Pubblicità

Non ho voglia di fare niente (1473808341502)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 20426 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoVera, 22

 

D

 

 

Salve,
vi descrivo la mia situazione: da un pò di tempo non ho più voglia di fare niente, la mattina mi sveglio molto tardi e appena scesa dal letto vado a pranzare, dopo pranzo mi metto sul divano ma spesso non mi va nemmeno di seguire la tv e quindi mi riduco ad utilizzare passivamente il cellulare.

Siccome frequento l'università, il pomeriggio mi metto a studiare qualche oretta (tempo fa studiavo mattina e pomeriggio per un totale di circa 9 ore al giorno) ma anche in questo caso, la voglia non è molta.

Sono fidanzata da un anno. Quando sto con lui o quando esco con la mia amica (quelle poche volte essendo lei fidanzata) tutto mi passa. Appena torno a casa, ricomincia la solita routine che mi rende apatica e pigra.

A febbraio ho sperimentato il mio primo attacco di panico dopo aver deciso a novembre dello scorso anno di lasciare Napoli, la città in cui studiavo da un anno. Lì mi sentivo sola e il fatto di non aver trovato degli amici (non a convenienza) con cui uscire e svagarmi mi rendeva malinconica.

Studiavo solamente e trascorrevo le serata davanti alla TV con la mia dolce coinquilina, la quale non usciva di sera. Per me era più una mamma che un'amica (abbiamo 9 anni di differenza). Al primo attacco di panico mi sono rivolta subito ad uno psichiatra, con il quale ho iniziato una cura di cipralex e xanax.

Gli attacchi di panico non si sono più manifestati. Ho disturbi del sonno che vanno via via diminuendo seguendo le indicazioni dello psichiatra. Sono una persona particolarmente ansiosa e l'ansia si manifestava attraverso sintomi fisici.

Vorrei un consiglio su come porre rimedio alla voglia di non fare nulla, a questa stanchezza e pigrizia che mi accompagna durante le giornate.
Grazie in anticipo.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

 

Salve Vera,
Dalla sua mail leggo che è già seguita farmacologicamente da uno psichiatra e che la terapia la sta aiutando efficacemente. E questo è positivo.
Gli attacchi di panico non si sono più manifestati, ma perché li ha avuti? Che cosa le è successo?

Vera, lei parla di ansia e panico, ma racconta nella mail di un tono dell'umore triste, apatico.  Dice di non aver voglia di fare nulla e che solo ogni tanto quando è in compagnia questa sensazione cessa.

Quello che mi sento di suggerirle è di affiancare alla cura psichiatrica una psicoterapia che la aiuti a capire perché lei ha avuto e continua ad avere certi disagi che si manifestano in modi diversi (ansia, panico, apatia, disturbi del sonno) così che possa lavorare sulla causa, invece che lenire solo col farmaco.

Cordialmente

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 21/10/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ansia psicoterapia farmaci psichiatra malinconia apatia disturbi del sonno attacco di panico

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

News Letters

0
condivisioni