Pubblicità

Presa in giro (1574783413891)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 164 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto 2Berna,  20 anni

domanda

 

 

Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione.

Mi chiamo benedetta e sono innamorata follemente di un ragazzo, siamo stati fidanzati 3 anni e mezzo e poi questa estate per una banalità mi ha lasciato. Io avevo scoperto che era andato in un locale da un profilo instagram, lui me lo aveva negato fino alla morte per poi dirmi che la nostra relazione poteva anche finire la perché io non mi fidavo di lui in quanto io volevo semplicemente risolvere la questione in maniera pacifica.

La nostra relazione si è complicata quando un anno fa lui è partito per il militare e sono caduta in una specie di depressione, non sono riuscita ad accettare il posto all'università dei miei sogni perché sapevo che lui aveva bisogno di me, la sua famiglia contava su di me ed io ho messo da parte il mio futuro per lui perché credevo ci fosse un futuro tutto nostro. La notte mi chiamava piangendo dicendo che voleva rinunciare a tutto e io mi facevo vedere forte come non mai mentre nel mio mi chiudevo nella mia camera a piangere quando terminava la web con lui.

Con il passare dei mesi mi ero abituata alla sua lontananza ,ma lui ogni sera continuava a chiamarmi rigetta domi addosso tutti i suoi problemi e una sera sono sbottata dicendogli "chi cazzo ti ha fatto fare il militare".

Ma io non sono certo di pietra e non sono forte come ho sempre fatto credere. Dopo quell evento ci siamo lasciati la prima volta e dopo due settimane la seconda.

Dopo due settimane inizi aprile più o meno lui e tornato e da lì sembrava tutto normale, io innamorata più di prima e ho continuato a mettere sempre lui al primo posto privandomi di ciò che volevo realmente.

Dopo 5 mesi succede quello che le ho già raccontato da lì mi. Sono sentita il mondo crollare addosso vedersi da un ti amo pronunciato la mattina ed essere lasciata così di punto in bianco nel primo pomeriggio non è facile.

Con una scusa o con un altra ci scrivavamo ma tornavamo sempre punto e a ca capo, lui che accusa me di essere una stalker, che non lo ama abbastanza e io che provavo a dimostrargli tutto l'amore.

Dopo un mese ci incontriamo a voce e finiamo per piangere entrambi, succede ciò che non doveva succedere e poi dopo mi riaccompagna a casa didicendo che non è cambiato nulla, ogni settimana che scendeva trovavo una scusa per parlare o almeno io trovavo le scuse. Verso fine ottobre cambia totalmente atteggiamento, mi dice che ha la voglia di riprovarci con me, parlavamo tutti i giorni, io ogni giorno gli dicevo quanto lo amassi ma questo a lui non bastava, io ogni giorno gli davo dimostrazioni, mi aveva fatto una lista di cose che gli davano fastidio tipo il fumo di sigaretta o il trucco eccessivo o la gonna troppo corta o che io avessi amici maschi ed io cercavo in tutti i modi di evitare quelle cose per lui, mi stava cambiando e io glielo lasciavo fare per lui. Ho perso 13 kg, non riesco più a trovare il sorriso e quello che dimostrò è solo un sorriso finto. Dopo due settimane lui mi fa credere di avere dei problemi li a Roma dicendomi di voler stare da solo che lui ha altro a cui pensare senza far caso ai miei sentimenti, a come potessi sentirmi io. Io che lo amo è palese, ho tradito amicizie per lui nascondendo le cose alle mie amiche più care e ai miei genitori, non riesco a stare con nessuno o a parlare con nessuno voglio solo chiudermi in me stessa e cercare di capire cosa abbia fatto di sbagliato.

Passo le notti in bianco senza dormire, non mangio e quel poco che mangio lo faccio perché costretta. Io voglio solo star meglio e vorrei avere lui con me anche se so che n dovrò accettare questa presa in giro.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

 

risposta

 

 

Salve, il fatto che voglia solo chiudersi in se stessa e vuole capire cosa abbia fatto di sbagliato é indice che lei non é felice, non pensa a se stessa, sceglie sempre cosa fa felice lui..

Si é mai posta la domanda di cosa potrebbe renderla felice o serena?

Se non ci ha mai pensato, potrebbe provare a piccoli passi fare ciò a cui ha dovuto rinunciare per dare dimostrazioni e affetto a l’altra persona!

In questa situazione dovrebbe fare una scelta, in quanto da quello che ha scritto vorrebbe essere felice e avere lui, ma in questo caso non é possibile.. perciò dovrebbe capire cosa é prioritario: se la sua felicità e realizzare i propri obiettivi  oppure mandare avanti una relazione che le causa sofferenza e dolore!

Le auguro una buona giornata!

 

Pubblicato in data 11/12/2019

 

Dottoressa Ilaria Luciani

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni