Pubblicità

I bambini di genitori giovani e anziani condividono il rischio di alcuni disturbi dello sviluppo neurologico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 644 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I risultati di un nuovo studio pubblicato da Elsevier sul Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry (JAACAP), riportano che l'età dei genitori è legata al rischio per lo sviluppo di disturbi neuropsichiatrici nei bambini, incluso il disturbo dello spettro autistico (ASD) ; disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD); disturbo ossessivo-compulsivo (DOC); e sindrome di Tourette/disturbo da tic cronico (TD / CT).

genitori giovani e anziani

La giovane e l'avanzata età, al momento del concepimento, hanno precedentemente mostrato un aumentato rischio di diversi disturbi neuropsichiatrici nella prole, tra cui ASD, ADHD e schizofrenia.


Lo studio fornisce nuove prove sul collegamento tra l'età dei genitori e il rischio di TD/CT e OCD nei bambini, confermando le associazioni precedentemente segnalate tra l'età parentale più giovane e ADHD, e l'età parentale più anziana e ASD.

"Per la prima volta con un campione basato sulla popolazione, la nostra ricerca mostra che l'età dei genitori è collegata a rischi differenziali per i disturbi psichiatrici ad insorgenza pediatrica", ha dichiarato l'autrice Magdalena Janecka, PhD presso il Seaver Autism Center for Research and Treatment di New York. . "Questi risultati sono coerenti con un modello che include un'architettura di rischio distinta e condivisa per le condizioni neuropsichiatriche infantili e sottolineano che ci sono contributi unici dell'età dei genitori al rischio nei bambini".

I ricercatori del Tics and OCD Program presso il Seaver Autism Center for Research and Treatment, entrambi presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai Hospital, e la University of Aarhus' Lundbeck Foundation Initiative for Integrative Psychiatric Research (iPSYCH) hanno condotto un'indagine diagnostica incrociata sugli effetti dell'età materna e paterna al momento del concepimento e sulle condizioni neuropsichiatriche infantili, utilizzando un ampio campione basato sulla popolazione.

Il campione di studio era composto da 1.490.745 individui nati in Danimarca dal 1980 al 2007 con informazioni dettagliate sull'età dei genitori. Il gruppo è stato seguito fino a dicembre 2013. Casi di ASD, ADHD, OCD e TD / CT sono stati identificati nel registro centrale psichiatrico danese e nel registro nazionale dei pazienti.

Pubblicità


Attraverso questi approcci, gli investigatori hanno esaminato simultaneamente le relazioni di rischio tra l'età dei genitori e diverse condizioni psichiatriche nella prole. Hanno scoperto che l'età parentale più giovane era significativamente associata ad un aumentato rischio di ADHD e TD / CT, mentre l'età parentale più anziana era associata ad ASD e OCD.

Lo studio, tuttavia, ha anche scoperto che l'aumento del rischio associato all'età dei genitori al momento del concepimento è limitato e non dovrebbe influenzare le decisioni degli individui sull'età giusta per avere dei figli.

Secondo la dott.ssa Dorothy Grice, autrice dello studio e direttore del programma Tics e OCD del Mount Sinai Hospital, "abbiamo utilizzato un campione nazionale molto ampio di 1,4 milioni di bambini per questo studio e questo ci ha permesso una maggiore precisione nell'esame delle complesse relazioni tra l'età dei genitori e il rischio per la prole di imbattersi in alcune condizioni di salute mentale.

"I risultati del nostro studio aiuteranno a guidare la ricerca dei meccanismi specifici che influenzano il rischio di disturbi psichiatrici infantili".


Fonte:

  • Magdalena Janecka, Stefan N. Hansen, Amirhossein Modabbernia, Heidi A. Browne, Joseph D. Buxbaum, Diana E. Schendel, Abraham Reichenberg, Erik T. Parner, Dorothy E. Grice. Parental Age and Differential Estimates of Risk for Neuropsychiatric Disorders: Findings From the Danish Birth Cohort. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 2019; DOI: 10.1016/j.jaac.2018.09.447



Articolo a cura del dottor Andrea di Maio



Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: genitori bambini, news di psicologia disturbi dello sviluppo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Area Professionale

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni