Pubblicità

Perché inibiamo il contatto visivo durante una conversazione emotiva?

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 4001 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Ricerche scientifiche dimostrano che il contatto oculare è un punto di forza per stabilire rapporti sociali e professionali profondi e duraturi.

autismo e contatto visivoNuove ricerche sull’autismo aiutano a comprendere i meccanismi cerebrali di base della comunicazione visiva e il ruolo del contatto visivo nelle interazioni emotive con gli altri.

Come la maggior parte degli animali, l'homo Sapiens comunica con i propri simili attraverso il contatto visivo.

Attraverso l’osservazione dei movimenti oculari e delle variazioni dello sguardo è possibile valutare e captare importanti segnali comunicativi non verbali del nostro interlocutore.

Purtroppo, per le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) il contatto visivo è spesso motivazione di ansia e paura e di conseguenza viene evitato in molte circostanze.

In un nuovo studio innovativo, condotto da ricercatori della University of Vermont (UVM), attraverso l’utilizzo di tecnologie “eye tracking” e l’utilizzo di Skype,  è stato possibile osservare  il movimento tipico  degli occhi  dei bambini con autismo.

La ricerca ha rivelato che i bambini con ASD hanno maggiore difficoltà a mantenere il contatto visivo quando la conversazione si sposta da argomenti banali a emotivi.

È interessante notare come questi bambini  autistici, durante una conversazione, tendono a spostare lo sguardo verso la bocca dell’interlocutore, piuttosto che sugli occhi. La correlazione tra lo spostamento dello sguardo e l'autismo sono state associate a Deficit attentivi e delle funzioni esecutive.

Hutchins ipotizza che gli argomenti emotivamente forti richiedono un elaborazione della situazione da parte della memoria di lavoro.

Quando si raggiunge una certa soglia attentiva è difficile riprodurre le informazioni provenienti dalla regione dell’occhio.

I ricercatori ipotizzano anche che parlare di sentimenti diminuisce le risorse delle funzioni esecutive, questo porta ad avere un’atipica attenzione visiva e perdita di contatto oculare.

Inoltre, il sovraccarico emotivo può portare i  bambini  a porre attenzioni su altre parti del viso in modo da avere più informazioni per valutare il contesto emotivo, senza avere un cortocircuito del cervello.

Pubblicità

Parlare di emozioni è davvero difficile per i bambini con ASD. E' come guidare in una tempesta di neve.
Di conseguenza, i bambini con ASD perdono l'opportunità di comprendere la relazione tra le espressioni facciali  pensieri ed emozioni sottostanti.

Alcune ipotesi sullo studio rivelano  anche che le anomalie del contatto visivo siano correlate ad anomalie strutturali del cervelletto.
Storicamente, il cervelletto è stato considerato dalla maggior parte degli esperti come la parte del nostro cervello che integra le informazioni sensoriali e coordina i movimenti.

Tuttavia, molti neuroscienziati ritengono che questa area cerebrale possa influenzare fortemente gli stati emotivi della mente.

Quest’ultimo, in correlazione con il sistema vestibolare è deputato ad ottimizzare il movimento del nostro sguardo per focalizzarci e concentrarci su un determinato obiettivo.

I pazienti che mostrano difetti del sistema vestibolare o cervelletto hanno gran difficoltà a controllare la direzione dello sguardo in risposta ai cambiamenti nel loro ambiente.

Hutchins sottolinea che i terapeuti dovrebbero individuare trattamenti adeguati finalizzati a ridurre al minimo il distacco sociale sperimentato dai pazienti con ASD e trovare valide alternative per aiutarli a mantenere il contatto visivo durante le conversazioni.  

 

Tratto da psypost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Ilaria Addorisio De Feo)
 
 
 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione
 
 

Tags: paura sguardo autismo contatto visivo motivazione interazioni emotive conversazione cervelletto funzioni esecutive memoria di lavoro

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni