Pubblicità

L'influenza genitoriale sulle amicizie infantili

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 816 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio fa luce sul perchè le amicizie infantili si disgregano ed è il primo a dimostrare che i genitori, in particolare quelli con problemi di salute mentale, spesso svolgono un ruolo nelle rotture amicali.

L'influenza genitoriale sulle amicizie infantiliI risultati, pubblicati sul Journal of Family Psychology, mostrano che tra i bambini con genitori clinicamente depressi, il rischio di una dissoluzione dell'amicizia aumenta fino al 104%.

Anche i bambini con genitori psicologicamente controllanti hanno mostrato un effetto simile, sebbene non del tutto altrettanto drammatico.

I genitori depressi e psicologicamente controllanti creano un clima affettivo che è dannoso per il benessere dei bambini, con problemi che si riversano nel mondo sociale con il gruppo dei pari”, ha affermato Brett Laursen, coautore dello studio e professore nel dipartimento di psicologia del Charles E.Schmidr College of Science presso la Florida Atlantic University.

Crediamo che i bambini con genitori depressi e psicologicamente controllanti non stiano apprendendo strategie salutari per interagire con altre persone, il chè potrebbe avere conseguenze a lungo termine per le loro future relazioni”.

Pubblicità

Per lo studio, i ricercatori della Florida e dell'Università di Jyvaskyla in Finlandia hanno condotto un'analisi per identificare quali tratti genitoriali sono legati alla stabilità delle amicizie dei loro figli.

Hanno valutato i dati di 1.523 bambini, di cui 766 maschi, dalla prima fino alle quinta elementare.

I ricercatori hanno esaminato i self-report dei sintomi depressivi dei genitori e gli stili genitoriali e hanno utilizzato questi fattori per prevedere l'occorrenza ed i tempi della dissoluzione delle amicizie dall'inizio alla fine della scuola elementare.

I ricercatori hanno valutato tre stili genitoriali comunemente riconosciuti: controllo comportamentale, come monitoraggio e coprifuoco; controllo psicologico, come vergogna e senso di colpa; e calore e affetto.

Hanno anche preso in considerazione la depressione dei genitori così come lo stato sociale dei bambini con il gruppo dei pari o quanto siano benvoluti dagli altri bambini.

Sappiamo già che il gruppo dei pari gioca un ruolo importante nei risultati amicali. Ad esempio, i bambini benvoluti hanno relazioni più durature rispetto ai loro compagni di classe”, ha affermato Laursen.

Il nostro studio è il primo ad includere nello stesso modello sia le caratteristiche genitoriali sia lo stato sociale dei pari per identificare i contributi unici dei genitori alla stabilità dell'amicizia infantile”.

Il team di ricerca voleva determinare se tratti genitoriali negativi come comportamenti manipolativi e coercitivi potessero avere conseguenze negative nelle amicizie dei bambini.

I risultati mostrano un chiaro sostegno alla loro ipotesi che le caratteristiche negative della genitorialità, come la depressione ed il controllo psicologico, aumentano il rischio che le amicizie si interrompano.

Per i bambini con genitori clinicamente depressi, ad esempio, il rischio di una maggiore dissoluzione dell'amicizia è aumentato fino al 104%.

Vi è stato un simile, anche se non altrettanto drammatico, aumento del rischio di interruzioni di amicizia per i bambini con genitori psicologicamente controllanti.

In effetti, la depressione dei genitori ed il controllo psicologico predissero in modo univoco le successive disgregazioni amicali, al di là delle difficoltà che si possono incontrare nel gruppo dei pari.

Pubblicità

Tuttavia, i ricercatori furono sorpresi di non trovare prove del fatto che comportamenti genitoriali positivi come il calore e l'affetto migliorassero la stabilità delle amicizie tra i bambini.

Speravamo che i comportamenti positivi aiutassero a prolungare la vita delle amicizie, in modo da poterlo considerare un fattore tampone o protettivo”, ha affermato Laursen.

Non era così; il calore e l'affetto non sembrano fare molta differenza. Sono le caratteristiche negative dei genitori a determinare se e quando queste amicizie infantili finiranno”.

I risultati mostrano anche che la maggior parte delle amicizie infantili sono transitorie. Ad esempio, meno del 10% delle amicizie dal primo anno delle elementari sono sopravvissute, con circa la metà (48%) che si è dissolta entro un anno dall'inizio.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 i

Tags: genitori amicizia influenza genitoriale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

News Letters

0
condivisioni