Pubblicità

Ansia perenne (1548091967786)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 403 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMadre ansiosa, 60

domanda

 

 

Ho un figlio unico di 30 anni che vive lontano,ma che io controllo ogni giorno sul telefono,verificando suoi ingressi in Facebook e wathsapp, per vedere se è vivo.

Se per caso il telefono è spento,comincia attacco d'ansia spaventoso, che tengo a bada.

Sto bene solo se lo vedo vivo sul telefono!

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Salve signora,

è comprensibile che un genitore possa sintonizzarsi sullo stato emotivo del proprio figlio, per cui se il ragazzo è triste, il genitore è triste insieme a lui, così come se questo è felice, il genitore può gioirne insieme a lui.

Nella sua breve descrizione emerge che in modo simile Lei sembra completamente coinvolta e sintonizzata con suo figlio, in modo paradossale, cioè in un modo che non funziona bene perché Le provoca un serio disturbo d'ansia.

La soluzione più semplice sarebbe per assurdo che suo figlio non spenga mai il telefono, ma credo di poter dire con assoluta certezza che non sia la soluzione migliore e soprattutto la più sana. L'aspetto che più di tutto emerge come necessario ma allo stesso tempo confuso è l'assenza di una relazione chiara e di fiducia tra di voi. Questa assenza porta ad un controllo divenuto ormai una dipendenza.

Per quanto possa risultare difficoltoso e non privo di sofferenza, diventa importante differenziare e non attribuire esclusivamente la propria esistenza all'identità genitoriale. Non è possibile immaginare di stare bene esclusivamente in modo dipendente dal controllo che attua tramite il telefono. Il benessere che sembra mancarLe è certamente qualcosa da ricercare anche su altri piani di funzionamento (coniugale, individuale, amicale, lavorativo...), pur mantenendo parte di questo benessere relativo anche all'importante piano genitoriale.

E' importante sottolineare che anche nei termini utilizzati emerge una difficoltosa relazione tra Lei e suo figlio, perché il "controllo" richiama una percezione dell'altro come incapace e/o una incapacità propria di tollerare l'angoscia dell'ignoto.

Ad entrambe le vostre età (60 e 30) è opportuno parlare della costruzione di una relazione da persona a persona che vede protagonisti due adulti che scelgono volontariamente cosa condividere con l'altro e cosa tenere per sé. Purtroppo il sogno di perpetrare l'esistenza di un cordone ombelicale è qualcosa che può illudere molte coppie genitore-figlio ma che troppo spesso ha esiti nefasti purtroppo più per il figlio.

Da buon genitore, come credo Lei sia, le suggerisco di fermarsi un attimo, e sia per se stessa che per la costruzione di una relazione più funzionale con suo figlio, è opportuno che possa parlare di questa situazione con il sottoscritto (tramite apposito canale online - vedi descrizione) o con un professionista della sua zona affinché possa meglio argomentare ed iniziare a lavorare su sé stessa per il suo bene e per il bene di chi vuole bene.

Cordialmente

 

 

Pubblicato il 25/01/2019

 

 

A cura del Dottor Vito Leone

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia consulenza online gratuita madre figlio ansia perenne

0
condivisioni

Guarda anche...

Psicopatologia

Il Narcisismo materno

Secondo la recente letteratura il narcisismo materno presenterebbe sei facce diverse che possono essere indentificate nell’estroversione eccessiva, orientamento alla realizzazione, componenti...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

News Letters

0
condivisioni