Pubblicità

La vita pratica dello psicologo: il POS (Point of Sale)

on . Postato in Vita da Psicologo

In queste ultime settimane è emerso nel mondo della psicologia il problema POS (point of sale). Cioè se è obbligatorio o meno possederlo ed utilizzarlo. Abbiamo cercato di realizzare un breve vademecum in merito.

pos point of sale psicologiIl POS è uno strumento estremamente diffuso nel mondo del commercio perché consente ai clienti di pagare attraverso la cosidetta "moneta elettronica" (Bancomat e Carte di Credito/Debito). Per quanto abbia in genere costi decisamente elevati, viene considerato dai commercianti un concreto aiuto nella vendita per il motivo che consente, anche a chi non dispone di contanti in quel momento, di effettuare comunque un acquisto (che diventa una vendita per il commerciante). Oltre a ciò il POS è fondamentale nel commercio elettronico perché consente il pagamento a distanza. In concreto si tratta di un apparecchio, collegato alla linea telefonica o ad internet, che permette di effettuare il pagamento di beni e servizi con l’utilizzo di una carta di credito/debito.

Per poter ricevere pagamenti tramite POS è necessario dotarsi di un dispositivo che può essere fisso o portatile. Sia nel primo che nel secondo caso, digitando l’importo sulla tastiera, si può inserire o strisciare la carta del cliente nel lettore. Gli apparecchi più evoluti consentono anche il pagamento "contactless", cioè semplicemente avvicinando la carta al POS.

Gli psicologi, come tutti gli altri professionisti, teoricamente sono obbligati a possedere un POS poiché sono obbligati a consentire ai clienti il pagamento delle prestazioni effettuate (superiori a 5 euro) attraverso la moneta elettronica (carte di credito/debito e bancomat). Ma se il professionista non possiede il POS e non consente il pagamento, così come richiesto dal cliente, non è ad oggi (settembre 2017) sanzionabile.

Pubblicità

In caso di non possesso del POS il debito verso il professionista non si estingue e quindi il cliente è obbligato comunque a pagare con altri mezzi (contanti, bonifico bancario, assegno, etc.) E' comunque possibile per il professionista accordarsi preventivamente col cliente sulle modalità di pagamento in fase di stipula del contratto.

Perciò, in concreto:

  • se ho il POS, nessun problema. Lo segnalo al paziente/cliente e consento il pagamento della parcella con moneta elettronica;
  • se non ho il POS, ugualmente nessun problema. Lo segnalo al paziente/cliente e ci accordiamo per il pagamento con metodi alternativi (contanti, bonifico bancario, assegno, etc.)

Sorge a questo punto la domanda se convenga oppure no dotare il proprio studio di POS. La risposta, ovviamente, è totalmente personale.

Proviamo comunque a fare due ipotesi:

  • Ho MOLTI clienti che mi chiedono il pagamento con moneta elettronica.
    Il POS diventa non solo necessario ma utile (a prescindere dai costi) perché mi consente di stabilire un rapporto di fiducia e di fidelizzazione con i clienti/pazienti.
  • Ho POCHI clienti che mi chiedono il pagamento con moneta elettronica.
    Il POS non è necessario ma potrebbe essere utile, in particolare se mi oriento verso soluzioni senza costo fisso e/o canone mensile. Pago una quota iniziale per l'acquisto del POS fisico e collegabile allo smartphone (in genere 20/30 euro) e poi pago una commissione (in genere intorno al 2%) su ogni transazione effettuata.

Su internet è possibile trovare oggi molte offerte in tal senso ed acquistare un POS a costi davvero accettabili. Gli importi riscossi attraverso il POS vengono poi accreditati sul proprio conto corrente bancario ed il gioco è fatto.

Buona scelta!

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: pos point of sale moneta elettronica carta di credito bancomat

Guarda anche...

Per saperne di più

La tecnica dell'EMDR

Desensibilizzazione e rielaborazione del ricordo traumatico La desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (Eye Movement Desensitization Reprocessing), meglio nota come EMDR,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

una vecchia storia d'amore.. (…

CRISTINA, 21       Salve, mi chimo cristina e ho 21 anni.Lo scorso marzo ho chiuso una relazione durata 1 anno e mezzo. ...

ne volevo solo parlare (150695…

Paulina, 16       Ciao, ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi. ...

Consiglio (1507015426144)

Antonio, 42       Salve, le scrivo per un problema a cui non riesco a dare soluzione ovvero non so come devo comportarmi. ...

Area Professionale

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

L'abuso sessuale e la violenza…

Uno studio sull'abuso sessuale, condotto su 20 donne e realizzato dalla Dottoressa Loretta Sapora, utilizzando il Test semi-proiettivo I.Co.S. Il Confine del S...

La vita pratica dello psicolog…

In queste ultime settimane è emerso nel mondo della psicologia il problema POS (point of sale). Cioè se è obbligatorio o meno possederlo ed utilizzarlo. Abbiamo...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

News Letters