Pubblicità

Impatto dell'identificazione nei gruppi minoritari sulla salute

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 988 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (15 Voti)

Alcuni studi suggeriscono che una forte identificazione con i gruppi minoritari può avere impatti negativi sulla salute mentale degli individui.

gruppiUna nuova ricerca suggerisce che sentirsi molto apprezzati dal proprio gruppo minoritario razziale, etnico o sessuale può avere alcune conseguenze negative per la nostra salute mentale.

I nuovi studi, pubblicati nelle riviste Group Processes & Intergroup Relations e European Journal of Social Psychology, suggeriscono che le persone che vedono le loro interazioni quotidiane attraverso la lente della loro etnia od orientamento sessuale hanno più probabilità di sentirsi come se avessero sofferto di discriminazione.

Ma sentirsi apprezzati da un gruppo sociale sembra essere più utile che dannoso per la salute mentale delle minoranze in generale.

"In parte, questo lavoro è stato motivato dal desiderio di comprendere meglio i determinanti sociali e psicologici della salute mentale delle minoranze (e allo stesso modo, il desiderio di aiutare a capire e in definitiva affrontare, le persistenti disparità razziali / etniche negli Stati Uniti)", ha spiegato l'autore dello studio Christopher T. Begeny dell'Università di Exeter.

"Penso che sia interessante il fatto che quando pensiamo al tema della salute mentale delle minoranze ciò che spesso viene in mente sono le esperienze delle minoranze con individui al di fuori del proprio gruppo minoritario, cioè le esperienze con discriminazione. E infatti negli ultimi decenni è quì che si è concentrata molta della ricerca sulla salute mentale delle minoranze ".

"Di conseguenza, ora disponiamo di una vasta gamma di prove che indicano che la discriminazione svolge un ruolo importante nella formazione della salute mentale delle minoranze. Ad esempio, essa è stata collegata a stati di maggiore ansia, sintomi depressivi e disagio psicologico - per non parlare dei numerosi collegamenti ad esiti avversi riguardo la salute fisica (come ad esempio, l’ipertensione, le malattie coronariche, l’asma, la bronchite cronica, il rischio di diabete ed ictus, un maggiore rischio per la dipendenza da alcool ed abuso di sostanze). "

"Solo di recente abbiamo visto emergere un corpo di ricerca che si concentra direttamente sulle esperienze intragruppo delle minoranze - ed in particolare sulle esperienze delle minoranze sul sentirsi apprezzati e ammirati tra i membri dell'ingroup etnico. L'attuale ricerca mirava a mettere insieme queste due aree di ricerca, esaminando il ruolo che le esperienze di entrambe le minoranze hanno con i membri dell’ingroup e dell’outgroup, considerando i processi dinamici che collegano i due ".

"In altre parole, nei precedenti lavori sulla salute mentale riguardanti le minoranze, l'importanza delle relazioni intragruppo è stata spesso oscurata dal focus sulle esperienze intergruppi delle minoranze; vale a dire, gli episodi di discriminazione. Questa linea di ricerca, al contrario, mira a fornire un quadro integrativo per esaminare sistematicamente sia l'influenza delle esperienze inter- e intragruppo delle minoranze sulla salute".

"In definitiva, si pensa che questo non solo crei un quadro più ricco e completo per comprendere la salute mentale delle minoranze, ma si avvicini anche alla realtà delle esperienze quotidiane, che spesso include lo spostamento fluido e frequente tra gli ambienti e gli incontri con i membri di ingroup ed outgroup. Quindi, in parte questa ricerca ci aiuta, dunque, a capire meglio la dinamica psicosociale che confina con queste esperienze".

In due articoli pubblicati, composti da quattro studi con 1.087 partecipanti in totale, Begeny e il suo collega Yuen J. Huo hanno trovato prove del fatto che sentirsi apprezzati nel proprio gruppo minoritario agisce come un'arma a doppio taglio per la salute mentale.

Negli studi erano comprese persone di colore, asiatiche, latine e omosessuali americane.

I ricercatori hanno scoperto che l'alta identificazione con il proprio gruppo di minoranza porta a percezioni più frequenti della discriminazione, che a loro volta si ripercuotevano negativamente sulla salute mentale degli individui, provocando ad es. un aumento dei livelli di stress e dei sintomi depressivi.

Pubblicità

"Intuitivamente, sembra che sia una cosa buona per le persone sentirsi apprezzate all'interno dei diversi gruppi sociali a cui appartengono. Eppure i risultati della nostra ricerca suggeriscono che mentre per le minoranze razziali, etniche e sessuali, ci sono davvero chiari benefici nel sentirsi apprezzati e ammirati all'interno del rispettivo gruppo di minoranza, ci possono essere, tuttavia, anche alcuni costi indiretti", ha commentato Begeny.

