Pubblicità

Giochi perversi online

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 441 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Proliferano i giochi perversi che si inventano in Internet e che ruotano attorno al sesso e alle immagini morbose di una sessualità messa in pubblico senza riserbo e autorizzazione

giochi perversi onlineLe prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano I provocatori e chi si vantano delle loro azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like” che possono anche rendere dal punto di vista economico. Proliferano poi i giochi perversi che si “inventano” in Internet e che ruotano attorno al sesso e alle immagini morbose di una sessualità messa in pubblico senza riserbo e autorizzazione.

Il sexting è uno di questi. Un gioco tristemente famoso che i ragazzini, ma anche gli adulti, praticano scambiando materiale multimediale erotico intimo e privato. Un gioco estremamente pericoloso per l’uso che ne può fare chi riceve queste foto o video, dove il divertimento consiste nel vedere le reazioni a questo materiale provocante senza immaginare il danno che può arrecare. Soprattutto se a riceverlo è chi non lo desidera o un minore che non è pronto a vedere scene di sesso hard.

Diffuso tra gli adolescenti, che già a partire dagli 11-12 anni si divertono a farsi selfie in pose intime o nudi per lasciarle poi girare senza preoccupazione, il sexting è pericoloso perché le foto dei minori possono servire ad alimentare il mercato pedopornografico.

Pubblicità

I teenager non sanno del rischio perché nessuno glielo ha spiegato. Non conoscono il pericolo perché gli adulti tollerano questo gioco dicendo che in fondo e una “ragazzata” e non lo sanzionano né controllano quello che essi postano sui social più in voga, dove è in uso far girare tra gli “amici” materiale intimo e provocatorio, di grande interesse per i nuovi pedofili.

Ed è altrettanto perverso il Revenge porn, ovvero la “rivendicazione pornografica” che è azione gravemente offensiva praticata dagli adolescenti e dai giovani adulti quando una relazione tra due partner finisce. È la pratica violenta di uno che consiste nel far girare, per rabbia o vendetta, immagini intime della persona a cui in passato si era legati e di cui ora si vuole distruggere la reputazione.

Ed è ingannevole e mostruosamente crudele il Pull a pig game, il gioco dell’imbrogliare il maiale, dove per maiale si intende una ragazza piuttosto in carne e brutta che viene adescata con l’inganno di un corteggiamento falso e persecutorio. Uno scherzo di una cattiveria indicibile che umilia e devasta la vittima nel momento in cui questa scopre che il bullo l’ha presa in giro on line facendole credere altro e che, nell’incontro reale, invece tenta anche di esercitarle violenza sessuale.

Per proteggere questi minori che non conoscono i rischi derivanti dall’uso imprudente della tecnologia, è necessario puntare su legami di fiducia tra adulti e adolescenti, in modo che questi ultimi sappiano chiedere aiuto quando ne hanno bisogno.

Pubblicità

I bambini poi vanno educati precocemente ad un uso attento degli strumenti e scoraggiati con fermezza nella diffusione di immagini, video e informazioni personali. Poi quello che conta è l’esempio, soprattutto quello di evitare di postare continuamente immagini dei propri figli on line.

È necessario educarli alla sessualità fin da piccoli e coniugare questa con l’educazione alle emozioni e ai sentimenti, al rispetto di se stessi e degli altri.

Infine per contenere quel bisogno acuto di visibilità che hanno i teenager soprattutto quando si sentono in balia delle ansie e delle preoccupazioni per la crescita, vanno riconosciuti e pensati. Più non sono presenti nei pensieri degli adulti di riferimento e più si smarriscono.

 

(Articolo a cura del Prof. Giuseppe Maiolo - Università di Trento)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: internet smartphone online Giochi perversi sexting

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Area Professionale

Articolo 22 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art. 22 (ruolo professionale dello psicologo) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che, sett...

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni