Pubblicità

Da bambini in situazioni a rischio ad adulti più violenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 640 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio fornisce il primo suggerimento scientifico che vivere nelle grandi città, sperimentando abusi fisici o sessuali, migrazione, consumo di cannabis o consumo problematico di alcool da parte di un bambino o dell'adolescente comporta un rischio maggiore di diventare un adulto violento.

rischio violenzaSecondo i ricercatori, lo studio dimostra che crescere in condizioni estreme della società può alterare l'espressione genica, il processo noto come epigenetica, i cambiamenti negli organismi causati dalla modifica dell'espressione genica piuttosto che l'alterazione del codice genetico stesso.

I 32 ricercatori, guidati dal dott. Hannelore Ehrenreich del Max Planck Institute of Experimental Medicine in Germania, hanno scoperto che i bambini e gli adolescenti che crescono con uno o più di questi fattori di rischio ambientale possono ricorrere alla violenza, all'aggressione e al crimine da adulti, indipendentemente da una malattia mentale di base.

Pubblicità

In uno studio precedente, i ricercatori hanno scoperto che la schizofrenia potrebbe svilupparsi circa 10 anni prima nelle persone geneticamente predisposte che crescono in condizioni ad alto rischio, come il maltrattamento infantile, l'abuso sessuale o il trauma cranico.

Il nuovo studio mostra che le stesse condizioni ad alto rischio hanno portato a una probabilità cinque volte maggiore per una persona di essere ricoverata in unità forensi a causa di comportamenti violenti.

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 1.500 persone che vivono con la schizofrenia, accessibili tramite l'Associazione di ricerca di Göttingen per la schizofrenia (GRAS), così come più di 550 membri della popolazione generale della Spagna.

I ricercatori hanno notato di aver preso in considerazione aspetti come la persona cresciuta in un'area a rischio, se viveva in una grande città o se era emigrata, aveva subito forme di abuso fisico o sessuale, usato cannabis o fatto un consumo problematico di alcol prima dei 18 anni.

I ricercatori hanno poi valutato se i partecipanti allo studio fossero stati condannati per crimini violenti come violenza sessuale, omicidio colposo o omicidio.

Lo studio ha rilevato che le persone che avevano sperimentato almeno uno dei fattori ad alto rischio avevano una probabilità leggermente superiore di diventare violentemente aggressivi.

Con ogni fattore di rischio aggiuntivo, questa possibilità aumentava gradualmente, in un modello di scala.

Quando tutti i fattori ad alto rischio sono stati considerati insieme, una persona con alto carico di rischio - tre o più di questi fattori di rischio - aveva 10 volte più probabilità di diventare violentemente aggressiva.

"I nostri dati supportano il concetto di uno sviluppo, indipendente da malattie, di aggressione violenta nelle persone esposte a molteplici fattori di rischio ambientale pre-adulto", ha affermato Ehrenreich.

"In tutti i gruppi, l'accumulo di fattori di rischio ambientali pre-adulti è stato associato in modo molto significativo alla condanna a vita per atti violenti o alti livelli di psicopatia e aggressività-ostilità come portatori di aggressione violenta e violazione delle regole. Sorprendentemente, notiamo che la composizione dei fattori di rischio è intercambiabile".

I ricercatori hanno successivamente effettuato analisi epigenetiche complete dei campioni di sangue di un sottogruppo di 142 persone.

Livelli più alti di mRNA di istone-deacetilasi1 (HDAC1) sono stati trovati nei campioni di 33 uomini con un profilo ad alto rischio. HDAC1 è un "mediatore ombrello" di processi epigenetici e cambiamenti che possono essere influenzati da fattori ambientali, spiegano i ricercatori.

"Questo è un primo piccolo accenno di alterazioni epigenetiche nei nostri soggetti ad alto rischio", ha affermato Ehrenreich.

"I risultati di questo studio dovrebbero motivare le azioni socio-politiche, con l'obiettivo di identificare gli individui a rischio e migliorare le misure precauzionali", ha detto. "I fattori di rischio, intercambiabili nelle loro conseguenze a lungo termine, come urbanità, migrazione e abuso di sostanze, dovrebbero essere sempre più considerati attraverso una ricerca più intensiva sulla prevenzione primaria".

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry, che è stata pubblicata da Springer Nature.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: violenza rischio fattori di rischio abuso news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni