Pubblicità

I regali li porta Babbo Natale?

0
condivisioni

on . Postato in La commercializzazione della genitorialità | Letto 1328 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sempre più sembra crescere l'esigenza sociale di una commercializzazione della nostra vita che ci renda omogenei ad un sistema condiviso dove ogni nostro gesto diventa merce. E' importante parlarne per capire e cambiare un sistema malato.

Dottor Sergio Stagnitta

i regali li porta babbo nataleQualche settimana fa i miei figli mi hanno chiesto un incontro, una specie di assemblea sindacale, nella quale hanno dichiarato, perentoriamente, che quest’anno non avrebbero scritto la famigerata letterina a Babbo Natale, motivazione: Babbo Natale non esiste!

Molte persone si chiedono se è giusto alimentare questa credenza nei bambini, ovvero se è giusto “ingannarli” con racconti fantastici e personaggi inesistenti.

Avrei qualche difficoltà a rispondere a questa domanda, semplicemente perché le tradizioni legate al Natale non sono tutte uguali nel mondo. In Spagna, ad esempio, i doni sotto l’albero (nella notte del 5 e 6 gennaio), li portano i Re Magi, in altre parti, come nel nord della Francia o in Ucraina, a portarli è San Nicola e così via. Insomma tante tradizioni e tante credenze locali.

Io porrei la domanda in modo differente, ovvero: è giusto educare i propri figli al rapporto con una dimensione altra, trascendente, misteriosa? Fino a qualche anno fa avrei risposto assolutamente di no! I bambini devono cresce con la consapevolezza razionale che quello che non si vede non esiste. Dio, Babbo Natale, i Re Magi, San Nicola, i Puffi... Poi, fortunatamente per i miei figli e per me, ho cambiato idea.

Una figura molto importante che mi ha fatto cambiare idea è stata quella dell’angelo custode. Fin da quando i miei figli erano piccolissimi con mia moglie avevamo preso l’abitudine, prima di partire per un viaggio in macchina, di invocare gli angeli custodi. Questa abitudine è diventata ormai una consuetudine irrinunciabile, e così tutte le volte: 4 invocazioni, 4 angeli custodi, quattro preghiere… risultato: macchina protetta da tutti i lati!

Far crescere i propri figli insegnandoli ad evocare qualcuno di “Altro”, li aiuta, a mio avviso, a staccarsi dalla dimensione narcisistica dell’Io, dallo sguardo simmetrico, dove noi siamo costantemente il centro del mondo. Noi possiamo essere le persone più razionali e concrete dell’universo, ma dentro di noi, magari sepolta profondamente, c’è una parte che spinge verso l’alto, verso una dimensione che rompa lo schema prefissato del tutto già noto e calcolabile, un legame che un credente può assimilare a Dio, altri ad un’energia “cosmica”, alla magia, all’arte. Ciascuno di noi ha il suo particolare rapporto con la dimensione trascendentale. Se riusciamo a riconoscerla dentro di noi possiamo trasmetterla agli altri, soprattutto ai nostri figli. È una dimensione che ci mette in comunicazione, come scrivevo prima, con l’Altro (con la “A” maiuscola, come direbbe Lacan) ma anche con il nostro simile, le persone a noi vicine.

Pubblicità

Questo legame con la dimensione misteriosa, un tempo era assolutamente naturale, faceva parte delle credenze condivise che consentivano alle persone di affidarsi a Dio, affidarsi alla sorte, soprattutto nei momenti di grande avversità. Affidarsi all’Altro vuol dire anche non avere la pretesa di risolvere sempre tutto da soli, non aver mai bisogno di nessuno. La conseguenza più evidente era trovare negli altri, i nostri vicini, un sostegno piuttosto che dei nemici da combattere, con i quali entrare in perenne competizione.

Ecco perché per lungo tempo ho raccontato ai miei figli di Babbo Natale, cercando di mantenere questa atmosfera magica, di attesa, di rottura con la quotidianità, in una parola ho cercato di preservare e custodire lo spazio del mistero che li accompagnerà, lo spero tantissimo, per tutta lo loro vita.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: Babbo Natale regali

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un neurologo francese dell’Ottocento, fu il...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni