Pubblicità

La Certificazione Psicologica: guida pratica

0
condivisioni

on . Postato in Vita da Psicologo | Letto 41845 volte

4.8571428571429 1 1 1 1 1 Votazione 4.86 (7 Voti)

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto di vista diagnostico che del trattamento, lo stato dell'intervento con il soggetto. Abbiamo realizzato una breve guida esplicativa alla certificazione psicologica.

certificazione psicologicaLa Relazione Diagnostica e di Trattamento è una certificazione che fa lo Psicologo, in forma scritta, nella quale espone i dati raccolti su un determinato caso, li organizza e li riferisce a costrutti psicologici e a modelli teorici, spiega le decisioni prese in merito alla diagnosi e al trattamento e infine fornisce indicazioni ai destinatari della Relazione.

L'articolo 7 del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani dice:

"Nelle proprie attività professionali, nelle attività di ricerca e nelle comunicazioni dei risultati delle stesse, nonché nelle attività didattiche, lo psicologo valuta attentamente, anche in relazione al contesto, il grado di validità e di attendibilità di informazioni, dati e fonti su cui basa le conclusioni raggiunte; espone, all’occorrenza, le ipotesi interpretative alternative, ed esplicita i limiti dei risultati. Lo psicologo, su casi specifici, esprime valutazioni e giudizi professionali solo se fondati sulla conoscenza professionale diretta ovvero su una documentazione adeguata ed attendibile".

Ancora un articolo merita di essere citato in questo contesto ed è il 25:

"Lo psicologo non usa impropriamente gli strumenti di diagnosi e di valutazione di cui dispone. Nel caso di interventi commissionati da terzi, informa i soggetti circa la natura del suo intervento professionale, e non utilizza, se non nei limiti del mandato ricevuto, le notizie apprese che possano recare ad essi pregiudizio. Nella comunicazione dei risultati dei propri interventi diagnostici e valutativi, lo psicologo è tenuto a regolare tale comunicazione anche in relazione alla tutela psicologica dei soggetti".

Citando questi due articoli abbiamo voluto sottolineare quanto stabilito dal Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi ovvero il diritto dell'utente ad essere informato circa l'intervento che lo riguarda ma anche ad esprimere il proprio consenso a riguardo. La relazione dev'essere pensata per la persona o l'ente a cui è destinata, deve quindi essere comprensibile oltre che informativa.

Ma veniamo al dunque e vediamo insieme una Struttura Tipo da usare nella pratica

Potremmo dividerla in quattro aree: Colloquio Clinico, Test Psicodiagnostici, Diagnosi e Proposta d'intervento.

Area 1: Colloquio Clinico

Motivo della Consulenza + descrizione del problema
Riassumere brevemente quanto emerso dal colloqui clinico
Anamnesi Recente Remota e Psicopatologica.

Area 2: Test Psicodiagnostici

Inserire un elenco dei test utilizzati accompagnandoli con una breve descrizione
Esporre e commentare i risultati dei test

Area 3: Diagnosi

Conclusioni ed esposizione dell'ipotesi diagnostica

Area 4: Proposta d'intervento

Esposizione di una proposta d'intervento

Pubblicità

E' buona prassi non superare le quattro pagine nella stesura del documento, occorre selezionare le informazioni davvero pertinenti e rilevanti e lavorare su quelle. Un documento troppo lungo rischia di non essere letto dai destinatari, soprattutto dai medici e dagli psicologi.

Dobbiamo considerare che gli usi che l'utente può fare di questa relazione sono molteplici. Diventa allora opportuno specificare in calce l'uso clinico previsto per la relazione. Una formula usata frequentemente è: "Si rilascia la presente relazione per gli usi previsti e consentiti dalla legge e su richiesta dell'interessato, nelle cui mani viene consegnata".
Questo tutela il professionista da un uso inappropriato della certificazione.

 

maggiori informazioni su www.psiconlineformazione.it

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni