Pubblicità

Una fame di contatto sociale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1583 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I neuroscienziati scoprono che l'isolamento provoca un'attività cerebrale simile a quella osservata durante il craving di cibo

Una fame di contatto sociale

 

I neuroscienziati hanno scoperto che i desideri di interazione sociale provati durante l'isolamento sono neurologicamente molto simili al craving di cibo che le persone provano quando hanno fame.

Da quando la pandemia di coronavirus è iniziata in primavera, molte persone hanno visto i loro amici intimi e cari solo durante le videochiamate, se non del tutto. Un nuovo studio del MIT rileva che i desideri che proviamo durante questo tipo di isolamento sociale condividono una base neurale con le voglie di cibo che proviamo quando abbiamo fame.

I ricercatori hanno scoperto che dopo un giorno di isolamento totale, la vista di persone che si divertono insieme attiva la stessa regione del cervello che si accende quando qualcuno che non ha mangiato tutto il giorno vede la foto di un piatto di pasta al formaggio.

"Le persone che sono costrette a essere isolate bramano le interazioni sociali in modo simile al modo in cui una persona affamata brama il cibo. La nostra scoperta corrisponde all'idea intuitiva che le interazioni sociali positive sono un bisogno umano fondamentale e la solitudine acuta è uno stato di avversione che motiva le persone a riparare ciò che è carente, similmente alla fame ", afferma Rebecca Saxe, professore di cervello e scienze cognitive John W. Jarve al MIT, membro del McGovern Institute for Brain Research del MIT e autore senior dello studio.

Il team di ricerca ha raccolto i dati per questo studio nel 2018 e nel 2019, molto prima della pandemia di coronavirus e dei conseguenti blocchi. Le loro nuove scoperte, descritte su Nature Neuroscience, fanno parte di un programma di ricerca più ampio incentrato sul modo in cui lo stress sociale influenza il comportamento e la motivazione delle persone.

L'ex postdoc del MIT Livia Tomova, che ora è ricercatrice presso l'Università di Cambridge, è l'autore principale dell'articolo. Altri autori includono Kimberly Wang, un ricercatore associato del McGovern Institute; Todd Thompson, uno scienziato del McGovern Institute; Atsushi Takahashi, vicedirettore del Martinos Imaging Center; Gillian Matthews, ricercatore presso il Salk Institute for Biological Studies; e Kay Tye, professore al Salk Institute.

Desiderio sociale

Il nuovo studio è stato in parte ispirato da un recente articolo di Tye, un ex membro del Picower Institute for Learning and Memory del MIT.

In quello studio del 2016, lei e Matthews, allora un postdoc del MIT, hanno identificato un cluster di neuroni nel cervello dei topi che rappresentano sentimenti di solitudine e generano una spinta all'interazione sociale dopo l'isolamento.

Studi sugli esseri umani hanno dimostrato che essere privati ​​del contatto sociale può portare a disagio emotivo, ma la base neurologica di questi sentimenti non è ben nota.

"Volevamo vedere se potevamo indurre sperimentalmente un certo tipo di stress sociale, in cui avremmo avuto il controllo su quello che era lo stress sociale", dice Saxe. "È un intervento di isolamento sociale più forte che chiunque altro avesse provato prima".

Per creare quell'ambiente di isolamento, i ricercatori hanno arruolato volontari sani, che erano principalmente studenti universitari, e li hanno confinati in una stanza senza finestre nel campus del MIT per 10 ore.

Pubblicità

Non erano autorizzati a usare i loro telefoni, ma la stanza aveva un computer che potevano usare per contattare i ricercatori se necessario.

"Ci sono stati un sacco di interventi che abbiamo utilizzato per assicurarci che sarebbero stati davvero isolati", dice Saxe. "Dovevano farci sapere quando sarebbero andati in bagno in modo che potessimo assicurarci che fosse vuoto. Consegnavamo il cibo alla porta e poi gli mandavamo un messaggio quando era lì in modo che potessero andare a prenderlo. Davvero non era permesso vedere le persone. "

Al termine dell'isolamento di 10 ore, ogni partecipante è stato sottoposto a scansione in una macchina per la risonanza magnetica. Ciò ha posto ulteriori sfide, poiché i ricercatori volevano evitare qualsiasi contatto sociale durante la scansione.

Prima dell'inizio del periodo di isolamento, ogni soggetto è stato addestrato su come entrare nella macchina, in modo che potessero farlo da soli, senza alcun aiuto da parte del ricercatore.

"Normalmente, far entrare qualcuno in una macchina per la risonanza magnetica è in realtà un processo veramente sociale. Ci impegniamo in tutti i tipi di interazioni sociali per assicurarci che le persone capiscano quello che chiediamo loro, che si sentano al sicuro, che sappiano che siamo lì", Dice Saxe. "In questo caso, i soggetti dovevano fare tutto da soli, mentre il ricercatore, che era vestito e mascherato, stava semplicemente in silenzio e guardava."

Ciascuno dei 40 partecipanti ha anche subito 10 ore di digiuno, in un giorno diverso.

Dopo il periodo di 10 ore di isolamento o digiuno, i partecipanti sono stati scansionati mentre guardavano immagini di cibo, immagini di persone che interagivano e immagini neutre come i fiori.

I ricercatori si sono concentrati su una parte del cervello chiamata substantia nigra, una minuscola struttura situata nel mesencefalo, che in precedenza era stata collegata a craving di cibo e di droga.

Si ritiene inoltre che la substantia nigra condivida origini evolutive con una regione del cervello nei topi chiamata nucleo dorsale del rafe, che è l'area che il laboratorio di Tye ha mostrato essere attiva dopo l'isolamento sociale nel loro studio del 2016.

I ricercatori hanno ipotizzato che quando soggetti socialmente isolati vedevano foto di persone che godono di interazioni sociali, il "segnale di desiderio" nella loro substantia nigra sarebbe simile al segnale prodotto quando vedevano immagini di cibo dopo il digiuno.

Questo è stato davvero il caso. Inoltre, la quantità di attivazione nella substantia nigra era correlata alla forza con cui i pazienti valutavano i loro sentimenti di desiderio di cibo o di interazione sociale.

Gradi di solitudine

I ricercatori hanno anche scoperto che le risposte delle persone all'isolamento variavano a seconda dei loro normali livelli di solitudine.

Le persone che hanno riferito di sentirsi cronicamente isolate mesi prima della conclusione dello studio hanno mostrato voglie più deboli di interazione sociale dopo il periodo di isolamento di 10 ore rispetto alle persone che hanno riportato una vita sociale più ricca.

"Per le persone che hanno riferito che le loro vite erano davvero piene di interazioni sociali soddisfacenti, questo intervento ha avuto un effetto maggiore sul loro cervello e sulle loro auto-segnalazioni", dice Saxe.

I ricercatori hanno anche esaminato i modelli di attivazione in altre parti del cervello, tra cui lo striato e la corteccia, e hanno scoperto che la fame e l'isolamento attivavano ciascuna aree distinte di quelle regioni.

Pubblicità

Ciò suggerisce che quelle aree sono più specializzate per rispondere a diversi tipi di desideri, mentre la substantia nigra produce un segnale più generale che rappresenta una varietà di voglie.

Ora che i ricercatori hanno stabilito di poter osservare gli effetti dell'isolamento sociale sull'attività cerebrale, Saxe afferma che ora possono provare a rispondere a molte altre domande.

Queste domande includono come l'isolamento sociale influenza il comportamento delle persone, se i contatti sociali virtuali come le videochiamate aiutano ad alleviare il desiderio di interazione sociale e come l'isolamento influisce su gruppi di età diversi.

I ricercatori sperano anche di studiare se le risposte cerebrali che hanno visto in questo studio potrebbero essere utilizzate per prevedere come gli stessi partecipanti hanno risposto all'isolamento durante i blocchi imposti durante le prime fasi della pandemia di coronavirus.

Reference:

  1. Livia Tomova, Kimberly L. Wang, Todd Thompson, Gillian A. Matthews, Atsushi Takahashi, Kay M. Tye, Rebecca Saxe. Acute social isolation evokes midbrain craving responses similar to hunger. Nature Neuroscience, 2020; 23 (12): 1597 DOI: 10.1038/s41593-020-00742-z

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters

0
condivisioni