Pubblicità

Solitudine. Chi ne soffre di più?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 548 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il più grande studio al mondo sulla solitudine. Una nuova ricerca aiuta a spiegare chi si sente solo e chi no.

 

solitudine

 

Ti sei sentito solo durante la pandemia di COVID-19?

Alcune persone si sono sentite sole, mentre altre sembrano aver affrontato molto bene il crescente isolamento sociale che deriva dalle misure volte a ridurre il numero di nuove infezioni in molti paesi. Ma perché alcune persone si sono sentite sole quando altre no?

La scienza psicologica sta solo iniziando a capire quali fattori influenzano la sensazione della solitudine. Un nuovo studio, ora pubblicato sulla rivista scientifica Personality and Individual Differences, ha fatto un passo importante verso una migliore comprensione delle differenze individuali nella solitudine.

Nello studio, gli scienziati hanno analizzato il più grande gruppo di volontari che sia mai stato studiato sulla solitudine. I partecipanti hanno preso parte al BBC Loneliness Experiment, un sondaggio online lanciato su BBC Radio 4 e BBC World Service.

Complessivamente, oltre 46.000 volontari di età compresa tra 16 e 99 anni hanno contribuito allo studio.

È importante sottolineare che i volontari provenivano da 237 paesi diversi, rendendolo finora lo studio più diversificato nella ricerca sulla solitudine. Poiché molti studi precedenti si sono spesso concentrati su persone provenienti da un determinato paese, i loro risultati potrebbero essere stati fortemente influenzati dalle norme culturali. Questa volta non è stato così.
I volontari hanno compilato un questionario online che indica quanto spesso e intensamente hanno vissuto la solitudine. Hanno anche risposto a molte altre domande su se stessi, come età e genere. Inoltre, i volontari hanno fornito informazioni sul loro lavoro e sul loro stato di relazione.

Lo studio ha rivelato tre risultati interessanti:

 

Pubblicità

 

1. L'età influisce sulla solitudine

Mentre si potrebbe pensare che le persone anziane possano sentirsi più sole, lo studio ha dimostrato che è vero il contrario: le persone anziane hanno chiaramente riferito una solitudine meno frequente rispetto ai giovani. In generale, le persone di mezza età erano più sole delle persone anziane e i giovani erano più soli delle persone di mezza età.

2. Il genere influisce sulla solitudine

Gli uomini hanno riportato una solitudine più frequente rispetto alle donne. Questa scoperta è stata influenzata anche dall'età. Mentre gli uomini di tutte le età si sentivano più soli delle donne, la differenza di genere era minima per le persone anziane.

3. La società influenza la solitudine

Le persone che vivevano in società individualiste (come gli Stati Uniti), in cui il successo individuale è un importante obiettivo di vita, riferivano una solitudine più frequente rispetto alle persone che vivono in società più collettiviste (come il Guatemala), in cui i bisogni e gli obiettivi di un gruppo più ampio come la famiglia sono più importanti del successo individuale. Questo effetto è stato più forte per gli uomini e le persone anziane.

Conclusioni:

Nel loro insieme, lo studio ha dimostrato che gli uomini più giovani che vivono in un paese individualista come gli Stati Uniti sono più vulnerabili alla solitudine. Le donne anziane che vivono in un paese collettivistico avevano meno probabilità di sentirsi sole. Queste informazioni potrebbero essere importanti quando si pianificano strutture di supporto per combattere la solitudine.

 

Riferimenti:

Manuela Barreto, Christina Victor, Claudia Hammond, Alice Eccles, Matt T. Richins, Pamela Qualter. Loneliness around the world: Age, gender, and cultural differences in loneliness. Personality and Individual Differences, 2020, in press.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: solitudine società culture individualiste differenze individuali culture collettiviste norme culturali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters

0
condivisioni