Pubblicità

L'isolamento sociale è legato a un rischio più alto di morte

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 190 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un lungo studio dell'American Cancer Society collega all'isolamento sociale, un più alto rischio di morte per tutte le cause combinate, di disturbi cardiovascolari per ogni etnia studiata e aumentato rischio di mortalità per cancro.

Isolamento

Lo studio, è apparso sull' American Journal of Epidemiology, affermando che l'isolamento sociale viene preso in considerazione solo se gli studi mostrano che gli interventi siano efficaci, così come devono essere relativamente semplici e devono influenzare altri fattori di rischio; l'isolamento sociale sia inoltre associato con l'ipertensione, infiammazioni, inattività fisica, fumo e altri rischi per la salute.

L'isolamento sociale è stato collegato a una più alta mortalità nelle ricerche che hanno coinvolto degli adulti. Il nuovo studio è stato condotto dall' American Cancer Society's Kassandra Alcaraz, PhD, MPH, considerando le associazioni tra isolamento sociale e varie cause, disturbi cardiovascolari e mortalità per cancro e differenziando per genere sessuale ed etnia. Lo studio ha analizzato i dati di 580 individui, tra cui 182 inseriti nel Cancer Prevention Study-II nel 1982/1983, che sono stati seguiti fino al 2012.

Osservando il peso di una serie di componenti standard dell'isolamento sociale, come lo stato civile, la frequenza delle azioni richieste dalla propria religione, l'attività nei gruppi/club di incontro e il numero di amici/parenti stretti, ci danno un punteggio che va da 0 (poco isolato) a 1 (molto isolato) per ognuno dei fattori, per un totale di 5 punti nella scala dell'isolamento.

Per esempio, ad alcuni che sono sposati, frequentemente vanno a messa, frequentano club di incontro e/o gruppi attivi e hanno sette o più amici stretti gli è stato dato un punteggio uguale a 0. Ad altri con nessuna di queste cose ha riportato un punteggio uguale a 4. Hanno soprattutto scopero che, l'etina sembra essere un più forte predittore di isolamento sociale rispetto al genere; uomini e donne bianchi sono probabilemte molto più inseriti nella categoria meno isolata rispetto agli uomini e alle donne di colore. Nell'ampio campione, significativa è la positiva correlazione trovata tra isolamento sociale e tutte le cause di rischio di mortalità sopra i 30 anni del periodo di studio follow-up. Tuttavia, le associazioni era più significative nei primi 15 anni dello studio follow up.

 

Pubblicità

 

Il punteggio di isolamento sociale era associato positivamente con mortalità per disturbi cardiovascolari in ogni sottogruppo. Nonostante vi era un'associazione positiva fra il punteggio di isolamento sociale e mortalità per cancro tra gli uomini bianchi, non vi era un'associazione tra il puntiggio di isolamento sociale e mortalità per cancro tra uomini e donne di colore.

Ogni componente di isolamento sociale è stata associata a mortalità per disturbi cardiovascolari.

"Ricerche attuali indicano che un'insieme di misure dell'isolamento sociale rappresentano essere un predittore forte per il rischio di mortalità tra gli uomini e le donne sia bianchi che di colore" come afferamto dagli autori di questo studio. "Comparati con i meno isolati, i più isolati socialmente tra gli uomini e donne di colore presentano un doppio più alto rischio di morte, mentre gli uomini e le donne bianchi hanno un rischio più grande di morte, rispettivamente del 60% e dell'84%".

Gli autori affermano come nell'era dello sviluppo della medicina di precisione, le influenze importanti sulla salute, incluse quelle derivate dai fattori sociali, sono considerate per diventare più rilevanti per la cura clinica. Affrontando l'isolamento sociale con un approccio più olistico, glin autori hanno affermato questo: "La mancanza di connessioni interpersonali sembra essere particolarmente deleteria".

Gli autori consigliano una ulteriore meta analisi che possa identificare l'isolamento sociale come un fattore indipendente di rischio medio con consolidati altri fattori di rischio per mortalità come inattività fisica, obesità e una mancanza di accesso alle cure sanitarie. "Effettuando cambiamenti persistenti nell'intervento per fattori di rischio clinici modificabili come l'obesità, applichiamo approcci basati sull'isolamento sociale, però solo se può esserne stabilita l'efficacia".

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: morte isolamento sociale isolamento news di psicologia disturbi cardiovascolari

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni