Pubblicità

Allucinazioni? Possono essere causate da una piega nel cervello

0
condivisioni

on . Postato in Psicopatologia | Letto 3819 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Anche se non avete mai avuto un'allucinazione - cioè un evento sensoriale che è vissuto come reale, pur non avendo una causa materiale - è facile immaginare come possono essere spaventose.

allucinazioniImmaginate di sentire una voce che urla: "Tu non sei bravo in questo e fallirai ogni esame" senza sapere da dove proviene. Oppure immaginate di vedere improvvisamente un serpente velenoso che striscia verso di voi.

Nonostante i progressi nel campo dell'imaging cerebrale, abbiamo ancora una comprensione limitata dei processi biologici che stanno dietro le allucinazioni. Ma una nuova ricerca ha scoperto che una regione chiave del cervello, il solco paracingolato, può essere alla base di tale esperienza. Questo offre maggior comprensione sul perché alcune persone sono più predisposte ad avere allucinazioni e fornisce un target neurale per i trattamenti che mirano ad affrontare tali esperienze terrificanti.

Quando qualcuno ha un'allucinazione, il problema di fondo è che non riesce a distinguere tra gli eventi reali e quelli creati dall'immaginazione. Di conseguenza, le allucinazioni sono state descritte come una perdita di "monitoraggio della realtà".

Il centro dell'immaginazione

Recenti studi che hanno considerato le immagini del cervello ricavate dalla risonanza magnetica funzionale (fMRI), hanno dimostrato che vi è una zona del lobo frontale particolarmente legata all'immaginazione. Lo strato più esterno di tessuto (corteccia) che avvolge una piega (solco) nel cervello, nota come paracingolato, si attiva quando fantastichiamo uno scenario futuro o immaginiamo ciò che gli altri pensano o sentono. Inoltre sappiamo, attraverso lo studio di pazienti con danni cerebrali, che il lobo frontale, in generale, è importante per i comportamenti umani complessi, come la pianificazione e il senso di sé.

Il ruolo chiave giocato dall'area del solco paracingolato nell' immaginazione suggerisce che è anche coinvolta nel monitoraggio realtà. Se questa parte del cervello funziona male, potrebbe poi influenzare la nostra capacità di distinguere la realtà dalla fantasia e quindi aumentare la probabilità di provare delle allucinazioni.

Per verificare questa teoria, Jane Garrison e i suoi colleghi dell'Università di Cambridge, hanno intrapreso uno studio su larga scala riguardante l'anatomia del solco paracingolato. Questa particolare piega del cervello può apparire molto diversa tra le persone: in alcuni cervelli è lunga e ininterrotta; in altri, è breve e interrotta e in alcune persone, addirittura, è assente. Pieghe più lunghe significa, in realtà, che ci sono meno cellule che trasportano la materia grigia in questa zona del cervello.

Altre differenze individuali nella struttura del solco possono influenzare anche i collegamenti intrattenuti con il resto del cervello tramite la materia bianca che, a sua volta, trasporta segnali neurali. Queste variazioni strutturali possono alterare il naturale processamento delle informazioni che si svolge in una regione del cervello.

I ricercatori hanno misurato la lunghezza del solco paracingolato di tre gruppi di persone sottoposte a scansioni cerebrali di risonanza magnetica strutturale (MRI): 1) pazienti schizofrenici che hanno sperimentato le allucinazioni, 2) pazienti schizofrenici senza allucinazioni e 3) soggetti sani appartenenti al gruppo di controllo. Sorprendentemente, i pazienti che hanno avuto le allucinazioni, presentavano una riduzione significativa della lunghezza del solco paracingolato rispetto a quelli senza allucinazioni.

Le analisi hanno indicato che una riduzione della lunghezza del solco di un centimetro comporta una maggiore probabilità (di quasi il 20%) di sperimentare allucinazioni. Inoltre, la lunghezza del solco non differiva tra i pazienti schizofrenici senza allucinazioni e gli individui di controllo. Questo suggerisce che la lunghezza del solco riguarda specificatamente l'esperienza delle allucinazioni anziché la schizofrenia in generale.

Fare luce sulla schizofrenia

È interessante notare che, un solco paracingolato più corto comporta maggior probabilità di sperimentare le allucinazioni indipendentemente dal loro tipo: ascolto di voci, visione di immagini, sentirsi toccati o percepire odori che non sono reali. Questo associa la regione all'esperienza allucinatoria in generale, piuttosto che a problemi specifici con, ad esempio, la percezione uditiva o visiva.

Pubblicità

Questo studio non si limita a far luce sul motivo per cui alcuni pazienti affetti da schizofrenia potrebbero avere le allucinazioni, mentre altri no. Ci delucida anche su aspetti fondamentali che interessano le basi neurali del processo allucinatorio. Dunque, nel cercare di comprendere cosa rende alcune persone più predisposte ad avere le allucinazioni, dobbiamo cominciare ad analizzare le caratteristiche anatomiche del cervello che sono alla base dell' esperienza del sé e della coscienza dell'uomo.

Il risultato finale è che il solco paracingolato può diventare un target importante in nuove terapie cerebrali che mirano ad affrontare la disfunzione di regioni specifiche. Tecniche come la stimolazione magnetica transcranica, in cui un campo elettromagnetico viene esercitato appena sopra lo scalpo, hanno il potere di cambiare in modo sicuro i livelli di attività nelle aree cerebrali corticali.

Ora, i ricercatori che sperano di migliorare la vita di chi soffre di allucinazioni hanno un'area individuata sulla mappa corticale da dove possono cominciare.

 

Tratto da PsyPost

 

(traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: allucinazioni cervello piega, immaginazione solco paracingolato monitoraggio della realtà fMRi fantasia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni