Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Perché inibiamo il contatto visivo durante una conversazione emotiva?

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 2220 volte

Ricerche scientifiche dimostrano che il contatto oculare è un punto di forza per stabilire rapporti sociali e professionali profondi e duraturi.


autismoNuove ricerche sull’autismo aiutano a comprendere i meccanismi cerebrali di base della comunicazione visiva e il ruolo del contatto visivo nelle interazioni emotive con gli altri.

Come la maggior parte degli animali, l'homo Sapiens comunica con i propri simili attraverso il contatto visivo.


Attraverso l’osservazione dei movimenti oculari e delle variazioni dello sguardo è possibile valutare e captare importanti segnali comunicativi non verbali del nostro interlocutore.

Purtroppo, per le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) il contatto visivo è spesso motivazione di ansia e paura e di conseguenza viene evitato in molte circostanze.

In un nuovo studio innovativo, condotto da ricercatori della University of Vermont (UVM), attraverso l’utilizzo di tecnologie “eye tracking” e l’utilizzo di Skype,  è stato possibile osservare  il movimento tipico  degli occhi  dei bambini con autismo.

La ricerca ha rivelato che i bambini con ASD hanno maggiore difficoltà a mantenere il contatto visivo quando la conversazione si sposta da argomenti banali a emotivi.

È interessante notare come questi bambini  autistici, durante una conversazione, tendono a spostare lo sguardo verso la bocca dell’interlocutore, piuttosto che sugli occhi.
La correlazione tra lo spostamento dello sguardo e l'autismo sono state associate a Deficit attentivi e delle funzioni esecutive.

Hutchins ipotizza che gli argomenti emotivamente forti richiedono un elaborazione della situazione da parte della memoria di lavoro.

Quando si raggiunge una certa soglia attentiva è difficile riprodurre le informazioni provenienti dalla regione dell’occhio.

I ricercatori ipotizzano anche che parlare di sentimenti diminuisce le risorse delle funzioni esecutive, questo porta ad avere un’atipica attenzione visiva e perdita di contatto oculare.

Inoltre, il sovraccarico emotivo può portare i  bambini  a porre attenzioni su altre parti del viso in modo da avere più informazioni per valutare il contesto emotivo, senza avere un cortocircuito del cervello.


Parlare di emozioni è davvero difficile per i bambini con ASD. E 'come guidare in una tempesta di neve.
Di conseguenza, i bambini con ASD perdono l'opportunità di comprendere la relazione tra le espressioni facciali  pensieri ed emozioni sottostanti.

Alcune ipotesi sullo studio rivelano  anche che le anomalie del contatto visivo siano correlate ad anomalie strutturali del cervelletto.
Storicamente, il cervelletto è stato considerato dalla maggior parte degli esperti come la parte del nostro cervello che integra le informazioni sensoriali e coordina i movimenti.

Tuttavia, molti neuroscienziati ritengono che questa area cerebrale possa influenzare fortemente gli stati emotivi della mente.

Quest’ultimo , in correlazione con il sistema vestibolare è deputato ad ottimizzare il movimento del nostro sguardo per focalizzarci e concentrarci su un determinato obiettivo.

I pazienti che mostrano difetti del sistema vestibolare o cervelletto hanno gran difficoltà a controllare la direzione dello sguardo in risposta ai cambiamenti nel loro ambiente.

Hutchins sottolinea che i terapeuti dovrebbero individuare trattamenti adeguati finalizzati a ridurre al minimo il distacco sociale sperimentato dai pazienti con ASD e trovare valide alternative per aiutarli a mantenere il contatto visivo durante le conversazioni.  

 

Tratto da psypost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Ilaria Addorisio De Feo)
 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore
 
 

 


http://www.psypost.org/2016/04/eye-tracking-study-shows-children-autism-fixating-mouth-eyes-42074 nversazioni emotive quando è opportuno.

Tags: paura sguardo autismo contatto visivo motivazione interazioni emotive conversazione cervelletto funzioni esecutive memoria di lavoro

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

News Letters