Pubblicità

Stimolazione elettrica e bulimia: effetti.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 891 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo il seguente studio condotto dal King college di Londra, stimolare il cervello con l'elettricità può ridurre i sintomi di bulimia.

stimolazione elettrica e bulimia

I sintomi principali della bulimia nervosa, tra cui la voglia di mangiare, possono essere sono ridotti fornendo energia elettrica a parti del cervello con stimolazione cerebrale non invasiva.

La bulimia è un disturbo alimentare caratterizzato da frequenti attacchi di fame seguiti da tentativi di contrastare la maggiore assunzione di cibo attraverso il vomito autoindotto, dieta estrema, l'esercizio fisico intenso, o l'uso improprio di farmaci diversi.

Questi comportamenti, che sono tipicamente guidati da un eccesso di preoccupazione per il peso corporeo e la forma, diventano sempre più compulsivi fino a che non assomigliano a quelli di una dipendenza.

La bulimia emerge tipicamente in adolescenza ed è molto più probabile che si sviluppi nelle donne, con circa la probabilità dell’ 1-2 % di sviluppare malattie a un certo punto della loro vita.
Esso è associato a diverse complicazioni mediche e il 4% dei malati può morire per tale disturbo. Mentre le terapie psicologiche esistenti sono efficaci per molte persone con la bulimia, non funzionano per una percentuale significativa di pazienti, per cui vi è un urgente bisogno di nuovi trattamenti.

L'evidenza mostra che la bulimia è associata con il funzionamento alterato in alcune vie cerebrali, come ad esempio quelle sottostanti processi di auto-controllo. Potrebbe essere possibile per normalizzare questi percorsi utilizzare moderne tecnologie di neuroscienze come la stimolazione transcranica a corrente continua (tDCS).
La tDCS è una tecnica di stimolazione cerebrale non invasiva che offre deboli correnti elettriche al cervello attraverso due elettrodi posti sulla testa. È sicuro e indolore, e l'effetto collaterale più comune è un leggero prurito o sensazione di formicolio sul cuoio capelluto.

Per la nostra ricerca, abbiamo studiato gli effetti a breve termine della tDCS nelle persone con bulimia. Trentanove volontari con la malattia hanno ricevuto 20 minuti di tDCS reali e 20 minuti di tDCS placebo a due giorni separati con almeno 48 ore di distanza (non erano a conoscenza di quale sessione era).

La stimolazione è stato somministrata ad una superficie frontale del cervello coinvolta nell’ autocontrollo. I volontari hanno completato diversi questionari prima e dopo ogni sessione, che hanno misurato la loro voglia di mangiare e i diversi altri sintomi di disturbi alimentari, come ad esempio la paura di un aumento di peso e le difficoltà di autostima.

I sintomi ridotti.

I nostri risultati hanno dimostrato che questi sintomi di bulimia sono stati significativamente ridotti dai veri tDCS ma non dai tDCS placebo. Ad esempio, i punteggi di base su scala dimostrano che la voglia di mangiare diminuisce del 31% dopo tDCS reali.

Abbiamo anche misurato l'autocontrollo prima e dopo ogni sessione di tDCS usando un compito decisionale che coinvolge scelte su ipotetiche somme di denaro. Per ogni scelta, i volontari hanno dovuto scegliere tra una minore quantità di denaro disponibile immediatamente e una maggiore quantità disponibile in tre mesi.

Abbiamo scoperto che il dopo il vero trattamento le persone sono più disposte ad aspettare per avere a disposizione somme di denaro più grandi. Ciò riflette una maggiore capacità nel processo decisionale e un migliore autocontrollo.

Il nostro studio suggerisce che la tDCS può sopprimere la voglia di mangiare e ridurre la gravità di altri sintomi nelle persone affette da bulimia, almeno temporaneamente. Pensiamo che lo fa migliorando l’autocontrollo.
Anche se questi sono primi risultati sono modesti, con un campione più ampio e più sessioni di tDCS per un periodo di tempo più lungo, è probabile che gli effetti siano ancora più forti. Tale ricerca dovrà essere esplorato in studi futuri.

Il vantaggio della tDCS è che è molto meno costoso e più pratico rispetto altre tecniche di stimolazione cerebrale, e offre la possibilità di effettuare un trattamento che potrebbe essere auto-somministrato a casa dai pazienti con bulimia. Questo potrebbe essere, in aggiunta alle terapie psicologiche esistenti, un approccio alternativo.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autocontrollo stimolazione elettrica, tDCS, terapie psicologiche, alterazioni, nuovo trattamento,

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche “auto aiuto” oppure “auto-mutuo-aiuto”) ci...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni