Pubblicità

Psicologi che fanno video: step 2

0
condivisioni

on . Postato in Vita da Psicologo | Letto 1595 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale

psicologi che fanno video step 2Nel precedente articolo vi abbiamo fornito l'architrave della vostra produzione video.

Ve la  riassumiamo rapidamente: 1) sapere lo scopo che volete ottenere; 2) quale tipo di pubblico vorrete raggiungere; 3) come diffondere il video; 4) mettere prima l'idea su carta; 5) fare attenzione a luce e suono. Diamo per scontato che abbiate affrontato con efficacia gli step iniziali e proseguiamo.

Regola 6

Se state leggendo questo articolo vuol dire che state cominciando ora. Per questo vi consigliamo di cercare sul web dei video per trovare un modello di comunicazione che sia adeguato alle vostre aspettative e che sia abbastanza semplice da realizzare.

Regola 7

Dotarvi di un'attrezzatura di base. Per capire di quali attrezzi del mestiere avrete bisogno dovete decidere se fare tutto da soli o farvi aiutare da qualcuno.

La seconda variabile che determina il vostro fabbisogno tecnologico è il profilo che vorrete tenere: se intendete ottenere sul vostro pubblico un senso di alta professionalità dovrete ricorrere a strumenti di buona qualità (anche se non necessariamente professionali).

Pubblicità

In alternativa potrete sempre usare un "profilo da social", in cui la qualità tecnica passa in secondo piano ma in cui diventa fondamentale l'efficacia del vostro storytelling. Nel primo caso è necessario uno strumento di ripresa (telecamera, smartphone, macchina reflex o compatta) che abbia una qualità almeno fullHD, un microfono direzionale, un cavalletto o un supporto per gli smartphone e, infine, un programma di montaggio.

Regola 8

Imparare le funzioni principali dei vostri strumenti. Non storcete la bocca, qualsiasi uso di strumento tecnologico necessita di questo passaggio. Non sempre si riesce a imparare semplicemente smanettando. Imparare  usare le funzioni di un camcorder per regolare il diaframma (quantità di luce), il colore, le zoomate. Oppure le funzioni del programma di montaggio.

Se proprio non volete leggere le istruzioni, potete sempre farvelo spiegare da un amico competente o rivolgervi agli innumerevoli tutorial presenti su Youtube.

Regola 9

Quando avrete realizzato il vostro video, semiprofessionale  da "social", fatelo vedere a qualcun altro prima di diffonderlo. Avere un feedback da parte di un potenziale spettatore vi permette di tenere a bada il vostro comprensibile orgoglio e poter limare e migliorare il vostro video.

Regola 10

Quando girate, se prevedete dei movimenti della camera, fateli sempre lenti. Movimenti veloci provocano un senso di disagio in gran parte del pubblico e, nella migliore delle ipotesi, smetteranno subito di vedere il vostro video. Effetto mal di mare.

Due parole sullo "storytelling" a cui accennavo sopra. Soprattutto nel caso in cui decidiate di fare una serie di video che abbiano un filo conduttore (per esempio, mostrare la vostra competenza e professionalità) è necessario portare per mano lo spettatore lungo il cammino che gli proponete.

Quindi, pianificate prima gli argomenti delle varie clip legate tra loro, così da permettere a chi guarda di percepire di essere stato accolto in una narrazione: la vostra narrazione.

Fate in ogni video un riferimento a qualcosa che direte in futuro o avete detto in video precedenti, per indurre lo spettatore a "seguirvi" nel percorso che gli state tracciando.

Pubblicità

Puntate più sul "fattore curiosità" per fare di uno spettatore dei vostri video un vero follower, piuttosto che mostrare che sapete tutto e solo voi sarete in grado di risolvere i loro problemi: il confine tra la competenza e la saccenza è labile ma perfettamente percepibile.

Come potrete facilmente immaginare, non è possibile insegnarvi a fare dei video con un semplice articolo, però potrete attenuare o eliminare gli errori più comuni che fanno tanti che si improvvisano grandi comunicatori in video.

Ricordatevi, soprattutto, che più è semplice la struttura del vostro video, tanto maggiore sarà l'attenzione che il vostro pubblico potrà dedicare ai contenuti del vostro messaggio.

Un video è come un biglietto da visita: dà modo a chi lo guarda di "valutarvi" rapidamente. Nel bene e nel male.

 

(Articolo a cura del Dottor Stefano Paolillo, psicologo, autore di Psicologia dell'Audiovisivo)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicologia video

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni