Pubblicità

Senza via di uscita (1571319488503)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 291 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

straniero66, 53

domanda

Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbiamo avuto periodi felici ed altri un po’ meno, abbiamo due figli di 10 anni di differenza, la piccola ora ha 11 anni.

Mia moglie ha un carattere che tende a predominare, a tratti sa essere anche molto aggressiva, ma è anche molto dolce, mentre io ho un carattere moto remissivo e passivo, tendo facilmente a soccombere e non so essere aggressivo.

Circa 5 anni fa, giocando con uno dei tanti giochi per smartphone, ho conosciuto una donna, anche lei sposata, tra noi è nata un intesa molto profonda, con lei mi sentivo diverso, meno passivo, però consapevole che era una intesa prevalentemente virtuale, con il costante dubbio (ancora oggi), se la nostra intesa poteva essere anche nella realtà, con questa donna ci siamo anche visti, sarà successo 6 o 7 volte, in macchina e per poche ore.

Per due volte ho cercato di chiudere questa storia, perché avere una relazione mi procurava forti sensi di colpa, ma non ci sono riuscito. Circa un anno e mezzo fa, mia moglie ha scoperto tutto, dopo la forte arrabbiatura iniziale, si è assunta anche lei le sue responsabilità per quello che era successo, e mi ha dato la possibilità di recuperare il nostro rapporto, abbiamo fatto percorsi terapeutici di coppia ed individuali.

Dopo tutto questo tempo non riesco a togliermi di testa la mia amica e questo non mi ha dato la possibilità di dedicarmi serenamente a mia moglie e recuperare il nostro rapporto, il mio pensiero continua ad essere condizionato dall'altra, anche se l’avevo bloccata sui vari social, cambiato numero ecc...

Circa dieci giorni fa l’ho richiamata, dicendolo a mia moglie (non riesco a nascondergli più nulla), chiaramente lei si è arrabbiata. Attualmente non riusciamo a stare bene insieme, io sto male, sento un senso di ansia costante, non riesco ad essere più sereno, non so quale può essere la via di uscita.

Nonostante tutto questo, io non riesco a lasciare mia moglie, l’idea di chiudere questa lunga storia con lei mi fa stare male, e credo che la stessa cosa valga anche per mia moglie, come se fossimo incastrati in una storia che non funziona più, che non riusciamo a far funzionare più. Non so quale possa essere la via di uscita. Aiutatemi


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

Buonasera,
la sua richiesta di aiuto è comprensibile rispetto alla sua crisi matrimoniale, credo legata a diversi fattori relazionali. Dopo tanti anni è normale sperimentare un disagio di coppia legato all'abitudine di stare insieme,  avendo perso di vista l'aspetto non solo di essere marito e moglie, ma anche nel potervi sentire anche amanti complici.

Riattivare la passione e l'intesa è un aspetto che dovreste ricreare insieme cercando di allontanarvi dalla routine quotidiana, facendo qualcosa di diverso. L'amore non è solo sentimento, ma anche una scelta. Inoltre avendo sua moglie un carattere forte potrebbe essere che i vostri ruoli si siano invertiti e che lei  non si senta abbastanza uomo.

È necessario che ognuno possa occupare il proprio posto nella coppia e possa come marito comprendere come potersi sentire attivo, partecipe e protagonista. Sua moglie dovrebbe fare un passo indietro e lei  potersi sentire pronto nel fare e nell'agire.

Cordiali saluti

Pubblicato in data 21/10/2019

A cura della dottoressa Iolanda Lo Bue


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita relazioni coppia famiglia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

News Letters

0
condivisioni