Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Controllare o no il telefono? (144767587447)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 819 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAle, 46

 

D


Buongiorno, scrivo per chiedere un parere su un ragazzo di 14 anni che è andato quest'anno alla scuola superiore.

Il suo rendimento scolastico è crollato: da bravissimo è passato a mediocre o insufficiente. Passa ore in casa, a suo dire a studiare, ma i risultati non arrivano.

A volte io o mio marito lo interroghiamo dopo che è stato tre ore a studiare e ci rendiamo conto che non ha imparato niente, come se non avesse studiato. Esce sempre meno con gli amici, a sentir lui per studiare, ma si capisce che gli interessa poco uscire. Io ho ipotizzato che il problema sia nell'attaccamento esagerato al suo telefono cellulare.

Quando gli chiediamo cosa faccia con il telefono è evasivo, ma dice che senza di esso sarebbe isolato. Una volta l'ho scoperto a usarlo di notte. Quando sono a casa mentre studia glielo faccio spegnere, ma è una lotta continua. La mia domanda è: è lecito secondo lei sottrargli di nascosto il telefono per capire cosa fa, vista l'età? Oppure è un tradimento del rapporto genitore-figlio? Io ho paura che ci sia qualcosa legato al telefono che lo disturba oppure lo distrae e gli occupa i pensieri in maniera eccessiva. Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R


Gentile utente

comprendo molto bene le ansie che un genitore può covare nel vedere cambiare i figli. Il ragazzo è entrato in un'età e in una fase di vita molto particolore, l'adolescenza. Il cambiare ciclo di istruzione spesso altera l'andamento scolastico perchè magari bisogna abituarsi a nuovi modelli di insegnamento e di studio, perchè bisogna relazionarsi con un nuovo gruppo classe o perchè c'è un malessere interno, indipendente dall'apprendimento scolastico, inesprimibile con le parole che riesce a trovare voce in un calo di rendimento.

Invece di sottrarre il cellulare a suo figlio e allentare la sua ansia, senza risolvere il problema, cerchi di parlare con lui. Si apra e provi a sondare il suo terreno emotivo odierno. Il suo istinto di madre già le sussurra che c'è qualcosa di più oltre un recuperabile calo di voti. Segua il suo istinto e si approcci a suo figlio cercando di impostare una comunicazione emotiva. Solo così è possibile avere un reale ascolto e una reale comprensione dell'altro e dall'altro. Inoltre le consiglierei di offrire a suo figlio anche la possibilità di ricorrere ad un aiuto esterno qualora sperimentasse dei blocchi nel riuscire ad aprirsi con lei o con il padre.

Un caro saluto

Dr.ssa Valentina Bonaccio


(a cura della Dottoressa Valentina Bonaccio)   

 

Pubblicato in data 3/11/2015

            

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia ragazzo studiare adolescenza scuola superiore telefono comunicazione emotiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. Freud utilizza il termine per i...

News Letters

0
condivisioni