Pubblicità

Adolescente fuori dal tempo (1446448847597)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 781 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoGugli, 18

 

D

 


Gentili dottori, ormai scrivere queste lettere è l'unico modo che mi rimane per esprimere i miei dolori, che troppo spesso mi sembrano non appartenere a questa realtà.

Mi chiedo soltanto perché non riesco a suicidarmi, lo penso sempre, ho momenti in cui sembro davvero ad un passo dalla morte, in cui mi sento ad un piede dell'abisso per poi sparire e tornare alla vita di tutti i giorni. Non c'è la faccio più. Ad ogni caduta mi sento sempre peggio. Come si può passare dal baratro del dolore, dall'ideazione del suicidio assolutamente illesi e trovarsi un ora dopo a vivere la vita di sempre come se nulla fosse successo. Scrivo adesso dopo un momento simile.

Non ho parole, mi sento solo molto confuso. Fino a 10 min fa mi prendevo a morsi il braccio, avrei giurato che costi quel che costi l'avrei fatta finita, non avrei più pensato alle conseguenze, non avrei neanche scritto una lettera,non mi sarei giustificato in alcun modo, desideravo che ubriacato dal dolore, la sofferenza mi trascinasse con sé al gesto fatale ed io non avrei opposto alcuna resistenza. Ma niente. Forse se non avessi così paura della morte l'avrei fatta davvero finita tante, dico tante ma tante volte.

Tutto questo mi fa sentire come in una prigione e non ho nemmeno qualcosa con cui farla finita. Ma perché soffro di un dolore così ? Che sembra non possa esistere male peggiore ? Non lo so... Dio solo sa che nonostante tutto questo io amo la vita! Non dirò mai, dico mai la vita fa schifo, è colpa della società o altre cose del genere. Io amo troppo la vita, ma la vita mi è estranea, non sono stato mai capace di vivere . Io desideravo solo vivere seguendo i miei sentimenti, interessarmi solo di ciò che mi suscita emozioni. Un po' come si desidera alla mia età sogno una vita che non avrò mai il coraggio di realizzare.

Avrei voluto vivere scrivendo poesie sebbene sono un incapace, non mi interessava avere una vita lunga , sognavo di essere come Jim Morrison. Avrei voluto vivere ascoltando solo i miei sentimenti e sforzarmi di vedere il mondo con l'occhio interiore che troppo spesso in questo mondo è annebbiato . Per me superare le porte della percezione era questo,curando la nostra sensibilità riusciremo a vivere intensamente, a trovare nuovi significati in tutto ciò che ci circonda. Così la vita a nessun uomo apparirebbe troppo breve, o poca cosa, perché" se le porte della percezione saranno aperte all'uomo il mondo si mostrebbe come in effetti è :infinito "(W. Blake). Solo che la strada che porta una vita simile è una strada buia, della felicità e della sofferenza, della solitudine e della paura .

Non vi è alcuna conessione tra le mie riflessioni e la mia vita. Non mi troverete fuori di casa in una giornata di pioggia, non mi vedrete vagabondare per il mondo, non mi vedrete camminare in strade malfamate, in locali bui, a contatto con il peggio della società. Io mi limito a sognare un futuro impossibile, mi chiudo in me stesso e di me stesso provo a riempirmi. Il contatto con la società, con i miei coetanei mi rivela quello che io mi rifiuto a chiamare realtà (la realtà esiste nell'individuo, la poesia in questo senso ha la stessa realtà della storia, sforzarsi di vivere in modo più intenso è guardare più lontano ) ma nonostante questo uscire di casa per me è un esperienza devastante.

Ormai mi accorgo che ogni giorno ripeto Sempre le stesse cose. A scuola mi tormento, fin quando solo la morte mi pare l'unica via che mi resta. Torno a casa, smetto di pensare al suicidio , come se l'immagine della mia morte mi avesse già calmato. Ho dei momenti di confusione, mi riposo a letto e fantastico sulla mia vita,mi deprimo e poi totale apatia per il resto della giornata.

Riuscite a capire cosa significa vivere così? Io sento come se un vetro mi Separasse dal mondo esterno, provare emozioni, commuoversi, piangere e ridere ma non riuscire mai, mai a mostrare qualcosa che non sia quel mio bianco volto impassibile. Mi guardo e mi chiedo come può un uomo passare certi tormenti eppure non mostrare esteriormente il minimo cambiamento.

È vero, probabilmente soffro di qualche disturbo psicologico, ma cosa dovrei fare? La possibilità di un cambiamento mi terrorizza, come un funambolo mi sono creato un sottile equilibrio nella vita vera che mi permette di sopravvivere. Mi sento solo dannatamente stupido...non posso fare altro che scrivere queste lettere dalla prigione che mi circonda, non avrò mai il coraggio dico mai di dire ai miei genitori di dover andare da uno psicologo. Inoltre abito in una città non molto grande, non potrei andare da nessuna parte di nascosto senza far sospettare qualcosa.

Allora perché scrivi qui? Il supporto di un sito non potrà mai darti l'aiuto che ti serve.. Probabilmente lo faccio solo perché desidero essere compatito, perché desidero che qualcuno mi dica che sto davvero soffrendo ( già.. Dopo alti e bassi mi chiedo com'è possibile che stessi così male). Vorrei raccontarvi d'altro, della mia vita, ma decido di chiudere qui questa lettera. Infinitamente grazie per aver letto.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R



Gentile Utente,
accolgo la sua richiesta di aiuto e la sua grande sofferenza. Vorrei partire da una sua affermazione: “ Dio solo sa che nonostante tutto questo io amo la vita! Non dirò mai, dico mai la vita fa schifo, è colpa della società o altre cose del genere. Io amo troppo la vita, ma la vita mi è estranea, non sono stato mai capace di vivere”. Il suo tormento può trovare una spinta propulsiva all'azione proprio in queste parole.

In lei c'è Eros, inteso freudianamente, ovvero c'è amore e voglia di investire nei confronti della vita. Subodoro che forse le sue parole possano essere dettate, più che da una deprivazione di senso generale, da una rabbia mista a delusione. Tale matassa emotiva necessita di essere sbrogliata. Purtroppo non è possibile farlo in questa sede, come lei ben sa. Un setting psicologico vis à vis può aiutarla. Non è una vergogna ricorrere ad un aiuto esterno. Tutti noi abbiamo momenti di crisi e di disorientamento e chiuderci in un'armatura di dolore e tormento rischia di essere distruttivo. Cadere in un loop di pensieri mina la possibilità di scovare una via di uscita.

Cerchi di aprirsi, come ha fatto qui, con i suoi punti di riferimento magari potrà scoprire una disponibilità all'ascolto e alla comprensione maggiore di quello che pensa. La saluto con delle parole di James Hillman, famoso psicologo definito anche come poeta dell'anima: “ogni persona è portatrice di un 'unicità che chiede di essere vissuta”.
Le faccio un immenso in bocca al lupo affinchè scopra cosa la sua unicità la spinge a realizzare.
Cari saluti.
Dr.ssa Valentina Bonaccio

 

(a cura della Dottoressa Valentina Bonaccio)

 

Pubblicato in data 25/11/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: morte adolescente tempo lettere suicidio realtà dolori

0
condivisioni

Guarda anche...

Ricerche e Contributi

Il caso clinico di Gloria

L’Adult Attachment Projective Picture System (APP): un metodo proiettivo da abbinare alla psicoterapia di pazienti gravemente traumatizzati Nel presente articolo verrà presentato un caso clinico...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Area Professionale

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Attivo il Forum sul Test I.Co…

Attivato sul Forum di Psiconline uno spazio, esclusivamente riservato ai professionisti, dedicato alla conoscenza e al confronto sul Test del Confine del Sè (I...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni