Pubblicità

ne volevo solo parlare (150695808962)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 626 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoPaulina, 16

 

domanda

 

 

Ciao,

ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi.

Ciò che vorrei i miei migliori amici non mi pensano ormai dai primi di giugno ora siamo ad ottobre e solo una ragazza di loro(ne siamo 5 in tutto) mi parla a stento
non capisco cosa succeda vorrei parlargli, ma loro sono tendenti all'attaccare le persone che li contraddistinguono e quindi ho paura che potrebbero trattarmi male.

Andiamo nella stessa classe e dato che gli altri compagni non sono molto legati a me , solo un ciao e arrivederci, sono sempre sola nel banchetto mi sento sola avevo solo loro ora nemmeno loro mi sono rimasti vorrei tanto palargli ma non so come iniziare mi dareste una dritta?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Cara Paulina,

al giorno d'oggi risulta sempre più difficile mantenere le relazioni, soprattutto all'interno di un gruppo della tua età.

Tuttavia, se ci tieni alla loro amicizia, dovresti cercare di capire come mai non ti parlano più e l'unico modo per scoprirlo, dal momento che tu non hai idea del perchè, è quello di parlarne con loro.

Lo so che non è facile fare il primo passo ma è meglio rischiare una risposta negativa che rimanere nel dubbio.

Spesso i giovani, quando non hanno il coraggio di farlo a voce, usano i social network ma per chiarire bene una situazione è molto più indicato farlo faccia a faccia.

Comunque, se tu sei convinta che non ci sia nessun motivo per non parlarti più e se in seguito al tentativo di chiarimento la situazione dovesse continuare, potresti provare a non cercarli più e a farti altre amicizie, perchè piuttosto che rincorrere le persone bisognerebbe trovare quelle che corrispondono la nostra amicizia per loro desiderio.

Infine, nel caso in cui ti sentissi troppo sola, puoi rivolgerti ad un esperto che ti aiuti a capire come mai riscontri queste difficoltà nel campo relazionale.

Cordiali saluti

A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante

 

Pubblicato in data 16/10/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: consulenza online gratuita amicizia adolescenza relazioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni