Pubblicità

Non so più cosa voglio (156899247353)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 210 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Giusy, 33

domanda

Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita.

Ho 33 anni, sto insieme a Daniele da 8 anni e mezzo, conviviamo da 7 e da un anno siamo sposati ed abbiamo un bimbo. Ho sempre amato molto mio marito, abbiamo tutto in comune, è il mio migliore amico e confidente, l'unica persona di cui io mi possa fidare ciecamente, mi ama molto e cerca di aiutarmi quanto più possibile, è un uomo fedele e timido.

L'unico punto debole della mia storia d'amore è la sessualità, non mi sono mai sentita appagata al 100% ma venendo da anni di storie finite male (dove venivo tradita, non amata, dove ero l'amante inconsapevole) e dove ho sofferto tantissimo, ed avendo difficoltà con le relazioni in generale anche per colpa della mia infanzia ed adolescenza, ho cercato di non dare ascolto a queste mancanze, perchè in fondo mi sono detta, è un uomo meraviglioso, dolce, sensibile, mi ama, non c'è nessun'altro tranne che me, è un papà fantastico, mi rispetta, perchè dovrei fargli notare che a letto c'è qualcosa che non va?

Avevo paura di ferirlo, farlo sentire inadeguato, anche perchè lui a differenza mia, prima di me non ha avuto molte esperienze sessuali. Premetto che nell'ultimo anno ci sono stati tanti cambiamenti, ci siamo sposati e quasi in concomitanza ho avuto un bimbo, una bellissima gravidanza che però inaspettatamente mi ha portato ad un parto prematuro, a 31 settimane di gestazione, questo per me è stato destabilizzante e molto doloroso, sognavo un parto in acqua, dolce, in cui avrei potuto abbracciare il mio bimbo e portarlo a casa con me ed invece ho avuto si un parto naturale, ma non ho nemmeno visto mio figlio appena nato, se non dopo 3 ore, mentre era attaccato a mille tubicini e macchine all'interno dell'incubatrice.

Dopo tre giorni sono tornata a casa senza di lui e mi sentivo morire, ero vuota, lui non era più dentro di me e nemmeno tra le mie braccia a casa con me. Al quarto giorno poi è arrivata la brutta notizia, mio figlio aveva avuto un' emorragia cerebrale che poteva portare a danni alle gambe ma ovviamente avremmo dovuto aspettare, ci è caduto il mondo addosso, avevo mio marito con me, era agosto e lui era in ferie, ogni giorno eravamo in tin a trovare nostro figlio.

Mio marito spesso non piange anche se sta male ed io invece piangevo in continuazione, lui chiedeva a me come stesse nostro figlio, che sensazioni avessi io, e così io mi sono fatta carico di tutto, lo consolavo e mi fingevo ottimista e forte per lui, per tranquillizzarlo visto che lui va in ansia facilmente.

In realtà io mi sentivo così fragile, ma non lo davo a vedere. Ad un certo punto lui è dovuto tornare al lavoro ed io continuavo ad andare giornalmente in tin a trovare mio figlio, passavo tutto il giorno lì e tornavo a casa la sera tardi, a volte sono andata via prima, perchè magari mi sentivo giù o non riuscivo ad essere propositiva e non volevo che mio figlio lo sentisse, per cui a malincuore me ne andavo.

E' rimasto in tin 46 giorni. Ho avuto indicazioni dai medici sul da farsi per stimolarlo al meglio, e così facevo ogni giorno, in tutti i modi, a volte mi sentivo persa, non abbastanza brava ed avevo paura che i miei sforzi non fossero sufficienti, mi sono annullata completamente, ero solo la mamma di mio figlio, niente di più, mi sono trascurata come donna, fisicamente, ho trascurato mio marito ed il nostro rapporto.

Pubblicità

Per fortuna ai 6 mesi circa di età di mio figlio, capiamo che non c'è alcun danno cerebrale e che quindi lui è come un qualsiasi altro bimbo, comincio a respirare, e ricomincio pure a lavorare, in un luogo dove da tre anni ogni anno lavoro nei mesi da aprile a luglio. In questo studio ci lavora anche Davide, un uomo di 46 anni che non ho mai preso in considerazione gli anni precedenti, pur avvertendo di piacergli, quest'anno è stato diverso, perchè ho cominciato a non distogliere lo sguardo dal suo, ed il suo sguardo è sempre stato di desiderio nei miei confronti, questo mi ha fatto sentire di nuovo una donna, mi ha fatto sentire desiderabile, nonostante ancora avessi dei kg in più da smaltire dopo la gravidanza.

Mi piacciono gli uomini più grandi, anche mio marito ha 7 anni di più, li trovo affascinanti e mi piacciono le attenzioni che mi danno, l'essere galanti, Davide è così, mi dava attenzioni che non avevo più, mi faceva sentire di nuovo bella, faceva apprezzamenti su di me pur non essendo volgare.

Così ho cominciato a prendermi di nuovo cura di me, mi vestivo meglio, mi truccavo, ho cominciato a perdere il peso in più, insomma a tornare come prima, e lo facevo per me ma anche per lui, per piacergli ancora di più. Un giorno mentre eravamo da soli mi ha baciata e da lì abbiamo continuato a farlo quando potevamo, mi ha fatto provare delle emozioni che non ricordavo più, quelle del corteggiamento, dell'innamoramento, quando lo vedevo mi faceva venire il batticuore, non vedevo l'ora di poterlo vedere, e devo dire che, nonostante pensassi il contrario, non mi sono sentita in colpa o divorata dal senso di colpa, anche perchè poi abbiamo fatto sesso due volte, e devo dirlo, per me è stato il sesso migliore della mia vita.

Lui è sposato ed ha due figli ed anch'io ho la mia famiglia, non credo di essere innamorata di lui, anche perchè non lo conosco così tanto, e anzi su certe cose abbiamo visioni di vita completamente diverse, inoltre la nostra relazione è senza sbocchi, io credo ancora di amare mio marito e non voglio vivere senza di lui, ma Davide mi corteggia e mi fa sentire viva, gli ho detto che per me non è solo sesso perchè sono coinvolta emotivamente e lui mi ha risposto che per lui è lo stesso, vorrei chiudere ma forse non lo voglio fino in fondo perchè comunque lo penso e mi manca, e mi piace quando mi scrive.

Quello che è accaduto con Davide, mi ha fatto pensare molto al mio rapporto con mio marito, per cui gli ho parlato a cuore aperto dicendogli che ci sono delle cose su cui lavorare, sulla nostra sessualità in primis perchè voglio sentirmi appagata con mio marito, ma anche perchè ho avuto il dubbio di non amarlo più, forse per delle frasi dette da lui che mi hanno ferita (seppur so che sono frasi dettate dalla stanchezza), il sesso con mio marito è migliorato, tra l'altro abbiamo ricominciato a fare l'amore proprio quando Davide ha cominciato a corteggiarmi, alla fine da questo punto di vista forse è stato terapeutico perchè facevo l'amore con mio marito nonostante mi sentissi con Davide, e persino quando io e Davide lo abbiamo fatto, tornando a casa, ho fatto l'amore anche con mio marito, perchè lo desideravo.

Quello che mi destabilizza è il non sapere con certezza cosa provo per mio marito, lo guardo e mi piace, gli voglio bene e credo pure di amarlo, però non mi fa lo stesso effetto di Davide, anche se all'inizio invece era così...forse devo accettare solamente che certe sensazioni si provano all'inizio di una relazione e poi svaniscono, però mi fanno stare così bene che faccio fatica a non volerle più provare.

Tra l'altro ho scoperto una parte di me che non avrei mai pensato di avere, fino a qualche mese fa ho sempre pensato che non avrei mai tradito (ed era sempre stato così), anzi ho sempre pensato che chi tradisce è una brutta persona e non va perdonato e vuol dire necessariamente che non ama, ma ora non so più cosa penso, mi sono sentita una brutta persona ma non in colpa, alla fine forse non è tutto nero o bianco come ho sempre pensato.


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

Carissima comprendo le difficoltà che hai affrontato come madre con un vissuto in cui hai avuto paura di perdere tuo figlio e di doverti concentrarti su di lui per permettergli di rimanere in vita, comprendo anche la tua necessità di dover conoscere te stessa, spesso subordinata nella tua esistenza. 

Non conosco le tue origini e le difficoltà che tu hai vissuto durante la tua infanzia e la tua adolescenza che comunque ti hanno reso oggi una donna insicura. È necessario che tu possa conoscere tutti i tuoi punti di forza ed i tuoi punti di debolezza.

Rispetto al tuo rapporto intimo con tuo marito, credo che a lui non sei mai riuscita ad affidare totalmente te stessa e per tale motivo non riesci a provare piacere fino in fondo. Riprendi te stessa, la tua femminilità non soltanto con i complimenti da parte di uomini, ma piuttosto con un'amicizia più profonda della tua persona, sia a livello affettivo, sia corporeo.

Ovvero imparare a capire cosa ti piace a livello sessuale dal tuo uomo, marito, dall'uomo che hai sposato e che deve impegnarsi ogni giorno nel renderti una persona felice.

Ti auguro tu possa affidare al lui ciò che realmente sei. Buon cammino e ti suggerisco inoltre, se hai le possibilità, anche di poterti fare sostenere da una Psicoterapeuta.

Cordiali saluti

 

Pubblicato in data 24/09/2019

A cura della dottoressa Iolanda Lo Bue

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita problemi di coppia marito relazioni coppia famiglia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Area Professionale

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni