Pubblicità

Continui fallimenti e voglia di arrendersi (1454330550228)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 1909 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

 le risposte dellespertoAnonimo, 25

 

D

 


Buongiorno, vorrei qualche consiglio per far chiarezza sulla mia situazione, visto che non riesco a trovare il mio equilibrio in questo periodo.

E' sicuramente un periodo molto stressante ma non riesco a darmi pace.
Sono uno studente universitario e sono una persona molto autocritica. Diciamo che anni ed anni di pesanti insulti e critiche da parte di un mio genitore non hanno che contribuito alla formazione di questo mio carattere (i miei genitori sono separati da anni).

Sono sempre stato molto studioso, ma non nutrendo grande autostima di me e non essendo una persona decisa, per tutti gli anni di scuola non ho mai ricevuto quello che penso potessi meritare (pur avendo voti molto positivi);  alla fine questo mi ha portato ad impegnarmi meno di quanto fossi in grado.
Continuo a fare lo stesso errore tutt'oggi.

Quando arriva il periodo della sessione d'esami mi impegno e fatico per raggiungere il massimo, ma l'esito è sempre meno di quanto vorrei e così iniziano i tormenti. Dico a me stesso "non sono bravo", "gli altri riescono meglio di me" oppure "per quanto mi impegni non ottengo ciò che desidero".
In più tutti tendono a dirti la loro: partner, famiglia, amici.

Non so mai se accettare i voti in questione e se lo faccio mi tormento perché penso al fatto che non raggiungerò mai il massimo (110 e lode).
Non riesco ad alzarmi presto la mattina, non ho voglia di uscire di casa e non riesco nemmeno a farmi aiutare dalla mia partner che è l'unica persona davvero capace di risollevarmi.

Mi sento criticato persino da lei, anche se so che in realtà sta cercando di aiutarmi. Non voglio il contatto fisico, tendo a rispondere male a tutti in famiglia e mi irrito facilmente. Penso costantemente in negativo, desidero spesso piangere e mi sento oppresso da tutto.

Come devo fare? Non riesco nemmeno più a studiare e a breve ho altri esami.
Grazie in anticipo per l'attenzione.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R




Caro Anonimo, cosa intende esattamente con "voglia di arrendersi?" Vuole abbandonare gli studi o ha in mente altri pensieri?  
Emerge dalla sua mail un forte sentimento di oppressione, di critica che riceve dagli altri e che spesso si fa da solo; un vissuto di incapacità.

Sembra essere molto esigente con sé stesso, forse eccessivamente. Si da degli obiettivi molto alti, così tanto che sembrano irraggiungibili.
Ovviamente meno sono fattibili e realistici gli obiettivi che ci prefiggiamo, più sperimentiamo fallimenti e frustrazione. È come voler raggiungere una vetta così alta che il percorso è troppo stancante e spesso dobbiamo abbandonare a metà strada.

Dice di essere stato criticato aspramente da uno dei suoi genitori. A volte questo ci fa, erroneamente pensare, che siamo sbagliati e che non arriveremo mai a nulla; ma non siamo noi ad essere sbagliati, lo sono le richieste e le inguste critiche che riceviamo.

Non posso fornirle una pillola per risolvere subito la sua difficoltà, va indagata più a fondo, compresa nella sua complessità. La invito ad iniziare un percorso personale per liberarsi dei sensi di colpa che, ingiustamente prova, per essere stato sottostimato e sottovalutato per tanti anni.
A mano a mano si alleggerirà, avrà meno ansia e più energie da investire nel presente e per il futuro.

Non deve dimostrare nulla a nessuno. Deve solo imparare ad apprezzarsi ed iniziare a vedersi in modo più oggettivo, ovvero dirsi "bravo" quando fa bene e non pensare sempre "si però ... avrei potuto fare meglio" e quindi non provare mai soddisfazione per nulla!

 

(a cura della Dottoressa Alessandra Carini)

 

Pubblicato in data 03/02/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia difficoltà fallimenti frustrazione esami situazione equilibrio chiarezza periodo stressante oppressione critica vissuto di incapacità sensi di colpa soddisfazione,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni