Pubblicità

Controllare o no il telefono? (144767587447)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 1442 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ale, 46

D


Buongiorno, scrivo per chiedere un parere su un ragazzo di 14 anni che è andato quest'anno alla scuola superiore.

Il suo rendimento scolastico è crollato: da bravissimo è passato a mediocre o insufficiente. Passa ore in casa, a suo dire a studiare, ma i risultati non arrivano.

A volte io o mio marito lo interroghiamo dopo che è stato tre ore a studiare e ci rendiamo conto che non ha imparato niente, come se non avesse studiato. Esce sempre meno con gli amici, a sentir lui per studiare, ma si capisce che gli interessa poco uscire. Io ho ipotizzato che il problema sia nell'attaccamento esagerato al suo telefono cellulare.

Quando gli chiediamo cosa faccia con il telefono è evasivo, ma dice che senza di esso sarebbe isolato. Una volta l'ho scoperto a usarlo di notte. Quando sono a casa mentre studia glielo faccio spegnere, ma è una lotta continua. La mia domanda è: è lecito secondo lei sottrargli di nascosto il telefono per capire cosa fa, vista l'età? Oppure è un tradimento del rapporto genitore-figlio? Io ho paura che ci sia qualcosa legato al telefono che lo disturba oppure lo distrae e gli occupa i pensieri in maniera eccessiva. Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R


Gentile utente

comprendo molto bene le ansie che un genitore può covare nel vedere cambiare i figli. Il ragazzo è entrato in un'età e in una fase di vita molto particolore, l'adolescenza. Il cambiare ciclo di istruzione spesso altera l'andamento scolastico perchè magari bisogna abituarsi a nuovi modelli di insegnamento e di studio, perchè bisogna relazionarsi con un nuovo gruppo classe o perchè c'è un malessere interno, indipendente dall'apprendimento scolastico, inesprimibile con le parole che riesce a trovare voce in un calo di rendimento.

Invece di sottrarre il cellulare a suo figlio e allentare la sua ansia, senza risolvere il problema, cerchi di parlare con lui. Si apra e provi a sondare il suo terreno emotivo odierno. Il suo istinto di madre già le sussurra che c'è qualcosa di più oltre un recuperabile calo di voti. Segua il suo istinto e si approcci a suo figlio cercando di impostare una comunicazione emotiva. Solo così è possibile avere un reale ascolto e una reale comprensione dell'altro e dall'altro. Inoltre le consiglierei di offrire a suo figlio anche la possibilità di ricorrere ad un aiuto esterno qualora sperimentasse dei blocchi nel riuscire ad aprirsi con lei o con il padre.

Un caro saluto

Dr.ssa Valentina Bonaccio


(a cura della Dottoressa Valentina Bonaccio)  
Pubblicato in data 3/11/2015

            

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ansia ragazzo studiare adolescenza scuola superiore telefono comunicazione emotiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni