Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Cure palliative domiciliari o in ospedale?

on . Postato in News di psicologia

Le cure palliative a casa possono migliorare la qualità e la durata della vita

ospedale 1 05671Un nuovo approccio terapeutico per la gestione di pazienti affetti da una malattia terminale fornisce un'assistenza domiciliare che si occupa della riduzione del dolore e di altri sintomi fisici, oltre che di bisogni emotivi e spirituali della persona.

Tuttavia, i medici sono spesso riluttanti nei confonti di tale approccio perchè temono che il paziente, una volta lasciato l'ospedale, non riceva una cura medica adeguata fino alla fine dei suoi giorni.

Al contrario, uno studio Giapponese rileva che dei malati di cancro, che avevano ricevuto cure palliative domiciliari, vivevano più a lungo rispetto a coloro che avevano trascorso i loro ultimi giorni in ospedale. Tali risultati suggeriscono che gli oncologi, di fronte alla volontà del paziente di tornare a casa, non dovrebbero opporsi semplicemente per timore che le cure mediche vengano meno.

Jun Hamano, ricercatore dell' Università di Tsukuba in Giappone, insieme ai suoi colleghi, ha esaminato il suddetto risultato su un campione composto da 2069 pazienti, di cui 1582 trattati in ospedale e i restanti 487 con cure palliative domiciliari.

I risultati di questo secondo studio hanno nuovamente confermato che la durata della vita si prolunga quando un paziente terminale riceve cure palliative a casa. In aggiunta, questa ricerca è stata validata anche cambiando le caratteristiche demografiche e cliniche dei pazienti, così come altri fattori.

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

Tags: pazienti dolore approccio terapeutico cure palliative malattia terminale sintomi fisici bisogni emotivi cura medica oncologi caratteristiche demografiche

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

problemi generici (14950614224…

Michele076, 41              Soffro di continuo di ansia che mi debilita totalmente, tanto da non farmi nemmeno usci...

Ho paura di rimanere sola (14…

queenemy85, 33             Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare. ...

Pensieri fastidiosi (149511804…

Sara, 22              Buon pomeriggio! Mi chiamo sara e ho 22 anni vi scrivo per avere un parere esterno perche da ...

Area Professionale

L'importanza del modello bio-p…

Nella gestione delle problematiche psicologiche e/o comportamentali, Il trattamento deve  ispirarsi al modello bio-psico-sociale e  affrontare tutti q...

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia) La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nel...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolar...

News Letters