Pubblicità

Stressato al lavoro e problemi col sonno? La questione è molto più seria di quanto si pensi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 229 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo stress lavorativo e l'alterazione del sonno sono collegati a un rischio di morte cardiovascolare triplo in dipendenti con ipertensione.

stress.fw.png

L'autore dello studio, il professor Karl-Heinz Ladwig, del Centro di ricerca tedesco per la Environmental Health  e della facoltà di medicina dell'University of Munich, ha affermato: "Il sonno dovrebbe essere un momento di svago, di rilassamento e di ripristino dei livelli energetici. Il sonno ti aiuta a recuperare. Purtroppo, il sonno e lo stress lavorativo sono spesso associati all'ipertensione e l'effetto risulta essere più dannoso per la salute ".

Un terzo della popolazione attiva è affetta da ipertensione (pressione alta).

Precedenti ricerche hanno dimostrato che i fattori psicosociali hanno un maggiore effetto negativo sugli individui con rischi cardiovascolari preesistenti rispetto a quelli sani.

Questo è stato il primo studio ad esaminare gli effetti combinati dello stress da lavoro e del sonno alterato correlati alla morte per malattie cardiovascolari nei lavoratori ipertesi.

Lo studio ha incluso 1.959 lavoratori ipertesi di età compresa tra 25 e 65 anni, senza malattie cardiovascolari o diabete. Rispetto a quelli senza stress da lavoro e buon sonno, le persone con entrambi i fattori di rischio avevano una probabilità tre volte maggiore di morte per malattia cardiovascolare. Le persone con stress da lavoro solitario hanno avuto un rischio 1,6 volte più elevato, mentre quelle con un sonno limitato hanno avuto un rischio 1,8 volte più elevato.

Durante un follow-up medio di quasi 18 anni, il rischio assoluto di morte cardiovascolare nel personale iperteso aumentava gradualmente con ogni condizione aggiuntiva. I dipendenti con stress da lavoro e sonno alterato hanno avuto un rischio assoluto di 7,13 per 1.000 anni-persona, rispetto a 3,05 per 1.000 anni-persona in quelli senza stress e sonno sano. I rischi assoluti per il solo stress da lavoro o il solo sonno scarso erano rispettivamente di 4,99 e 5,95 per 1.000 anni-persona.

Pubblicità

Nello studio, lo stress da lavoro è stato definito come un lavoro con una forte domanda e un controllo basso, ad esempio quando un datore di lavoro desidera ottenere risultati, ma nega l'autorità di prendere decisioni. "Se hai elevate esigenze ma anche un controllo elevato, in altre parole puoi prendere decisioni, questo può anche essere positivo per la salute", ha affermato il professor Ladwig. "Ma essere intrappolati in una situazione sotto pressione e dove non hai il potere di cambiare, questo è dannoso."

Il sonno alterato era definito come la difficoltà nell'addormentarsi e/o nel mantenere il sonno. "Il mantenimento del sonno è il problema più comune nelle persone con lavori stressanti", ha affermato il professor Ladwig. "Si svegliano alle 4 del mattino per andare in bagno e tornare a letto a rimuginare su come affrontare i problemi di lavoro".

"Questi sono problemi insidiosi", ha osservato il professor Ladwig. "Il rischio non è di avere una giornata difficile e di non dormire: essere afflitti da un lavoro stressante e da un sonno insoddisfacente per molti anni, consuma le proprie risorse energetiche e può portare ad una morte precoce".

I risultati sono un campanello d'allarme per i medici che trattano pazienti con pressione alta dovuta a difficoltà a dormire e allo stress lavorativo, ha affermato il professor Ladwig. "Ogni condizione è un fattore di rischio a sé stante e tra di esse vi è uno scambio di battute, il che significa che ognuno aumenta il rischio dell'altro: attività fisica, alimentazione sana e strategie di rilassamento sono importanti, così come i farmaci che abbassano la pressione, se necessario".

I datori di lavoro dovrebbero fornire la gestione dello stress e il trattamento del sonno sul posto di lavoro, ha aggiunto, soprattutto per il personale con patologie croniche come l'ipertensione.

Componenti delle sessioni di gestione dello stress di gruppo:

  • Iniziare con 5 o 10 minuti di relax;
  • Educazione su uno stile di vita sano;
  • Aiutare a smettere di fumare, fare esercizio fisico, dimagrire;
  • Tecniche per far fronte allo stress e all'ansia a casa e al lavoro;
  • Monitorare i progressi con la gestione dello stress;
  • Migliorare le relazioni sociali e il supporto sociale.


Il trattamento del sonno può includere:

  • Terapia di controllo dello stimolo: allenamento per associare il letto/la camera da letto al sonno e impostare un programma di sonno-veglia coerente;
  • Allenamento al rilassamento: rilassamento muscolare progressivo e riduzione dei pensieri intrusivi prima di coricarsi che interferiscono con il sonno;
  • Terapia della restrizione del sonno: riduzione del periodo a letto per il tempo trascorso addormentato, inducendo quindi una lieve privazione del sonno, quindi allungando il tempo di sonno;
  • Terapia di intenzione paradossale: rimanere svegli passivamente ed evitare qualsiasi sforzo (cioè l'intenzione) di addormentarsi, eliminando così l'ansia.

 

Fonte:

  • Jian Li, Seryan Atasoy, Xioayan Fang, Peter Angerer, Karl-Heinz Ladwig. Combined effect of work stress and impaired sleep on coronary and cardiovascular mortality in hypertensive workers: The MONICA/KORA cohort study. European Journal of Preventive Cardiology, 2019; 204748731983918 DOI: 10.1177/2047487319839183

 

a cura della Dottoressa Arianna Patriarca

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: stress lavorativo, gestione dello stress,

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Mia madre e il mio fidanzato (…

  Maria Teresa, 22 Salve a tutti. Ho una relazione a distanza da 4 anni e con il mio fidanzato non ho mai avuto problemi. Mia madre però non ha mai a...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni