Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Antidepressivi, gravidanza e sviluppo neurologico del bambino

on . Postato in News di psicologia

L’assunzione di SSRI in gravidanza può aumentare il rischio di depressione infantile, una minore comunicazione emisferica e una debole sincronizzazione tra i ritmi corticali

antidepressivi gravidanzaSecondo un nuovo studio condotto presso la Helsinki University, l’esposizione fetale a farmaci antidepressivi quali SSRI (Inibitori selettivi del Re-uptake della serotonina) può influenzare l’attività cerebrale nei neonati.

La depressione e l’ansia sono comunemente trattati con farmaci SSRI in quanto sono ben tollerati e considerati sicuri durante il periodo della gravidanza e perchè non causano particolari malformazioni fetali.

Tuttavia, diversi studi su animali hanno dimostrato che l’esposizione precoce a tali farmaci può determinare cambiamenti microscopici nella struttura del cervello del feto, così come modificare la trasmissione neuronale.

L’effetto collaterale già noto di questi farmaci sui neonati è la “sindrome da SSRI”, ossia problemi respiratori durante i primi giorni di vita; in aggiunta, un recente studio Finlandese ha sottolineato come l’esposizione del feto a questi farmaci aumenti il rischio di depressione infantile.

Lo studio ha coinvolto 22 madri in trattamento farmacologico, e 62 che non assumevano farmaci, al fine di valutare se, a incidere sullo sviluppo neurologico e l’attività elettrica del cervello di questi neonati, fosse l’assunzione del farmaco o i sintomi psichiatrici della madre.

Dai risultati è emerso che nei neonati le cui madri utilizzano farmaci antidepressivi (SSRI) vi è una comunicazione neuronale meno organizzata tra gli emisferi cerebrali, nonché una debole sincronizzazione tra i ritmi corticali e questi risultati non sono correlati con i punteggi di depressione o ansia materna.

I ricercatori suggeriscono quindi un’accurata valutazione prima della prescrizione di tali farmaci, sottolineando che gli interventi non farmacologici dovrebbero essere il trattamento d’elezione per la depressione e l’ansia durante la gravidanza.

La recente esperienza con la terapia di gruppo ha infatti mostrato risultati promettenti nel trattamento della depressione o ansia durante la gravidanza, con effetti positivi che si estendono al benessere della madre e del bambino.

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

 

Tags: sviluppo cerebrale antidepressivi gravidanza SSRI depressione infantile comunicazione emisferica trattamento non farmacologico terapia di gruppo

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato nel DSM, bensì un qualcosa di simile...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di rimanere sola (14…

queenemy85, 33             Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare. ...

Pensieri fastidiosi (149511804…

Sara, 22              Buon pomeriggio! Mi chiamo sara e ho 22 anni vi scrivo per avere un parere esterno perche da ...

Minaccia di uccidersi ( 148516…

Actarus, 50         Buongiorno, ho 50 anni e sono sposato con una donna che mi ama da circa 20 anni, ed abbiamo due ragazze, una di 1...

Area Professionale

L'importanza del modello bio-p…

Nella gestione delle problematiche psicologiche e/o comportamentali, Il trattamento deve  ispirarsi al modello bio-psico-sociale e  affrontare tutti q...

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad a...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψ&al...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli spe...

News Letters