Pubblicità

Mindfulness disposizionale legata a valori glicemici sani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1381 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’essere consapevoli di sé, dei propri sentimenti, delle proprie azioni ed emozioni, può essere collegato all’avere livelli di glicemia nella norma nonché una migliore salute cardiovascolare

livelli di glucosio La mindfulness disposizionale è la propensione innata alla consapevolezza intenzionale.
Ciò significa essere consapevoli dei propri pensieri e sentimenti presenti; una sorta di autoconsapevolezza che una persona ha intrinsecamente e che impiega durante le attività quotidiane, in opposizione allo stato di mindfulness ottenibile tramite esercizi meditativi.

In un nuovo studio americano sono stati misurati degli indicatori di salute, tra cui la mindfulness disposizionale e il livello di glucosio nel sangue.
I ricercatori hanno trovato che coloro che avevano mindfulness avevano una probabilità significativamente maggiore di avere livelli di glucosio nella norma.

I risultati mostrano un’associazione, ma non specificano la relazione causa-effetto tra i due parametri.

Tuttavia questi risultati hanno ispirato parte di un'indagine condotta dalla Brown University, in cui i ricercatori stanno cercando di verificare se gli interventi che aumentano la consapevolezza sono in grado di migliorare la salute cardiovascolare.

L’ipotesi generale è che le persone che hanno una migliore consapevolezza di sé siano maggiormente in grado di trovare la motivazione, ad esempio nel fare più esercizio fisico o condurre una dieta, seguendo i regimi raccomandati dagli specialisti.

I ricercatori hanno cercato quindi di identificare i fattori che potrebbero spiegare il collegamento tra la maggiore consapevolezza e valori glicemici più sani.

Dalla loro analisi dei dati emerge che il rischio di obesità (le persone mindful hanno minore probabilità di essere obesi) e il senso di controllo (le persone mindful sono più propense a credere di poter cambiare molte cose importanti nella loro vita), potrebbero contribuire a spiegare il nesso.

Lo studio però - probabilmente a causa di un campione troppo ridotto per trarre conclusioni definitive -  non ha mostrato un legame diretto statisticamente significativo tra la mindfulness e il rischio di diabete di tipo 2, malattia metabolica riconducibile a livelli elevati di glucosio nel sangue.

Sono state poche finora le indagini epidemiologiche sul rapporto tra la mindfulness e il diabete o qualsiasi altro fattore di rischio cardiovascolare. Questa è una delle prime.

Sarebbe opportuno però replicare i dati in studi prospettici, basati su campioni più ampi.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: motivazione obesità autoconsapevolezza Mindfulness glicemia diabete salute cardiovascolare senso di controllo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni