Pubblicità

Quanto è facile innamorarsi del proprio terapeuta?

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 1261 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

In psicoterapia accade spesso di innamorarsi del proprio terapeuta ed il tranfert è antico quanto la psicoterapia stessa. Infatti fu Sigmund Freud il primo a notare questo meccanismo.

innamorarsi del proprio terapeutaFreud, il padre della psicoanalisi, descrive questo fenomeno dei clienti che si innamorano del loro terapeuta, qualcosa a cui ha dato il nome più ampio di “transfert”.

Il transfert è un fenomeno molto più ampio del semplice innamoramento in quanto può anche includere sentimenti negativi verso il terapeuta.

Freud ha riferito che entrambe le istanze indicano una dipendenza dal proprio terapeuta.

Notiamo, quindi, che il paziente, che non dovrebbe desiderare nient'altro che trovare una via d'uscita dai suoi angoscianti conflitti, sviluppa un interesse speciale per la persona del dottore. Tutto ciò che è connesso con il medico sembra essere più importante per lui dei suoi affari e per distoglierlo dalla sua malattia … la forma in cui questo affetto si esprime e quali sono i suoi obiettivi dipendono naturalmente dal rapporto personale tra le due persone coinvolte. Se le persone interessate sono un giovane uomo o una giovane ragazza, avremo l'impressione di un normale caso di innamoramento; troveremo comprensibile che una ragazza si innamori di un uomo con il quale può essere molto sola e parla di cose intime e che ha il vantaggio di averla incontrata per offrirle un aiuto superiore... più i rapporti personali tra medico e paziente divergono da questo caso presunto, più saremo sorpresi di trovare comunque la stessa relazione emotiva che ricorre costantemente. Siamo stupiti di ascoltare dichiarazioni di donne e ragazze sposate che testimoniano un atteggiamento del tutto particolare nei confronti del problema terapeutico: spesso asseriscono, che potevano essere curati solo dall'amore”.

Pubblicità

È bene, a questo punto, porsi alcune domande: quanto è più facile apprendere un argomento difficile se hai un amore intrinseco verso di esso? Quanto è più facile alzarsi nel cuore della notte per prendersi cura di un bambino che piange a causa del tuo amore innato per quel bambino? Quali incredibili sacrifici operano gli uomini in guerra per amore della patria? Quindi, perché dovremmo essere sorpresi o angosciati se i pazienti si innamorano dei terapeuti? Lo scopo superiore di questo amore non potrebbe essere quello di motivare a compiere il difficile lavoro che la terapia richiede?

L'amore in terapia può quindi essere inteso come mezzo per raggiungere un fine e non un qualcosa di fine a se stesso.

Se l'amore per ilterapeuta funge da motivazione a volerlo compiacere lavorando maggiormente su sé stessi, allora in questo caso si trasforma in un mezzo per un fine nobile.

Se l'amore per il terapeuta porta il paziente a pensare che solo rimanendo vicino a lui ci si può sentire integri, allora si stanno rinnegando le proprie qualità a causa di un'idealizzazione del terapeuta che deve essere esplorata.

In termini religiosi, questo aspetto prende il nome di culto, in cui si proiettano qualità eccelse in un essere al di sopra di noi.

Nessun mortale può vivere fino a tali alte proiezioni, e se per caso la relazione terapeutica assume un qualche forma di unione perfetta immaginata, molto presto il risveglio si tradurrà nell'evidenza di una discrepanza tra la bellezza del transfert e i limiti dolorosi della realtà.

Pubblicità

In qualche modo è abbastanza simile alla transizione che tutte le coppie devono attraversare quando si passa dall'amore romantico ad una relazione impegnata e a lungo termine.

L'esperienza della psicoterapia porta il paziente a sentire di avere qualcuno che vede cose che spesso sono state dimenticate o che non si è stati in grado in vedere in modo del tutto naturale. È probabilmente questo aspetto, unito ad altre componenti della personalità del paziente, che innesca automaticamente l'amore per il terapeuta.

In un certo senso, è come se ci si innamorasse di sé stessi, dei Sè più grandi, quei Sè che i terapeuti aiutano ad intravedere, quando c'è bisogno di sperimentare sé stessi in modi molto più profondi.

Lo scopo del sentimento potrebbe quindi essere quello di aiutare il paziente ad amarsi abbastanza al punto da sentirsi integro, qualcosa che va oltre il sentirsi innamorati del proprio terapeuta, perché l'amore primario è quello rivolto verso sé stessi.

Anche se può sembrare paradossale, è proprio il voler imparare ad amare sé stessi più pienamente che spesso conduce i pazienti nelle stanze dei propri psicoterapeuti.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Nota della Redazione:

Ad integrare l'articolo e a renderlo attuale e vivo, vi suggeriamo di visitare il FORUM DI PSICONLINE dove, nel lontano 5 dicembre 2007, è iniziato un Tread dal titolo "E se ci si innamora dello psicologo?" che è andato avanti con costanza e continuità per oltre 1125 pagine. L'ultimo post è, infatti, del 18 gennaio 2020 (rilevazione effettuata al momento della pubblicazione di questo articolo).

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: transfert innamoramento

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters

0
condivisioni