Pubblicità

Coppia in crisi (1446719319491)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 916 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAurora, 40

 

D


Gentili dottori, non so più dove sbattere la testa, ho 40 anni sono sposata da 15 e da un anno a questa parte il mio matrimonio è in crisi.

La rivale in amore non è un'altra donna ma la suocera. Due anni fa avremmo avuto bisogno di aiuto morale ed economico (per malattia ho lasciato il lavoro), ma i suoceri si sono voltati dall'altra parte. Dallo scorso anno è iniziata la mia risalita, durissima ma tenace.

Mio marito ha fatto finta di nulla sul comportamento dei suoi e da quando sto meglio abbiamo iniziato a litigare su questo punto. A loro non importa di noi anche se prima li abbiamo aiutati in tutto e per tutto nelle loro vicende. Il punto delle liti è che lui continua imperterrito a far loro da schiavo e non ha mai contestato che non ci hanno dato una mano quando ne avevamo davvero bisogno.

Io ho smesso di servirli e così abbiamo chiuso i rapporti. Non riesco però a tollerare che mio marito li segua sempre pur vedendo che tutto quello che possiedono sta andando a suo fratello, doni, soldi, mantenimento, sebbene abbia un buon lavoro. Addirittura pagheranno tutte le spese delle sue prossime nozze e daranno agli sposi una casa gratis ristrutturata. Alle nostre nozze non hanno tirato fuori un soldo nonostante le promesse.

Mi infastidisce il servilismo di mio marito ed il fatto che metta sempre loro davanti a noi (abbiamo anche un bimbo). Ovviamente anche come nonni sono inesistenti! Conta solo l'altro figlio e la futura nuora. Io sto male nel matrimonio e mio marito non capisce che l'amore sta morendo!

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R


Cara Aurora, mentre leggevo ho contattato diverse emozioni rispetto il rapporto che ha con i suoi suoceri e le aspettative che aveva riposto: frustrazione, rabbia, risentimento per le attenzioni, le premure e le scelte che i suoi suoceri hanno nei confronti dell'altro figlio. Le prova anche lei? Se si, ha mai cercato un confronto con i suoi suoceri manifestando il suo disagio?

Vorrei portare la sua attenzione sul motivo della sua crisi. Immagino che per lei sia difficile comprendere la scelta di suo marito nel rispondere in modo adattato (servile) ad una modalità relazionale che probabilmente ha vissuto fin da bambino e che abbia conosciuto durante il periodo di fidanzamento. E' comprensibile che lei manifesti sentimenti di fastidio e poca tolleranza, fatica e stanchezza quando si sente non ascoltata nei suoi bisogni, che avverte da parte di suo marito come meno importanti.  
Ora le chiedo di riflettere con me sull'ultima frase "io sto male nel matrimonio e mio marito non capisce che l'amore sta morendo". Quali sono per lei i  motivi per cui il sentimento dell'amore in una coppia finisce?

Le indico alcune parole chiave, che se vorrà sarò lieta di approfondire con lei: reciprocità, condivisione, accoglienza, accettazione dell'altro, complicità, fedeltà, unità.
Mi soffermo sulla parola unità che richiama un'altra parola: "nucleo familiare". Quando due persone scelgono di camminare insieme per la vita ( matrimonio), costruiscono una casa tutta loro, distaccandosi dalla loro famiglia di origine per formarne una propria secondo il loro pensiero, la loro idea e contando sulle proprie risorse, punti di forza e tenendo in mente i propri limiti e quelli del partner per poter affrontare le difficoltà che potranno presentarsi.

Ricorda perché ha scelto proprio suo marito come compagno, come marito, amico, confidente e padre per i suoi figli? Che cosa le piaceva di lui? Con gli anni ci si conosce sempre di più ed insieme si cambia perchè noi per primi  e spesso con l'esperienza diventiamo consapevoli che non possiamo cambiare le persone e chi ci sta accanto, ma possiamo modificare i nostri atteggiamenti per raggiungere gli obiettivi che desideriamo.

E' chiamata a fare una scelta: vuole lottare contro gli atteggiamenti dei suoi suoceri che inevitabilmente si ripercuotono nella vita di coppia e famigliare, oppure invitare suo marito a prendersi cura insieme della vostra famiglia che ha mostrato dinanzi a difficoltà economiche e di salute di aver tutte le capacità di riconoscere e chiedere aiuto e di  attivare le risorse necessarie per superarle?

 

(a cura della Dottoressa Silvia Errico)

 

Pubblicato in data 11/12/2015

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: crisi difficoltà matrimonio suoceri litigare servilismo frustrazione risentimento fastidio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni