Pubblicità

Decisione scolastica (1516431360411)

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 739 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSimo, 45

domanda

 

 

Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle.

La maggior parte dei compagni di classe va da una parte. Il suo compagno di giochi da un 'altra. Il problema è che i due sono sì amici di gioco ma a scuola vedo che mio figlio si lamenta che lui gli tira il diario o altri oggetti,lo condiziona molto anche perché questo ragazzino( grande in realtà dimostra molti +anni per srazza) ha il sostegno per problemi di comportamento( gli danno meno compiti perché non li vuol fare) .

Mio figlio invece è timido, mingherlino ma pare che ha legato solo con lui. Da una parte lo cerca per giocare dall'altra si lamenta quando lo infastidisce. Ho pensato che forse deve frequentare scuole diverse da lui per avere modo di aprirsi di più. Cosa devo fare? Lui non sa decidere. Io da madre sento questa necessità di stacco. Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Gentile Simo, come madre è comprensibile che sia preoccupata per il benessere emotivo-cognitivo e sociale di suo figlio.

La invito a spostare la sua attenzione su una dinamica di gioco che accade tra suo figlio e il compagno di gioco, utilizzando il Triangolo Drammatico di karpman già spiegato in altre consulenze a cui ho risposto. Da ciò che scrive sembra che il suo bambino (...timido e mingherlino...) si relazione all'altro assumendo il ruolo di vittima(V)  cercando l'amico che risponde dal ruolo di Persecutore (P). Riporta infatti che "... sono sì amici di gioco ma a scuola vedo che mio figlio si lamenta che lui gli tira il diario o altri oggetti.."  Questa modalità di relazione interpersonale rientra in un gioco psicologico che porta con sè un tornaconto.

Le chiedo: "lei ha notato che questo atteggiamento lo fa anche con altri compagni, in casa? Ha pensato al perchè suo figlio cerca relazioni di questo tipo?"
Comprendere il perché è importante affinchè il suo bambino  non sia coinvolto in situazioni di scherno o divenire vittima di bullismo. Infatti vi sono due tipologie di vittime scelte da un bullo: vittima passiva o sottomessa che difficilmente sa reagire e difendersi oppure "vittima provocatrice"  che con i propri comportamenti sollecita e orienta verso sé stesso le condotte dei bulli.

Ritornando alla sua domanda "cosa devo fare?"

Io penso che il suo intuito le stia suggerendo una strada possibile ( ..Io da madre sento questa necessità di stacco.). Una seconda via è fornire gli strumenti al suo bambino per decidere in modo consapevole cosa è più funzionale per lui. Per questa ragione la invito a considerare l'opportunità di richiedere una consulenza psicologica per individuare con l'esperto le strategie più efficaci.

Pubblicato il 15/02/2018

 

A cura della Dottoressa Errico Silvia

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita scuola figlio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consulenza-info [1617960082929…

  Sarah, 19 anni   Salve, le scrivo per dirle che in questi momenti mi sento molto sola. Vorrei andare avanti nel mio percorso di vita ma ho t...

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti. Nel modello operativo del mondo...

News Letters

0
condivisioni