Pubblicità

Emozioni ai tempi del Coronavirus

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 433 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

La pandemia legata al Coronavirus ha attivato una serie di emozioni molto forti in ciascuno di noi. Imparare a conoscerle, comprenderle e gestirle è fondamentale per la salute psichica di tutti.

di Lucia Ianne

Emozioni ai tempi del CoronavirusLa PAURA è un’emozione fondamentale che ha permesso alla specie umana di sopravvivere e di resistere nel corso dei secoli ai pericoli presenti nell’ambiente esterno. A differenza dell’ansia, la PAURA si manifesta in presenza di uno stimolo reale, concreto, percettibile.

Con la diffusione del Covid – 19 mutano completamente i nostri parametri di riferimento e la nostra percezione del rischio. Un virus è impercettibile, invisibile, possiamo solo verificarne gli effetti, i danni.

Si diffonde sempre più la corsa a reperire informazioni, anche sbagliate, sul canale web in particolare, per cercare disconferme o dati certi, ma in questo caso il rischio è di imbattersi molto spesso in fake news che contribuiscono ad alimentare il nostro senso di precarietà ed incertezza. Il nemico non è quindi identificabile, riconoscibile, un individuo o un oggetto da affrontare.

Accade perciò che il nostro prossimo, il nostro vicino può essere visto come possibile portatore di virus, come possibile veicolo di contagio. Stiamo evitando tutto quell’universo che quotidianamente cerchiamo faticosamente di costruire fatto di reciprocità, di scambi, di contatti interpersonali, di VICINANZA.

Assistiamo a quello che si può chiamare il lutto degli affetti, dei baci e degli abbracci, che costituiscono una componente fondamentale per manifestare le nostre emozioni, per trasmettere il piacere dell’incontro, della presenza dell’altro.

Un metro di distanza, così lontano ma anche così vicino.

Pubblicità

Rivalutiamo ogni piccolo gesto, un saluto, un bacio, una stretta di mano a cui magari non attribuiamo più lo stesso valore perché fanno parte della gestualità data per scontata. In prossemica si studia la distanza sociale, ai tempi del Corona virus siamo tutti costretti ad uno spazio di relazione formale, di circostanza, l’intimità viene quasi abolita.

Eppure paradossalmente possiamo ritrovare questo spazio privato nelle nostre case, in un ambiente che spesso frequentiamo o rispettiamo poco, con i nostri familiari, che magari riabbracciamo solo a sera tornati dal lavoro.

Riprendiamoci i nostri cari , il piacere della condivisione di spazio e tempo, di un pomeriggio in famiglia, che ci permettiamo solo quando abbiamo l’influenza. È bello dire sono a casa perché sto bene, perché voglio proteggere me, la mia famiglia e chi mi sta vicino. Io resto a casa non per evitare gli altri ma per abbracciare il rispetto!

Proteggiamo I nostri bambini cercando di non trasmettere ansia o preoccupazione, ma senso di responsabilità nel veicolare il messaggio che ogni persona può dare il suo piccolo contributo, e con pazienza e tenacia, saremo come pezzi di un puzzle che alla fine ti permettono di realizzare e di vedere un’immagine intera.

Non abbiate paura di chiedere aiuto, ad una figura esperta in gestione dell’ansia e delle emozioni, stiamo vivendo un momento difficile e non sempre abbiamo le parole e gli strumenti per affrontare gli imprevisti. Uno psicologo o uno Psicoterapeuta possono aiutarvi in questo compito.

Facciamo in modo che un momento di crisi sia un punto di rinascita, di riequilibrio fisico, psichico e affettivo. Abbiamo bisogno di piccole cose, perciò curiamo, creiamo, modifichiamo o coloriamo le nostre giornate, troviamo in noi gli strumenti per dipingere una tela meravigliosa, per intingere d’Amore rosso i nostri capolavori.

È questo l’antidoto al virus, al veleno, alla morte: un potente farmaco chiamato VITA.

 

Articolo a cura della Dott.ssa Lucia Ianne, Psicologa Psicoterapeuta

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: emozioni coronavirus covid-19

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

News Letters

0
condivisioni