Pubblicità

Mi sono umiliata ancora (1454437391278)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 1573 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSara C, 18

 

D


Ho bisogno di qualcuno che mi convinca che non ho fatto niente di grave.

Premetto che sto passando un brutto periodo da 4 mesi a questa parte:il mio ragazzo mi ha lasciata dopo più di un anno.
Mi ha rovinata, sto male, sono depressa.. mi vedo orribile, non ho più autostima. Ho cominciato ad avere problemi legati al peso e paura di non essere abbastanza.

In questi ultimi giorni sono stata meglio, forse perché ho compiuto 18 anni e ho festeggiato con tutti, ma sono riuscita a rovinarmi anche questo. Infatti il giorno del mio diciottesimo compleanno lui mi ha fatto gli auguri; la sera del compleanno avevo bevuto un po' troppo, così mi è venuta in mente la grande idea di chiamarlo e gli ho anche chiesto di vederci per avere ulteriori spiegazioni sulla nostra rottura.

Ho fatto proprio una bella figuraccia e, anche se dopo gli ho chiesto scusa e ci siamo chiariti, non riesco a fare a meno di piangere per quanto mi sono umiliata. Sto tanto male adesso, ma lui non si meriterebbe niente da parte mia perchè mi ha lasciata al telefono dopo più di un anno di relazione, trattandomi male (anche se poi si è scusato di questo).

Nonostante tutto io vorrei comunque mantenere un buon rapporto con lui. Perché mi sento così stupida, sola e debole?
Ho bisogno di un aiuto, non ce la faccio più..ho bisogno di sentirmi dire che non ho fatto niente di così sbagliato o irrimediabile..ho paura di cosa lui adesso possa pensare di me.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R




Gentile Sara C, il malessere che senti non è dipeso da te, ma dal tuo ragazzo che ti ha trattata male.
Non occorre qualcuno per confermare il fatto che tu non abbia fatto nulla di male, e nemmeno che debba sentirti umiliata. Anzi chi ha sbagliato è stato proprio lui che oltretutto non ha avuto nemmeno il coraggio di esporti personalmente le motivazioni per le quali ha deciso di lasciarti, ma lo ha fatto per telefono.

Cerca di capire che tutto ciò che è accaduto, non lo hai generato tu e quindi non serve stare male per una persona che non merita. Io comunque ti consiglio di parlarne con uno psicologo, il quale può aiutarti a migliorare l’autostima e ripristinare il tuo benessere.
Un saluto.

 

(a cura della Dottoressa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 18/02/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

 

Tags: depressione benessere paura consiglio autostima ragazzo relazione malessere umiliazione peso rottura coraggio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni