Pubblicità

Psicopatia: tratti adattivi e tratti maladattivi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2513 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

La psicopatia è spesso associata ad una compromissione delle emozioni fondamentali e da assenza di paura. Ma nuove ricerche nella rivista scientifica Personality and Individual Differences hanno scoperto che alcuni psicopatici hanno livelli più alti di ansia e stress.

psicopatia stress ansiaLo studio mette in evidenza l'importanza di prendere in considerazione diversi tipi di psicopatia.

"Persone affette da gravi livelli di psicopatia mostrano delle particolari caratteristiche comportamentali essenziali (ad es. mancanza di empatia), spesso sono coinvolte in attività criminali (ad es. assumono o spacciano droghe, partecipano a furti) ed inoltre presentano spesso anche dei tratti di psicopatia adattativi periferici (ad es. stress e ansia, potenza sociale, audacia), ha spiegato l'autore dello studio Guillaume Durand dell'Università di Maastricht.

“Attualmente, la ricerca nel campo della psicopatia è divisa da due orientamenti di pensiero, il primo sostiene che la psicopatia non possa includere alcuna forma di tratti adattativi, mentre l'altro afferma che è comunque possibile trovare alcune caratteristiche adattive in individui psicopatici ” .

"Sono stati sviluppati diversi strumenti per indagare i tratti legati alla psicopatia, basati su questi due punti di vista”, con conseguenti e notevoli discrepanze tra i risultati ottenuti attraverso la loro somministrazione. Alcuni di questi strumenti, riscontravano, infatti, delle correlazioni tra i tratti adattativi e la psicopatia, mentre altri non evidenziavano la presenza di alcuna forma di comportamenti adattativi ad essa collegati ", come ha riferito il Dottor Durand.

Pubblicità

I ricercatori hanno selezionato 529 partecipanti attraverso una serie di test psicologici che misurano la psicopatia, la paura del dolore, dell'ansia e dello stress.
Hanno utilizzato un test a due scale, per indagare i due diversi tipi di psicopatia: “Dominanza di Senza Paure” (Fearless Dominance) e “Antisocialità Impulsiva” (Impulsive Antisociality). Il primo è associato con audacia ed assenza di paure, mentre il secondo tipo è associato all'egoismo, ed all'atteggiamento critico rivolto verso altri individui ed all'impulsività.

I risultati dello studio hanno evidenziato che i soggetti che ottenevano punteggi più alti nella scala Fearless Dominance tendevano ad avere meno paura del dolore e provavano meno ansia e stress. Al contrario, gli individui che raggiungevano punteggi più elevati nella scala Impulsive Antisociality tendevano invece ad avere livelli più alti di ansia e stress.

"Il presente studio suggerisce che la definizione di psicopatia da parte dei media (assassino di massa privo di qualsiasi forma di morale) è un bel tratto della verità", ha riferito Durand a PsyPost. "Mentre ovviamente esistono tali persone, esistono anche altri individui fortemente psicopatici che mostrano più caratteristiche adattative rispetto ai tratti maladattivi, rendendoli perfettamente adattabili nella società".

"Penso che per i laureati interessati a leggere ed a proseguire gli studi nel campo della psicopatia dovrebbero sempre considerare attentamente e scegliere quale dei due campi di ricerca preferiscono osservare, dato che i risultati su uno stesso argomento (ad esempio, i tratti psicopatici e il rapporto con la paura, lo stress e l'ansia) riscontrati in studi precedenti sono molto diversi in base al modello (con o senza caratteristiche adattative) utilizzato dai ricercatori " ha riferito l'autore dello studio.

Una diagnosi di psicopatia è spesso effettuata usando un test conosciuto come Hare Psychopathy Checklist-Revised. Ma questo test si concentra principalmente sui comportamenti e sui tratti maladattivi.

"L'obiettivo di questo studio è stato quello di esaminare la discrepanza dei risultati nel campo della psicopatia, dove i tratti adattativi del questionario erano negativamente correlati con la paura del dolore, dell'ansia e dello stress, mentre era stato riscontrato l’opposto con i tratti maladattivi", ha spiegato Durand. "Bisogna considerare che un individuo con gravi livelli di psicopatia ottiene generalmente punteggi elevati sia per quanto riguarda le caratteristiche adattative che per quelle maladattive e lo strumento utilizzato da questa ricerca, lascia aperto il problema dell'identificazione di queste persone".

Per risolvere questo problema, l’autore e la sua collaboratrice Erika Matsumoto Plata hanno recentemente pubblicato un articolo che descriveva il Durand Adaptive Psychopathic Traits Questionnaire (Durand, 2017; Journal of personality assessment), il quale è utilizzato per valutare esclusivamente i tratti psicopatici adattivi. Sarebbe opportuno concentrare i futuri studi sull'utilizzo di questo strumento in individui considerati “altamente psicopatici”, e ci si augura che permetteranno ai ricercatori di meglio distinguere ed identificare le persone affette da questi due differenti tipi di psicopatia.

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ansia stress paura psicopatia tratti maladattivi tratti adattivi; tratti;

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi.                   ...

News Letters

0
condivisioni