Pubblicità

Da bambini in situazioni a rischio ad adulti più violenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1009 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio fornisce il primo suggerimento scientifico che vivere nelle grandi città, sperimentando abusi fisici o sessuali, migrazione, consumo di cannabis o consumo problematico di alcool da parte di un bambino o dell'adolescente comporta un rischio maggiore di diventare un adulto violento.

rischio violenzaSecondo i ricercatori, lo studio dimostra che crescere in condizioni estreme della società può alterare l'espressione genica, il processo noto come epigenetica, i cambiamenti negli organismi causati dalla modifica dell'espressione genica piuttosto che l'alterazione del codice genetico stesso.

I 32 ricercatori, guidati dal dott. Hannelore Ehrenreich del Max Planck Institute of Experimental Medicine in Germania, hanno scoperto che i bambini e gli adolescenti che crescono con uno o più di questi fattori di rischio ambientale possono ricorrere alla violenza, all'aggressione e al crimine da adulti, indipendentemente da una malattia mentale di base.

Pubblicità

In uno studio precedente, i ricercatori hanno scoperto che la schizofrenia potrebbe svilupparsi circa 10 anni prima nelle persone geneticamente predisposte che crescono in condizioni ad alto rischio, come il maltrattamento infantile, l'abuso sessuale o il trauma cranico.

Il nuovo studio mostra che le stesse condizioni ad alto rischio hanno portato a una probabilità cinque volte maggiore per una persona di essere ricoverata in unità forensi a causa di comportamenti violenti.

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 1.500 persone che vivono con la schizofrenia, accessibili tramite l'Associazione di ricerca di Göttingen per la schizofrenia (GRAS), così come più di 550 membri della popolazione generale della Spagna.

I ricercatori hanno notato di aver preso in considerazione aspetti come la persona cresciuta in un'area a rischio, se viveva in una grande città o se era emigrata, aveva subito forme di abuso fisico o sessuale, usato cannabis o fatto un consumo problematico di alcol prima dei 18 anni.

I ricercatori hanno poi valutato se i partecipanti allo studio fossero stati condannati per crimini violenti come violenza sessuale, omicidio colposo o omicidio.

Lo studio ha rilevato che le persone che avevano sperimentato almeno uno dei fattori ad alto rischio avevano una probabilità leggermente superiore di diventare violentemente aggressivi.

Con ogni fattore di rischio aggiuntivo, questa possibilità aumentava gradualmente, in un modello di scala.

Quando tutti i fattori ad alto rischio sono stati considerati insieme, una persona con alto carico di rischio - tre o più di questi fattori di rischio - aveva 10 volte più probabilità di diventare violentemente aggressiva.

"I nostri dati supportano il concetto di uno sviluppo, indipendente da malattie, di aggressione violenta nelle persone esposte a molteplici fattori di rischio ambientale pre-adulto", ha affermato Ehrenreich.

"In tutti i gruppi, l'accumulo di fattori di rischio ambientali pre-adulti è stato associato in modo molto significativo alla condanna a vita per atti violenti o alti livelli di psicopatia e aggressività-ostilità come portatori di aggressione violenta e violazione delle regole. Sorprendentemente, notiamo che la composizione dei fattori di rischio è intercambiabile".

I ricercatori hanno successivamente effettuato analisi epigenetiche complete dei campioni di sangue di un sottogruppo di 142 persone.

Livelli più alti di mRNA di istone-deacetilasi1 (HDAC1) sono stati trovati nei campioni di 33 uomini con un profilo ad alto rischio. HDAC1 è un "mediatore ombrello" di processi epigenetici e cambiamenti che possono essere influenzati da fattori ambientali, spiegano i ricercatori.

"Questo è un primo piccolo accenno di alterazioni epigenetiche nei nostri soggetti ad alto rischio", ha affermato Ehrenreich.

"I risultati di questo studio dovrebbero motivare le azioni socio-politiche, con l'obiettivo di identificare gli individui a rischio e migliorare le misure precauzionali", ha detto. "I fattori di rischio, intercambiabili nelle loro conseguenze a lungo termine, come urbanità, migrazione e abuso di sostanze, dovrebbero essere sempre più considerati attraverso una ricerca più intensiva sulla prevenzione primaria".

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry, che è stata pubblicata da Springer Nature.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: violenza rischio fattori di rischio abuso news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consulenza-info [1617960082929…

  Sarah, 19 anni   Salve, le scrivo per dirle che in questi momenti mi sento molto sola. Vorrei andare avanti nel mio percorso di vita ma ho t...

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

News Letters

0
condivisioni