"Questi costi sembrano sorgere in parte a causa del modo in cui i sentimenti valorizzati all'interno del gruppo di minoranza promuovono la vigilanza per le varie e talvolta insidiose forme di discriminazione che esistono nelle nostre comunità e istituzioni".

Sebbene avere una forte identità sociale abbia alcuni risultati negativi, Begeny ha dichiarato che l'effetto complessivo è stato positivo.

"È anche molto importante essere chiari su quanto segue: negli studi che abbiamo condotto esaminando questi potenziali benefici e costi, abbiamo anche testato sempre empiricamente se i benefici superavano i costi. E in ogni studio, abbiamo costantemente riscontrato che i benefici superavano di gran lunga i costi", ha spiegato l’autore della ricerca.

"I risultati di questa ricerca indicano costantemente che è una buona cosa per i membri dei gruppi sociali stigmatizzati sentirsi apprezzati, ammirati e accettati dai membri del gruppo di minoranza (anche se forse questo comporta anche dei potenziali costi indiretti per la salute delle persone). Allo stesso modo possiamo suggerire che promuovere relazioni di ingroup di minoranza positive sia importante e benefico per la salute delle minoranze, in generale".

Ci sono, inoltre, anche alcuni modi attraverso i quali le organizzazioni possono cercare di attenuare le conseguenze negative di una forte identità sociale.

"La nostra ricerca suggerisce che nelle scuole così come nelle aziende e nelle organizzazioni, è importante creare spazi in cui relazioni di ingroup di minoranza positive possano essere sviluppate e rafforzate. Nei campus universitari, questo può includere comunità di apprendimento della vita razziale ed etnica (ad es. Quelle dell'UCLA, di UConn, di UofIowa, ecc.) ", ha dichiarato Begeny. "E nelle aziende / organizzazioni, questo può includere gruppi basati sui dipendenti focalizzati sulle minoranze, come gli ERG di Google (gruppi di risorse dei dipendenti), che in parte aiutano a connettere e supportare dipendenti che sono, per esempio, parte della comunità Gay, di colore o ispanici, donne, ecc. (Vedi: https://diversity.google/commitments/ per un elenco di ERG). "

"Si devono considerare questi spazi come un patrimonio ed una risorsa per la rispettiva comunità educativa o organizzativa (non una fonte di divisione o segregazione). Inoltre, anche se tali spazi potrebbero avere alcune (forse impreviste) implicazioni negative per la salute delle minoranze (come suggerisce la nostra ricerca, accrescendo la vigilanza delle minoranze verso espressioni di pregiudizio e discriminazione nei campus o sul lavoro e, in ultima analisi, fomentando lo stress psicologico), è importante tenere presente che: (a) i benefici per la salute associati a questi spazi saranno quasi certamente superiori a qualsiasi costo (anche in questo caso, come indicano i risultati della nostra ricerca), e (b) all'istituzione, azienda o organizzazione all'interno della quale tali spazi esistono essi potrebbero contribuire a mitigare eventuali effetti negativi sulla salute (pur preservandone i benefici). "

Pubblicità

"Quindi, in definitiva, avere accesso a queste risorse potrebbe aiutare a tamponare alcuni degli effetti negativi provocati dalle esperienze discriminatorie", ha continuato Begeny. "Inoltre, se un'istituzione sta lavorando attivamente per affrontare le forme di discriminazione esistenti ad es. all’interno di un campus universitario, allora l'istituzione cercherà, nel tempo, di ridurre effettivamente la quantità di discriminazione incontrata dalle minoranze in tale luogo".

"E, infine, notare che tali spazi possono aiutare a fomentare più azioni collettive", ha aggiunto Begeny. "Queste opportunità di azione collettiva potrebbero infine servire come una risorsa importante per gli individui delle minoranze, fornendo una forma di empowerment strumentale e psicologica che potrebbe aiutare a mitigare gli effetti negativi della discriminazione".

"Coerentemente con quanto suggeriscono i risultati delle nostre ricerche, prevediamo che questi tipi di spazi giochino un ruolo prezioso e importante all'interno di istituzioni educative, aziende, organizzazioni, ecc."

I due studi erano intitolati: “Is it always good to feel valued? The psychological benefits and costs of higher perceived status in one’s ethnic minority group” e “When identity hurts: How positive intragroup experiences can yield negative mental health implications for ethnic and sexual minorities”.

Tratto da Psy Post

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: salute mentale gruppi news di psicologia minoranze gruppo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

News Letters

0
condivisioni