Pubblicità

Tradire il partner. Dipende dalle nostre scelte!

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 595 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

Psiconline intervista il Dottor Antonio Meridda, co-autore insieme al Dottor Pandiscia, di un nuovo saggio sul tradimento maschile e femminile. Le nostre domande e le sue risposte per analizzare un comportamento così frequente nella relazione di coppia della specie umana!

intervista ad antonio meridda, autoredi Perche mi tradisci, sulle dinamiche del tradimentoPerché mi tradisci è il nuovo saggio di Fabio Pandiscia e Antonio Meridda che analizza il significato, i motivi e quindi le cause del tradimento per cercare di comprendere i meccanismi che ne sono alla base e quali sistemi, nel caso, adottare per evitare di incapparvi durante la nostra vita sentimentale.

L'argomento è certamente di grande interesse poiché il tradimento è un comportamento estremamente diffuso sia all'interno dell'universo maschile che di quello femminile e non è certamente una scoperta dei nostri giorni, anzi. Ed è per questo motivo che abbiamo voluto intervistare Antonio Meridda, co-autore insieme a Fabio Pandiscia del nuovo volume pubblicato da Edizioni Psiconline, per parlare delle dinamiche della coppia e i motivi per cui il tradimento ha una così grande possibilità di essere agito da uno o da entrambi i partner.

Psiconline: Quali sono gli argomenti trattati in Perché mi tradisci?

Antonio Meridda: Gli argomenti sono diversi: le relazioni, la funzione della coppia, gli ormoni che la regolano e i meccanismi che ne sono alla base. Con un particolare riguardo, ovviamente, al tradimento.

Come è strutturato il volume?

Il libro è suddiviso in 5 parti: l'etologia del tradimento, ovvero perché viviamo in coppia e quale comportamento genera il tradimento. La psicologia del tradimento, quindi le motivazioni per cui si tradisce, i due sessi a paragone, per capire le motivazioni che spingono entrambi a stare insieme e a tradirsi, il funzionamento degli ormoni e come influenzano il nostro modo di agire, e per finire le difficoltà psicologiche che sono alla base dei problemi di coppia, non ultimo il tradimento.

Perché scrivere un saggio sul tradimento?

Per quanto sia un comportamento odioso, tutti siamo coinvolti dal tradimento. Chi perché tradisce, chi perché tradito. Tramite questo volume vogliamo spiegare come mai ciò accade e suggeriamo al lettore delle soluzioni per risolvere il problema.

Quando e perché in generale si tradisce qualcuno?

I motivi sono davvero tanti! Per lo più, comunque, possiamo ricadere in due grandi categorie: delusione e tentazione. Una relazione insoddisfacente produce entrambe queste motivazioni. Quanto al quando, non ci sono tempi precisi, ma esistono dei momenti di maggiore fragilità nella coppia. Lo stress, come spiegato, aumenta il rischio di tradimento.

Pubblicità

Chi ha subito un tradimento a sua volta può tradire?

Non ci sono legami tra le due cose, per cui sì, chi è stato tradito può tradire. Così come può farlo chi non è mai stato tradito.

C'è qualcuno più predisposto di altri al tradimento? Si può descrivere la tipologia del traditore?

Una ricerca recente ha trovato una predisposizione genetica, di parte maschile, al tradimento, ma riguarda solo il 4% degli uomini. Sappiamo però che le coppie tradite non sono, purtroppo, un numero così esiguo. Inoltre, anche le donne tradiscono, benché non ci sia una conferma genetica in questo senso.

Quali vantaggi ci sono nel tradimento?

Da scienziato ed etologo sono propenso a considerare ogni comportamento come utile, anche se non sempre è facile trovarne la causa. Nel caso del tradimento il motivo è molto ovvio: si tradisce con qualcuno che riteniamo migliore dell'attuale partner, per cui è un "programma genetico" antichissimo, molto più della nostra specie: riprodursi generando la migliore progenie possibile.

Il tradimento fa parte del nostro DNA?

Assolutamente sì. E non uso mai il termine DNA alla leggera. Con esso non intendo "abitudine" o "modo di essere", ma esattamente ciò che è: un codice genetico. Tradire il partner fa parte del DNA della maggior parte dei primati, noi compresi. Ovviamente, avere un'informazione genetica non vuol dire seguirla alla lettera! Per esempio, tutti siamo portati, geneticamente, all'arte, ma non siamo tutti artisti. Allo stesso modo, avere il tradimento tra i geni non significa affatto che siamo tutti traditori.

Si può evitare il tradimento?

Se intendiamo il tradire il partner, certo che possiamo evitarlo. Dipende dalle nostre scelte! Per quel che riguarda il partner verso di noi, ricordo ancora che il tradimento è generato dal mal funzionamento della coppia. Per evitarlo, quindi, bisogna che essa funzioni bene.

In tema di tradimento esistono differenze tra uomini e donne?

In generale sì. Entrambi sono insoddisfatti del partner, ed entrambi ne cercano uno più valido. Ma le motivazioni sono differenti. Per gli uomini, di solito, il motivo è più "fisico": l'attuale compagna non li eccita più e ne cercano un'altra. Per le donne è più "psicologico": il loro compagno le ignora o le tratta male (che non vuol dire solo che le picchia. Potrebbe anche essere gentile ma in modo "sbagliato").

Pubblicità

Il tradimento scaturisce sempre da problemi nella coppia o può esistere anche senza una reale motivazione?

Come già detto, ci sono anche motivazioni genetiche, e in alcuni casi anche di educazione: chi cresce con esempi negativi in questo senso può in certi casi finire per emulare il comportamento del genitore anche senza un reale motivo.

Si può recuperare un rapporto dopo un tradimento?

La reale difficoltà in questo caso la fa la motivazione che lo ha generato. Le donne sono più propense a perdonare un tradimento fisico anziché mentale (il loro compagno magari le tradisce una volta con una sconosciuta per la quale non prova nulla), gli uomini uno mentale anziché fisico (la compagna può sospirare per un altro uomo, basta che non ci vada a letto).

 

Un estratto del volume da sfogliare e leggere:

 

L'argomento ti interessa e desideri leggere il libro scritto da Fabio Pandiscia e Antonio Meridda? Acquistalo subito su Amazon...

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: relazione tradimento coppia Intervista Fabio Pandiscia Antonio Meridda

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni