Pubblicità

Antidepressivi, gravidanza e sviluppo neurologico del bambino

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1093 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’assunzione di SSRI in gravidanza può aumentare il rischio di depressione infantile, una minore comunicazione emisferica e una debole sincronizzazione tra i ritmi corticali

antidepressivi gravidanzaSecondo un nuovo studio condotto presso la Helsinki University, l’esposizione fetale a farmaci antidepressivi quali SSRI (Inibitori selettivi del Re-uptake della serotonina) può influenzare l’attività cerebrale nei neonati.

La depressione e l’ansia sono comunemente trattati con farmaci SSRI in quanto sono ben tollerati e considerati sicuri durante il periodo della gravidanza e perchè non causano particolari malformazioni fetali.

Tuttavia, diversi studi su animali hanno dimostrato che l’esposizione precoce a tali farmaci può determinare cambiamenti microscopici nella struttura del cervello del feto, così come modificare la trasmissione neuronale.

L’effetto collaterale già noto di questi farmaci sui neonati è la “sindrome da SSRI”, ossia problemi respiratori durante i primi giorni di vita; in aggiunta, un recente studio Finlandese ha sottolineato come l’esposizione del feto a questi farmaci aumenti il rischio di depressione infantile.

Lo studio ha coinvolto 22 madri in trattamento farmacologico, e 62 che non assumevano farmaci, al fine di valutare se, a incidere sullo sviluppo neurologico e l’attività elettrica del cervello di questi neonati, fosse l’assunzione del farmaco o i sintomi psichiatrici della madre.

Dai risultati è emerso che nei neonati le cui madri utilizzano farmaci antidepressivi (SSRI) vi è una comunicazione neuronale meno organizzata tra gli emisferi cerebrali, nonché una debole sincronizzazione tra i ritmi corticali e questi risultati non sono correlati con i punteggi di depressione o ansia materna.

I ricercatori suggeriscono quindi un’accurata valutazione prima della prescrizione di tali farmaci, sottolineando che gli interventi non farmacologici dovrebbero essere il trattamento d’elezione per la depressione e l’ansia durante la gravidanza.

La recente esperienza con la terapia di gruppo ha infatti mostrato risultati promettenti nel trattamento della depressione o ansia durante la gravidanza, con effetti positivi che si estendono al benessere della madre e del bambino.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: sviluppo cerebrale antidepressivi gravidanza SSRI depressione infantile comunicazione emisferica trattamento non farmacologico terapia di gruppo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

News Letters

0
condivisioni