Pubblicità

Stress quotidiano ed effetti sulla salute dell'anziano

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 698 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Occuparsi di seccature giornaliere come per esempio lunghe attese dal medico, trovare traffico in tangenziale può aiutare a preservare la salute cerebrale negli anziani

Anziano

Le reazioni emotive possono contribuire ad un declino cognitivo, come è stato dimostrato da uno studio condotto dalla State University.

"Questi risultati hanno confermato che le emozioni giornaliere delle persone e come esse rispondono allo stress, giocano un ruolo importante nella salute cognitiva", ha affermato Robert Stawski, professore associato del OSU's College of Public Health and Human Sciences e capo della ricerca. "Non è lo stress in sé a contribuire ad un declino cognitivo ma sono le risposte dell'individuo allo stress ad avere degli effetti sul cervello".

Le scoperte hanno contribuito alla crescita dell'insieme di ricerche che si sono focalizzate sullo stress giornaliero come fattore di rischio per compromissioni sulla salute mentale, fisica e cognitiva. Hanno importanti applicazioni nel mondo relale, dato che c'è stata una rapida crescita in tutto il mondo di gruppi di età di 80 anni e anche al di sopra, come spiegato da Stawski, che ha studiato come le esperienze stressanti possano influenzare la salute, lo stato di benessere e la cognizione.

La salute mentale e cognitiva sono importanti come lo sono i nostri anni. Esse hanno contribuito in ogni abilità e in ogni funzione giorno dopo giorno nel corso della vita e possono aver impattato su vari distrurbi incluse demenze e Alzheimer. Le ricerche sono state recentemente pubblicate online sul Psychosomatic Medicine, giornale dell' American Psychosomatic Society. Tra gli autori troviamo gli studenti della OSU, Eric Cerino e Dakota Witzel, Stuart W.S. MacDonald dell'  University of Victoria.

Per lo studio, i ricercatori hanno seguito 111 anziani, di età compresa tra i 65 e i 95 anni, per due anni e mezzo. Ogni sei mesi, hanno partecipato ad una serie di valutazioni cognitive per sei giorni, al sopra di un periodo di due settimane. Durante la valutazione, i partecipanti hanno osservato due sequenze di numeri e gli era stato chiesto poi se lo stesso numero era apparso nelle due sequenze, indipendentemente dall'ordine. In seguito alla ricerca, sono state aggiunte variazioni su come le persone rapidamente possono eseguire questo esercizio con una concentrazione mentale ridotta, con un invecchiamento cognitivo e con un rischio per demenze, così come con cambiamenti cerebrali strutturali e funzionali, che riflettono una scarsa salute cognitiva. Ogni partecipante ha completato gli esercizi al di sopra di 30 sessioni nel perido di tempo di due anni e mezzo.

 

Pubblicità

 

Ai partecipanti era stato chiesto la propria percezione dello stress quotidiano, oltre a domande sulla famiglia o sugli amici più stretti; hanno valutato cosa provano esattamente al momento, scegliendo tra una varietà di emozioni positive e negative, ed un range di intensità; hanno ordinato ciò in una lista di sintomi fisici. Nel confronto generale, quelli che hanno risposto agli eventi stressanti con maggiori emozioni negative e con più umore cupo, hanno dimostrato avere una maggiore variazione negli esercizi, ciò suggerisce una peggior concentrazione mentale e una scarsa salute cognitiva nelle persone tendenzialmente negative.

Seguendo ogni persona nel tempo, i ricercatori hanno anche potuto osservare cosa sia successo in base alle differenze individuali e quelle legate all'età che sono emerse. I partecipanti più anziani (dai quasi 80enni ai 95enni) sono sembrati pù reattivi del solito allo stress, questo ha contribuito anche ad una peggior performance cognitiva.
Al contrario individui di quesi 70 anni a quelli con 75 anni risultarono migliori nel test, anche se avevano riportato maggior stress.

"Questi partecipanti meno anziani potrebbero avere unao stile di vita più attivo, potrebbero essere più occupati socialmente e professionalmente, e quindi ciò può migliorare il proprio funzionamento mentale" ha affermato Stawski. Gli anziani hanno dimostrato di essere consapevoli delle loro reazioni emotive agli eventi stressanti e sono interessati a ceercare delle strategie di riduzione dello stress, se queste occorrono, per preservare le funzioni cognitive e la salute cerebrale.

Come affermato da Stawski: "Non possiamo liberarci completamente dello stress giornaliero. Ma possiamo aiutare le persone con delle strategie per resistere allo stress quando esso compare, potrebbe portare dei vantaggi per quanto riguarda la salute cognitiva". 

 

Tratto da Science Daily

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: salute mentale stress anziano news di psicologia salute cognitiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni