Pubblicità

Cambiamento d'umore (081041)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 398 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Linda, 27 anni

Buon giorno. Sono qui perchè ho bisogno di aiuto. Situazione familiare: sin da quando ero piccolissia sentivo la diversità di amore da parte dei miei genitori.

A 27 anni mi sento di dire che sento la mancanza di una madre, anche se fisicamente c'e, non e' mai riuscita a darmi l'amore che puo dare una madre ad un figlio.

Gelosa di quello che potevo evere io...doveva averlo anche lei, dalle cose piu banali a quelle piu serie. Prima arriva lei con i suoi bisogni, poi arrivano gli altri, tenendo presente però quello che le fa piu comodo.

Mio padre, un padre eccezionale, mi ha fatto e mi fa da padre madre amico. Lui c'e, non invade la mia vita, ma se ho bigno di lui, lui è lì. I miei si erano divisi nel 2000 e mia madre ha pensato bene di annunciarmi la notizia la vigilia di natale. Ora si sono rimessi assieme, lui la ama. Lei e' tornata con lui perche l'altro uomo, sul piu bello le ha detto: "no io sto con mia moglie".

Situazione lavorativa: sono un operaia, mi trovo bene, solo che sicuramente il negozio quest'anno chiuderà per fallimento.
Situazione affettiva: convivo da un anno, piu o meno. Lui ha due anni meno di me, e' un bravo ragazzo, mi ama, solo che quando si tranquillizza sul fatto che io sono li, non mi da piu attenzioni. La causa più frequente dei nostri litigi è il computer... lui ci passa troppo tempo. Nell'estate del 2004 l'avevo lasciato, non ero sicura se era veramente amore il mio. Stando da sola però, ho cominciato ad evere crisi, pianti, paure, rabbia. Lui era sempre lì, a dirmi che era lui la persona giusta, e che mi avrebbe aspettato fin che io non me ne fossi accorta. Cosi sono ritornata sui miei passi, ora stò bene con lui.
Il problema: ho perso una persona molto inportante nel 2000, morta per incidente stradale. Da li ho cominciato ad avere questi problemi. Mi sento sola e anche se a guardarmi sembro una persona forte, dentro sono di una insicurezza estrema. Anche se ho qualche kg in più, tutti mi dicono che sono una bella ragazza, pero' basta una qualsiasi persona di sesso femminile, anche la piu brutta di questo mondo, a mettermi in crisi. Io cambio spesso umore, vado dalla gioa contentezza, al pianto e al mio annullamento. Non si puo cambiare umore cosi', io ci sto troppo male. Un ultima cosa, io parlo molto con il mio ragazzo, mi piace il dialogo fargli capire i miei sentimenti, le mie emozioni... ma penso che lui faccia finta di capire. Ad esempio oggi, quando sono rientrata in casa, mi ha chiesto come era andato il lavoro, io gli ho risposto che mi sentivo giu,e che avevo solo voglia di piangere. Lui mi ha detto " bhe' perche'?"... poi e uscito per andare al lavoro dandomi un bacio .. Non caisce che volevo essere abbracciata... A volte penso di essere matta,e la mia paura piu grande e' di diventare come mia madre. Fin da piccola ho sempre combattuto il suo rancore, la sua ipocrisia verso tutto e tutti. Vi saluto augurandovi un'ottima giornata e grazie, anche se non mi rispondete, per lo meno mi sono sfogata.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

Cara Linda, va bene sfogarsi... ma é meglio capire un po' di più i tuoi sbalzi d'umore. Se é un fatto che dura da sempre probabilmente si tratta di ciclotimia, un disturbo dell'umore che potresti cercare di riconoscere e lavorarci su un po', prima per conviverci e poi per migliorarne il controllo razionale, sapendo che poi la voglia di piangere passa e ti puoi ritrovare con tutte le cose buone che hai: un padre affettuoso e comprensivo che c'é sempre quando ne hai bisogno, un ragazzo che sta con te e che ti bacia prima d'uscire sapendo che poi ti passa... Quanto al lutto che accenni d'aver passato potresti far tesoro maggiormente delle persone che ti amano e che adesso ci sono, sapendo che puoi perderle. La mamma invece bisognerà accettarla com'é, anche per l'amore che papà continua a dimostrarle nonostante tutto. Insomma ti sto suggerendo di tesaurizzare tutto il positivo che c'é nella tua vita per viverla più pienamente, grata dei suoi doni.

( risponde il dott. Cesare De Monti )

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: depressione umore

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni