Pubblicità

Perché inibiamo il contatto visivo durante una conversazione emotiva?

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 4510 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Ricerche scientifiche dimostrano che il contatto oculare è un punto di forza per stabilire rapporti sociali e professionali profondi e duraturi.

autismo e contatto visivoNuove ricerche sull’autismo aiutano a comprendere i meccanismi cerebrali di base della comunicazione visiva e il ruolo del contatto visivo nelle interazioni emotive con gli altri.

Come la maggior parte degli animali, l'homo Sapiens comunica con i propri simili attraverso il contatto visivo.

Attraverso l’osservazione dei movimenti oculari e delle variazioni dello sguardo è possibile valutare e captare importanti segnali comunicativi non verbali del nostro interlocutore.

Purtroppo, per le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) il contatto visivo è spesso motivazione di ansia e paura e di conseguenza viene evitato in molte circostanze.

In un nuovo studio innovativo, condotto da ricercatori della University of Vermont (UVM), attraverso l’utilizzo di tecnologie “eye tracking” e l’utilizzo di Skype,  è stato possibile osservare  il movimento tipico  degli occhi  dei bambini con autismo.

La ricerca ha rivelato che i bambini con ASD hanno maggiore difficoltà a mantenere il contatto visivo quando la conversazione si sposta da argomenti banali a emotivi.

È interessante notare come questi bambini  autistici, durante una conversazione, tendono a spostare lo sguardo verso la bocca dell’interlocutore, piuttosto che sugli occhi. La correlazione tra lo spostamento dello sguardo e l'autismo sono state associate a Deficit attentivi e delle funzioni esecutive.

Hutchins ipotizza che gli argomenti emotivamente forti richiedono un elaborazione della situazione da parte della memoria di lavoro.

Quando si raggiunge una certa soglia attentiva è difficile riprodurre le informazioni provenienti dalla regione dell’occhio.

I ricercatori ipotizzano anche che parlare di sentimenti diminuisce le risorse delle funzioni esecutive, questo porta ad avere un’atipica attenzione visiva e perdita di contatto oculare.

Inoltre, il sovraccarico emotivo può portare i  bambini  a porre attenzioni su altre parti del viso in modo da avere più informazioni per valutare il contesto emotivo, senza avere un cortocircuito del cervello.

Pubblicità

Parlare di emozioni è davvero difficile per i bambini con ASD. E' come guidare in una tempesta di neve.
Di conseguenza, i bambini con ASD perdono l'opportunità di comprendere la relazione tra le espressioni facciali  pensieri ed emozioni sottostanti.

Alcune ipotesi sullo studio rivelano  anche che le anomalie del contatto visivo siano correlate ad anomalie strutturali del cervelletto.
Storicamente, il cervelletto è stato considerato dalla maggior parte degli esperti come la parte del nostro cervello che integra le informazioni sensoriali e coordina i movimenti.

Tuttavia, molti neuroscienziati ritengono che questa area cerebrale possa influenzare fortemente gli stati emotivi della mente.

Quest’ultimo, in correlazione con il sistema vestibolare è deputato ad ottimizzare il movimento del nostro sguardo per focalizzarci e concentrarci su un determinato obiettivo.

I pazienti che mostrano difetti del sistema vestibolare o cervelletto hanno gran difficoltà a controllare la direzione dello sguardo in risposta ai cambiamenti nel loro ambiente.

Hutchins sottolinea che i terapeuti dovrebbero individuare trattamenti adeguati finalizzati a ridurre al minimo il distacco sociale sperimentato dai pazienti con ASD e trovare valide alternative per aiutarli a mantenere il contatto visivo durante le conversazioni.  

 

Tratto da psypost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Ilaria Addorisio De Feo)
 
 
 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 
 

Tags: paura sguardo autismo contatto visivo motivazione interazioni emotive conversazione cervelletto funzioni esecutive memoria di lavoro

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni