Pubblicità

Hai bisogno di una pausa mentale? Evita il cellulare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1170 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

In un recente studio, l'uso del cellulare durante le pause ha portato a un esaurimento mentale e a prestazioni peggiori.

spegni il cellulare

I ricercatori della Rutgers University hanno scoperto che utilizzare un cellulare per fare una pausa, durante le attività mentalmente difficili, non consente al cervello di ricaricarsi in modo efficace e può provocare prestazioni meno elevate.


L'esperimento, pubblicato sul Journal of Behavioral Addictions, ha assegnato agli studenti universitari la possibilità di risolvere complessi puzzle di parole. A metà strada, alcuni potevano fare delle pause usando i loro cellulari. Altri hanno fatto delle pause usando la carta o un computer, mentre alcuni non hanno fatto alcuna pausa.

I partecipanti che hanno preso pause telefoniche hanno sperimentato i più alti livelli di esaurimento mentale e sono stati tra i meno in grado di risolvere i puzzle in seguito. La loro efficienza e rapidità post-break era paragonabile a quelli senza pausa. Il loro numero di problemi risolti dopo la pausa è stato leggermente migliore di quelli che non hanno preso una pausa, ma peggio di tutti gli altri partecipanti.

I partecipanti che si sono presi una pausa con il cellulare hanno impiegato il 19% in più per svolgere il resto del lavoro, e hanno risolto il 22% in meno di problemi rispetto alle altre condizioni.

Pubblicità


"L'atto di utilizzare il telefono durante le attività sta diventando più comune. È importante conoscere i costi associati all'utilizzo di questo dispositivo durante ogni minuto libero. Supponiamo che non sia diverso da qualsiasi altra pausa, ma il telefono può comportare crescenti livelli di distrazione che rendono difficile riportare l'attenzione focalizzata sulle attività di lavoro," ha detto Terri Kurtzberg, co-autrice e professoressa associata di gestione e di business globale alla Rutgers Business School.

"I telefoni cellulari possono avere questo effetto perché anche solo vedere il telefono attiva pensieri di controllo dei messaggi, la connessione con le persone, l'accesso a informazioni sempre più ricche e altro, in modi diversi da come utilizziamo altri schermi come computer, e portatili," ha continuato.

Ai 414 partecipanti sono stati dati insiemi di 20 parole puzzle. Ad alcuni è stata concessa una pausa a metà strada, durante la quale è stato detto loro di scegliere tre articoli da acquistare con un budget specifico, utilizzando il proprio cellulare, un buono di carta o un computer. Gli è stato detto di digitare o scrivere i motivi delle loro selezioni.

Co-autore dello studio è stato Sanghoon Kang della Rutgers Business School.



FONTE:

  • Sanghoon Kang, Terri R. Kurtzberg. Reach for your cell phone at your own risk: The cognitive costs of media choice for breaks. Journal of Behavioral Addictions, 2019; 1 DOI: 10.1556/2006.8.2019.21


Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: salute mentale news di psicologia cellulare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni