono a formarsi queste prime impressioni.

"Le impressioni facciali sono rilevanti in quanto esse si verificano molto rapidamente (in soli 33 ms) e sono consequenziali, ad esempio, possono prevedere i risultati delle elezioni governative o influenzare le preferenze romantiche", ha spiegato l'autrice dello studio Jennifer K. South Palomares.

I ricercatori hanno scoperto che un singolo sguardo, della durata tra i 33 e i 100 ms, rivolto ad un viso di una persona risulta sufficiente per formarsi una prima impressione. Lo studio, pubblicato in Social Psychological and Personality Science, si basava sui risultati ottenuti da 126 studenti universitari.

Pubblicità

"I partecipanti hanno valutato i volti in base all’ onestà, lo status e l'attrattività dopo aver osservato delle fotografie inizialmente per  33, poi per 100 ed infine per 500 ms. Le immagini dei volti scelte ed utilizzate per lo studio erano immagini naturali, molto variabili (simili a quelle che le persone caricano su Facebook) ed anche, di volti appartenenti ad individui di differenti età. ", ha illustrato Palomares.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che le persone tendono associare specifici tratti facciali ai tratti di personalità di un individuo. E’ stato scoperto che le persone dopo uno sguardo di soli 33 ms riescono a formularsi già delle prime impressioni rispetto alle caratteristiche facciali dei volti loro presentati durante lo studio.

Inoltre si è potuto constatare anche che il tempo di osservazione supplementare (di 100 o di 500 ms) utilizzato per la seconda e la terza somministrazione tendeva solo a riconfermare la prima impressione precedentemente formulata durante il primo sguardo.  

Questi risultati sono particolarmente importanti al giorno d’oggi, basti pensare alla loro utilità nella programmazione di app per appuntamenti come Tinder che si basano fondamentalmente sulle prime impressioni.

In questa ricerca sono state esaminate le prime impressioni delle persone sulle tre caratteristiche fondamentali nella scelta preferenziale di un partner: la fiducia, lo status e l’attrattività. Nelle future ricerche sarebbe opportuno indagare ulteriormente e chiedere ai partecipanti di valutare i volti in base alle loro preferenze romantiche nella scelta del partner, in modo da poter osservare quali siano le caratteristiche ritenute prioritarie dai partecipanti relative alle “preferenze romantiche-facciali”.

Andrew W. Young, è stato co-autore dello studio, "Le prime impressioni facciali dei tratti preferenziali del partner: credibilità, stato e attrattività".

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: volto sguardo prima impressione news di psicologia tratti facciali;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni