Pubblicità

Ansia perenne (1548091967786)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 542 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMadre ansiosa, 60

domanda

 

 

Ho un figlio unico di 30 anni che vive lontano,ma che io controllo ogni giorno sul telefono,verificando suoi ingressi in Facebook e wathsapp, per vedere se è vivo.

Se per caso il telefono è spento,comincia attacco d'ansia spaventoso, che tengo a bada.

Sto bene solo se lo vedo vivo sul telefono!

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Salve signora,

è comprensibile che un genitore possa sintonizzarsi sullo stato emotivo del proprio figlio, per cui se il ragazzo è triste, il genitore è triste insieme a lui, così come se questo è felice, il genitore può gioirne insieme a lui.

Nella sua breve descrizione emerge che in modo simile Lei sembra completamente coinvolta e sintonizzata con suo figlio, in modo paradossale, cioè in un modo che non funziona bene perché Le provoca un serio disturbo d'ansia.

La soluzione più semplice sarebbe per assurdo che suo figlio non spenga mai il telefono, ma credo di poter dire con assoluta certezza che non sia la soluzione migliore e soprattutto la più sana. L'aspetto che più di tutto emerge come necessario ma allo stesso tempo confuso è l'assenza di una relazione chiara e di fiducia tra di voi. Questa assenza porta ad un controllo divenuto ormai una dipendenza.

Per quanto possa risultare difficoltoso e non privo di sofferenza, diventa importante differenziare e non attribuire esclusivamente la propria esistenza all'identità genitoriale. Non è possibile immaginare di stare bene esclusivamente in modo dipendente dal controllo che attua tramite il telefono. Il benessere che sembra mancarLe è certamente qualcosa da ricercare anche su altri piani di funzionamento (coniugale, individuale, amicale, lavorativo...), pur mantenendo parte di questo benessere relativo anche all'importante piano genitoriale.

E' importante sottolineare che anche nei termini utilizzati emerge una difficoltosa relazione tra Lei e suo figlio, perché il "controllo" richiama una percezione dell'altro come incapace e/o una incapacità propria di tollerare l'angoscia dell'ignoto.

Ad entrambe le vostre età (60 e 30) è opportuno parlare della costruzione di una relazione da persona a persona che vede protagonisti due adulti che scelgono volontariamente cosa condividere con l'altro e cosa tenere per sé. Purtroppo il sogno di perpetrare l'esistenza di un cordone ombelicale è qualcosa che può illudere molte coppie genitore-figlio ma che troppo spesso ha esiti nefasti purtroppo più per il figlio.

Da buon genitore, come credo Lei sia, le suggerisco di fermarsi un attimo, e sia per se stessa che per la costruzione di una relazione più funzionale con suo figlio, è opportuno che possa parlare di questa situazione con il sottoscritto (tramite apposito canale online - vedi descrizione) o con un professionista della sua zona affinché possa meglio argomentare ed iniziare a lavorare su sé stessa per il suo bene e per il bene di chi vuole bene.

Cordialmente

 

 

Pubblicato il 25/01/2019

 

 

A cura del Dottor Vito Leone

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia consulenza online gratuita madre figlio ansia perenne

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni