Pubblicità

Non riesco ad andare da uno psichiatra (1562434905133)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 40 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSshx, 18

domanda

Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono di vivere normalmente.


I sintomi a cui mi riferisco principalmente sono: stanchezza sia mentale che fisica, sonnolenza, tristezza, sconforto, pessimismo, mancanza di energie e di voglia di fare, nervosismo e scatti d'ira, scarsa forza di volontà, problemi nell'avere qualsiasi relazione sociale, problemi con il cibo, tendenza a vivere nel mio mondo piuttosto che nella realtà.

Per rendere l'idea, anche se non ho mai avuto una diagnosi, cito il Binge Eating Disorder che descrive in modo pertinente il mio rapporto con il cibo, e il Maladaptive Daydreaming rispetto al quale ho avuto diverse conversazioni con persone che ne soffrono e mi sono ritrovata pienamente nelle loro esperienze e nei sintomi di esso.

Mi sto rivolgendo a questo sito perché non so cosa fare per contrastare la situazione. Passo le mie giornate in uno stato semi vegetativo, vivendo nella mia testa e non riuscendo, nonostante i miei sforzi, a fare nulla, neanche le cose in cui sono brava. Non posso rivolgermi a degli psichiatri dal vivo. O meglio, sono già stata mandata dai miei genitori da diversi psichiatri, ma non riesco in nessun modo ad aprirmi con loro.

Ho mentito a ogni visita che ho fatto, non sono riuscita ad essere sincera nonostante vorrei davvero, e il motivo è che ho dei gradi problemi di fiducia con tutti. Per capirci con problemi di fiducia intendo che in modo irrazionale sospetto sempre che gli altri, compreso chi fa lo psicologo, abbiano l'intenzione di farmi del male. Sono terrorizzata dall idea che se dico qualcosa i miei genitori possano venirla a sapere, anche se so che le visite psicologiche sono private.

Sono sempre angosciata da alcuni pensieri come l'esser seguita dai miei genitori, l'esser spiata da telecamere nascoste in casa, e cose di questo genere. Ho 4 amiche ma anche con loro accade la stessa cosa: sospetto che mi invitino ad uscire solo per prendermi in giro alle spalle etc.

Qualche mese fa ho cominciato a scrivermi con un ragazzo online, tanto per parlare, ma siccome si trattava di un sito che non richiedeva foto, ho cominciato a credere che quella persona fosse in realtà Giuseppe, un mio compagno di classe, che cercava di captare informazioni su di me per po prendermi in giro con gli altri. Mi rendo conto dell'assurdità di tutto ciò, ma non posso fare a meno di avere questi pensieri e questo è il motivo per cui non riesco a rivolgermi a uno psicologo dal vivo.

Ho considerato i siti online, ma non ho la possibilità di pagare senza che i miei genitori lo sappiano, e loro aono le persone di cui mi fido di meno. A causa di queste mie paure, non potendo andare da un professionista, non so cosa fare contro questi sintomi che ho descritto


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

Carissima Sshx,

rispetto alla tua situazione credo che sia necessario richiedere aiuto non solo allo psichiatra, adatto ad affidarti una diagnosi ed una cura farmacologica. Ti sarà anche utile un percorso di Psicoterapia in grado di sostenerti in ciò che sono le tue difficoltà.

Credo sia possibile trovare una Psicoterapeuta in grado di capirti ed ascoltarti nella tua reale sofferenza interiore. In base a ciò che hai scritto nella email ritengo che tu abbia difficoltà a fidarti di te stessa e degli altri. Bisognerebbe conoscere la tua storia sin dalle origini, il tuo vissuto personale e familiare.

Rispetto ai costi della Psicoterapia chiedi aiuto ai tuoi genitori. Loro capiranno che hai necessità di iniziare un percorso utile per la tua salute e per il tuo futuro.

Ti auguro tu possa trovare al più presto la strada per uscire da queste tue insicurezze.

Cordiali saluti

Pubblicato in data 08/07/2019

 

A cura della dottoressa Iolanda Lo Bue

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: consulenza online gratuita psicoterapeuta altro

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni