Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Anoressia maschile (143799)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 143 volte

le risposte dellespertoElisa 28

Salve, sono un'insegnante di lettere presso una scuola media. Sospetto un caso di anoressia maschile in uno dei miei alunni, il ragazzo ha tredici anni e frequenta la seconda media. Negli ultimi mesi il rendimento scolastico dell'alunno ha subito un forte calo sebbene il ragazzo studi e sia seguito con cura dalla famiglia. L'alunno ha autostima molto bassa, è piuttosto insicuro e recentemente ha perso parecchi chili. Il ragazzo, generalmente molto preciso e puntuale, ultimamente è spesso distratto, non ricorda il materiale scolastico e mi sembra spesso triste e privo di energia. Parlando con la madre, ho riscontrato in lei le stesse apprensioni che provo io e lei ha aggiunto che il ragazzo non ha mai appetito e si sta dedicando ad attività fisiche in orari e luoghi inconsueti (ad esempio si nasconde in camera per fare delle flessioni). Vorrei chiedere un consiglio su come monitorare il comportamento dell'alunno in classe, e su come noi docenti potremmo essere di aiuto o quantomeno non compromettere ulteriormente la situazione. Ringrazio da subito per la disponibilità e attendo vostra risposta. Grazie. Elisa.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Cara Elisa, grazie del suo intervento e delle sue attenzioni. Gli insegnanti sono preziosissimi per evidenziare situazioni problematiche anche psicologiche degli allievi, soprattutto in età così critiche. Spero che il tuo esempio possa servire anche ad altri insegnanti. E' importante tenere occhi ed antenne ben aperte, segnalando a genitori ed eventualmente assistenti sociali ogni situazione ambigua o stranezze in ambito comportamentale, in quanto sono proprio gli altri ad accorgersi di cambiamenti come quello del ragazzo in questione, quasi sicuramente il ragazzo non si rende conto della gravità della situazione e si trova in un momento di disagio profondo che solo occhi esterni alla famiglia possono notare. Spesso neanche i genitori riescono a vedere certe situazioni o difficoltà relative ai figli perchè non possono tollerare che tale problematica possa avere colpito proprio loro figlio. E' davvero un bene che la madre provi la stessa apprensione e spero si attivi per dare supporto a suo figlio dal punto di vista psicologico. E' giusto tu tenga sotto controllo la situazione e il modo in cui i genitori interverranno, se ti sembra che non intervengano nel modo adeguato segnala subito la situazione agli assistenti sociali che sanno come e quando intervenire. E' un dovere sociale osservare e segnalare situazioni difficili ove i genitori non riescono ad intervenire, è fondamentale agire tempestivamente perchè se il ragazzo non sarà seguito al più presto da dottori e psicologi c'è un grave rischio per la sua salute e la sua vita. Un grande abbraccio e davvero Buon Lavoro! Saluti.

 

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato nel DSM, bensì un qualcosa di simile...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters